Recensioni Minute

Recensioni Minute - Tex: fino all'ultima pallottola

scritto da TeOoh!

Esistono, fortunatamente, diversi casi in cui, un fumetto o un personaggio iconico, passano nel mondo del Gioco da Tavolo senza dover necessariamente ritematizzare un "grande classico".
Non sono però così numerosi ed è per questo che quando mi è stato chiesto: "ma hai già visto il gioco di Tex?" sono stato un attimo titubante sulla risposta.
Vi spoilero subito che rientra nella prima categoria: no retheme.
E, dopo averlo giocato, ha superato pure la soglia per una rece.
Ecco quindi Tex: fino all'ultima pallottola, per 2-4-6 giocatori, durata 60 minuti di Giuliano Acquati, Fabio Civitelli, Simone Luciani, Lorenzo Tucci Sorrentino. Edito da Cranio Creations e Sergio Bonelli Editore.


La minutissima è: i giocatori, divisi in 2 squadre, contemporaneamente iniziano a lanciare e rilanciare i dadi forsennatamente bloccando quelli che sono soddisfacenti. Appena bloccati tutti, andranno a scegliere il proprio ordine di turno. Fatto ciò, a turno si spenderanno i dadi per eseguire azioni o sparare agli avversari (che scarteranno 1 dado per ogni ferita). Se a fine round, applicati bonus/malus a seconda della posizione di turno, un giocatore ha 2 o meno dadi, la squadra avversaria fa un punto e lui torna a piena vita. La squadra che raggiunge il massimo dei punti vince.

Il gioco ha qualche piccolo input in più da tener presente rispetto a quanto detto, ma in sostanza è semplicissimo da apprendere: le due fasi sono ben distinte e caratterizzate. Una frenetica, in cui prendere decisioni velocemente coordinandosi con la propria squadra e, eventualmente, optare per non avere un ottimo mix di dadi, ma posizionarsi in ordine di turno favorevole a raccogliere un bonus a fine round. Faccio notare, infatti, che l'ultimo a piazzare di fatto subirà 1 ferita secca.
La seconda invece è più tattica, bisogna spendere i dadi con l'ordine giusto, esser pronti a reagire alle mosse avversarie e aiutare la propria squadra con le carte azione giuste.

La sensazione di far parte di una squadra c'è ed è tangibile: si confabula molto e ci si sbeffeggia. Anche questa frenesia la trovo calzante per simulare un conflitto a fuoco. Non c'è tempo per pensare, ma bisogna agire d'istinto e... "il gringo più lento, è ovvio che subisca la palla in corpo".

Per i materiali, diciamo che essendo interamente illustrato e tematizzato come fosse un volume di Tex, direi che lascio semplicemente al gusto personale la valutazione. Ritengo che, per un appassionato del genere, sia un qualcosa da avere e gustare. Detto questo, non c'è bisogno di conoscere i fumetti per poter giocare correttamente al gioco.
Forse, essendo i personaggi molto diversi fra loro come mazzo azione personale, un amante della saga potrà sceglierli anche alla prima partita in base a come li conosce. Ma pure lasciarsi stupire ha il suo perché.

Devo trovarci qualcosa? Che la scalabilità è un po' strana. Per come è strutturato è impensabile giocare in numero dispari di giocatori (un giocatore dovrebbe lanciare 2 set di dadi contemporaneamente, arrivando praticamente sempre ultimo) e, se vogliamo, in 2 giocatori perde il gusto della fase di pianificazione. Risulta quindi godibile per un pubblico ampio, ma consigliato per 4 o 6 al tavolo.

Vi lascio al video di approfondimento e a un link Egyp!
Buona visione!

0 commenti:

Posta un commento

Powered by Blogger.