giovedì 3 agosto 2017

[La vedetta di KS] XXVIII puntata

scritto da Sayuiv (Yuri)

Puntata impegnativa. Mi ci è voluto un po' per sviscerare la nuova fatica dell'autore di Gloomhaven (ancora qualche mese e anche la mia copia sarà qui MWHUAHUAHUHAUAHA)... ehm, scusate, mi son distratto. Dicevo, ho cercato di dargli l'attenzione che un titolo di quel peso merita, visto tutto quello che c'è dentro. Anche Crusader è un titolo molto interessante. Per il resto lascio a voi la scoperta:
  • Founders of Gloomhaven
  • Crusaders: Thy Will Be Done
  • Who Goes There?
  • Star Scrappers: Cave-In
  • I K(S)orti


Founders of Gloomhaven
Scadenza: 10/08
Descrizione: Competitivo da 1 a 4 giocatori, sulla durata di circa 2 ore
Eccoci di fronte alla nuova fatica di Isaac Childres, autore di Gloomhaven, con un gioco di costruzione città ambientato qualche secolo prima delle avventure del suddetto gioco. Ci tengo a precisare che questa NON è un'espansione di Gloomhaven, bensì un gioco a sé stante. Ne avrei voluto parlare appena iniziata la campagna, ma vista la complessità del gioco mi sono preso un po' di tempo per studiarlo al meglio e descrivervelo. Quindi di cosa si tratta? Come anticipato i giocatori saranno impegnati nella costruzione della città di Gloomhaven, il tutto tramite una miscelanea di meccaniche che ricorda diversi giochi: mi sono venuti in mente attraverso le sue meccaniche Puerto Rico, Cottage Garden (o Patchwork se preferite), Brass, con una spruzzata di piazzamento lavoratori e asta alla cieca. Da dove iniziare? Vediamo un po'... ci sono 8 tipi di risorse primarie alle quali i giocatori avranno accesso per poter costruire edifici di rango superiore. A inizio partita, in fase di setup, i giocatori potranno scegliere una delle 8 razze a rappresentarli nel gioco. Ogni razza, oltre ad avere un potere speciale, di base ha accesso (ovvero ne è proprietaria) a una delle 8 risorse e allo stesso tempo sono indicate due delle 8 risorse di cui non potrà essere proprietaria. Per completezza saranno indicate anche le varie "ricette" dove questa risorsa è necessaria. In aggiunta a ciò e in base al numero dei giocatori, tramite la selezione di carte, ognuno potrà scegliere una risorsa aggiuntiva da possedere, con relative ricette ed esclusione di altre risorse.
Una volta fatto ciò i giocatori possono piazzare la tesserina con la risorsa primaria indicata nella scheda razza in una zona grigia della città con il proprio segnalino sopra, a indicarne il possesso. Il tabellone, che mostra la città, è suddiviso in 3 aree principali, separate da 1 fiume e da delle mura. In più ci sono zone di diverso colore: grigio per indicare la zona di partenza, rosso per le zone di entrata della città, azzurrine le aree costiere e verdi quelle boschive. Questo sarà molto importante, perché quando andremo ad eseguire una delle azioni principali del gioco il costo dell'azione cambierà in base al colore dell'area. La parte centrale del gioco è effettuata tramite la selezione azioni con delle carte. A inizio partita ogni giocatore parte con lo stesso set di 4 carte azione (5 in 2 giocatori) indicanti le 4 azioni principali. Premetto che ognuna delle 4 azioni iniziali, come per la scelta personaggio in Puerto Rico, permette al giocatore di effettuare l'azione descritta e a tutti gli altri giocatori di eseguire la stessa azione depotenziata oppure una delle azioni standard (prendere una moneta, piazzare una strada, piazzare un lavoratore).
Miglioramento Colui che sceglie questa azione può decidere di piazzare un edificio avanzato e una strada da piazzare prima o dopo l'edificio, mentre i giocatori che desiderano seguire l'azione potranno solo piazzare un edificio avanzato. Questa parte ricorda Cottage Garden. Gli edifici sono di 3 ranghi e formati da polimini. Quelli di rango 1 sono le 8 risorse primarie e occupano un solo quadratino. Le risorse di rango 2 (i cui edifici costano 4 monete) sono combinazioni di risorse primarie e hanno le forme più disparate (ad esempio combinando roccia con popolazioni possiamo piazzare l'edificio che produce mattoni). Gli edifici di rango 3 (dal costo di 6 monete) solitamente hanno almeno una risorsa prodotta da un edificio di rango 2. Sul loro piazzamento abbiamo delle restrizioni. Ad esempio un edificio non può essere adiacente a un nostro edificio (neanche in diagonale) e deve essere collegato attraverso l'uso di strade alle risorse richieste (nell'esempio di prima potremo piazzare l'edificio mattoni se con le strade raggiungo gli edifici roccia e popolazione). Vi starete chiedendo: se non posso possedere tutte le risorse del gioco sono limitato negli edifici costruibili, giusto? No, e qui entra in gioco la carta azione Scambio. Con questa azione abbiamo a disposizione una di 3 scelte. Possiamo piazzare un edificio di una risorsa in nostro possesso, piazzare l'edificio con il nostro token sopra, oppure piazzare un nostro token in un edificio posseduto da un avversario pagandogli il costo indicato. Così facendo metteremo il nostro token sotto al suo, in modo da ricordarci chi è il possessore, ovvero il token in cima, e avremo accesso a quella risorsa per costruire edifici avanzati. Ognuna delle 3 azioni di questa carta ha un costo variabile che cresce in base al colore del territorio in cui piazziamo o è piazzato l'edificio. Rosso costo minore, grigio medio, azzurino/verde costo maggiore. Per i giocatori che seguono è esclusa la possibilità dei territori azzurrino/verde. La terza azione a disposizione è il Reclutamento. In una piccola plancia esterna oltre agli edifici meraviglia (3 e ve ne parlo più avanti), sono presenti 4 carte "consiglieri". Queste carte sono una versione migliorata delle azioni base, con la possibilità per gli altri giocatori di seguire solo con azioni standard. Colui che ha scelto questa azione può reclutare un consigliere e acquisire un'influenza temporanea (gemme bianche), mentre chi segue può solo reclutare. Al momento della scelta del consigliere oltre a pagarne il costo indicato dovremmo avere accesso alla risorsa indicata in basso a sinistra e in più otterremo i punti influenza permanenti (gemme rosse) indicati in basso a destra. L'ultima delle azioni è Costruzione. Chi esegue l'azione principale può costruire una casa, un ponte o un cancello con lo sconto di una moneta, mentre gli altri solo a prezzo pieno (4 monete d'oro). Costruire una casa ci darà la possibilità di avere accesso a 1 dei 3 lavoratori (ci sono 3 case in tutto con un lavoratore ciascuno).
I ponti sono 2 e permettono di attraversare il fiume, mentre il cancello permette di creare un passaggio nelle mura. Ogni volta che utilizziamo una delle nostre carte questa va nel mazzo degli scarti e se ci sono almeno 2 carte negli scarti (3 in 2 giocatori) un giocatore può effettuare la "chiamata al voto". (Non mi è chiaro se la fase che andrò a descrivere vale solo per colui che ha fatto la chiamata o per tutti i giocatori, ma credo per quest'ultimi.) Una volta chiamato il voto si guadagna una moneta per ogni carta ancora in mano e poi si esegue un'asta alla cieca per decidere quali delle tre meraviglie disponibili costruire. Come detto prima, nella plancia a parte, oltre i consiglieri ci sono disposte 3 carte meraviglia ognuna assegnata a un simbolo. I giocatori in segreto scelgono uno dei 3 simboli sul quale puntare e decidono quanta influenza puntare. Bisogna considerare una cosa: l'influenza temporanea (bianca) ai fini del conto vale 1 e alla fine dell'asta verrà comunque persa. L'influenza permanente (rossa) vale 2 punti, ma può essere portata con noi fino alla fine della partita, quando varrà 1 punto vittoria. La scelta di quale meraviglia costruire è molto importante. Innanzitutto dopo l'asta e verificato quale meraviglia costruire, il giocatore che ha puntato più influenza sarà colui che deciderà dove piazzarla. In più questi sono gli edifici che assegnano il maggior numero di punti. Come? Una volta piazzata la meraviglia per finire la costruzione dovremo soddisfare tutte le risorse richieste su di essa, creando le strade che la collegano alle suddette. Queste solitamente sono risorse avanzate di rango 2 o 3. La cosa interessante e che mi ha ricordato Brass è il fatto che i punti assegnati si divideranno tra i vari edifici che hanno contribuito alla creazione di quella risorsa. Per fare un esempio: se la meraviglia richiede mattoni e per essi assegna 8 punti vittoria, il giocatore che controlla i mattoni riceverà i suddetti punti. Ma c'è un ma. Siccome per costruire l'edificio mattoni era richiesta la roccia e la popolazione, sulla tessera dell'edificio è indicato che, in caso chi abbia l'edificio mattoni riceva punti vittoria, ne debba dare 1 a chi possiede la roccia e 1 a chi possiede la popolazione collegata a quell'edificio. Più difficile a spiegarlo che a farlo. Questo crea un'interessante via vai di punti e risorse, dando di fatto a tutti l'accesso a tutte le risorse, ma ovviamente riuscendo a utilizzare il più possibile le risorse che possediamo riscuoteremo più punti.
Il gioco termina quando 6 meraviglie sono state completate. Una cosa che mi rimane da aggiungere è che all'inizio del proprio turno avremo la fase degli introiti. Riceveremo 1 moneta per ogni risorsa diversa che possediamo e 1 punto influenza temporaneo per ogni casa costruita. I lavoratori che sbloccheremo possono essere usati come azione standard per utilizzare il potere di razza o per utilizzare l'abilità delle meraviglie, aggiungendo un altro strato di strategia al gioco.
Per finire devo dire che di carne al fuoco ce n'è tanta e, non so perché, ma pur non avendo ancora giocato a Terraforming Mars mi dà l'idea che questo Founders of Gloomhaven possa essere un ottimo competitore o alternativa ad esso come stile di gioco. Il prezzo è in linea con TM, visto che stiamo sui 59 dollari più spedizione: l'unica cosa che mi lascia un po' freddo è lo stile artistico. Il tabellone sembra una landa desertica, le tessere strada sono dei quadratini marroni semplici, i polimini con le illustrazioni degli edifici nulla di eclatante e le carte azione e consiglieri, che ricordano il mazzo speciale per ogni classe, suddivise in due parti. A voi la parola, che ne pensate?


Crusaders: Thy Will Be Done
Scadenza: 05/08
Descrizione: Competitivo da 2 a 5 giocatori, 14+, per una durata di 45/60 minuti
Sarete chiamati a ricoprire il ruolo di un Cavaliere Templare intento a guadagnare la maggior influenza in Europa. Il tabellone rappresenta una mappa dell'Europa che si espande fino ai confini con la Russia. I territori sono divisi in esagoni e come parte del setup a inizio partita posizioneremo i segnalini nemici (Prussiani, Slavi e Saraceni) uno per territorio insieme a delle tessere di costruzione bonus, sempre casualmente. Ogni giocatore avrà in dotazione una plancia personale dove posizionare gli edifici da costruire (castelli, banche, fattorie e chiese), le truppe da reclutare e su una ruota esagonale sei triangoli dove collocheremo i cubi azione. In base al cavaliere ricevuto a inizio partita andremo a disporre i cubetti azione nei vari triangolini della ruota. Solitamente ne vanno 2 per ciascuno, ma i cavalieri hanno ognuno un'abilità che influenza il posizionamento o il movimento dei cubi azione.
Proprio questa ruota è la parte centrale del gioco. Per finire il setup si crea un pool di punti influenza, che decreteranno la fine del gioco una volta esauriti. Scelta la regione di partenza, una delle 5 disponibili in Francia, i giocatori selezioneranno quale delle sei azioni eseguire. La cosa interessante di questa ruota è che la potenza dell'azione che andremo a scegliere è indicata dalla quantità dei cubi azione presente su di essa. Una volta scelta un'azione, come nel mancala, in senso orario andremo a lasciare uno dei cubi azione nei triangoli successivi, andando di fatto a potenziare quelle azioni. Alcuni dei poteri dei cavalieri permettono di lasciare 2 cubi su un triangolo, saltarne uno o addirittura procedere in senso antiorario.
Le azioni disponibili sono 5. Viaggiare, ci sono 2 triangoli per questa azione, potremo muoverci di tanti spazi quanti sono i cubi azione tenendo conto che uscire da un esagono dove è presente un nemico costa due punti azione. Influenza guadagneremo tanti punti influenza (di fatto punti vittoria) quanti sono i cubi azione. Costruire per ogni edificio ne abbiamo 4 da poter costruire con costi sempre crescenti che vanno da 3 fino a 6. Quindi per costruire un edificio di livello 3 avremo bisogno di 3 cubi azione sul triangolo, ma come anticipato sugli esagoni sono presenti tessere bonus per gli edifici. Queste tessere indicano quali edifici beneficiano del bonus, il quale può essere uno sconto, punti influenza o entrambi. Alcuni esagoni possono avere 2 tessere bonus e se entrambe riguardano lo stesso edificio sono cumulabili. Ogni tipo di edificio quando sbloccato può potenziare una delle azioni, conferendo quindi più punti per viaggiare, costruire, reclutare, fare una crociata, ecc... Reclutare come per gli edifici, abbiamo 5 truppe da reclutare con un costo che va da 3 a 7 ed ognuna delle quali aumenta di uno la potenza delle crociate. Crociate con questa azione potremo liberare un esagono dal nemico presente se abbiamo la potenza necessaria. Ora per quanto riguarda i Prussiani e gli Slavi, sul tabellone è presente un tracciato che inizia da 3. A inizio partita quella è la loro potenza di combattimento, ma ogni volta che uno di loro viene sconfitto il segnalino sale di un livello aumentando di 1 la potenza. Per quanto riguarda i Saraceni invece la loro potenza sarà sempre 6 per tutto il gioco e una volta sconfitti potremo decidere se incassare 3 punti vittoria o costruire gratuitamente l'edificio indicato nel retro del token. Ultima cosa da aggiungere è la possibilità di spendere un turno senza far nulla per migliorare uno dei triangoli azione. Per fare ciò si prendono i cubi sul triangolo che si vuole migliorare, si riposizionano i cubi che erano presenti e poi si sceglie uno qualsiasi dei triangoli e si muovono i cubi come se si fosse effettuata quell'azione. La cosa interessante è che i triangoli azione migliorati nel retro danno accesso a 2 azioni, aumentando di fatto le nostre scelte e potendo dividere i cubi azione tra le due azioni. Gioco che mi ispira parecchio e al quale in caso di possibilità darei una chance. La campagna sta riscuotendo un ottimo successo e per chi volesse con pochi dollari in più si può prendere la versione deluxe con monete in metallo e miniature dei cavalieri e di tutti gli edifici.


Who Goes There?
Scadenza: 09/08
Descrizione: Competitivo da 3 a 4 (6 con espansione) giocatori per una durata di 90-120 minuti
Il titolo di questo gioco è ripreso dall'omonimo romanzo del 1938 dal quale John Carpenter ha preso ispirazione per il film "La Cosa".
Intrappolati nel loro campo in attesa dell'elicottero per essere recuperati, i giocatori dovranno sopravvivere attraverso 3 fasi suddivise in 6 turni. In ogni turno i giocatori hanno la possibilità di eseguire diverse azioni, come muoversi fuori dal campo, cercare, scambiare oggetti l'uno con l'altro, creare nuovi oggetti, riparare il riscaldamento o la porta. All'inizio di ogni turno, come in Dead of Winter, viene pescato un evento che ogni giocatore dovrà risolvere entro la fine del turno per non prendere una carta debolezza. Gli ultimi due turni di ogni fase sono mangiare e dormire. Nel turno mangiare se i giocatori non mangiano riceveranno una carta debolezza, stessa cosa avviene nella fase dormire se dormono da soli e non in coppia. La cosa interessante di questo cooperativo è che inizialmente tutti sono umani, ma avventurarsi fuori dal campo o acquisire carte debolezza permette alla Cosa di infettarci. Una volta che uno dei giocatori viene infettato l'obiettivo non cambia, aspettare l'elicottero, però ogni volta che si esegue una fase di scambio o si dorme con qualcuno ha la possibilità di infettarlo a sua volta. In aggiunta a ciò nel corso della partita i giocatori potranno acquisire punti esperienza cercando fuori dal campo o tirando i dadi dentro il campo, sbloccando nuove abilità, spazi extra e altro. Vi consiglio vivamente di guardare il video introduttivo (un minuto e mezzo) che secondo me riesce appieno a descrivere l'atmosfera del gioco. Incipit interessante, ottimo sistema di creazione oggetti e grafica colorata. La grossa nota negativa che ho trovato è secondo me il prezzo: 59 dollari per il gioco base con solo 4 personaggi, 89 se si vuole una delle due espansioni che aggiunge 2 personaggi potendo così giocare in 6, oppure 99 per avere tutti gli 8 personaggi. Ok che ogni personaggio ha la sua plancia personalizzata, i suoi token così come i suoi dadi personali, ma sinceramente come componentistica/prezzo mi sembra un po' alto. A voi la scelta!


Star Scrappers: Cave-In
Scadenza: 10/08
Descrizione: Competitivo da 2 a 4 giocatori, 12+, per una durata circa di 60 minuti
Ambientato in uno spazio non ben definito, nel ruolo di un imprenditore galattico dovremo cercare di raccogliere quanti più cristalli Xendrix o raccogliere artefatti grazie al reclutamento di mercenari. Come in una sorta di deck-building, costruendo la nostra base. In ogni turno i giocatori potranno eseguire 2 delle 4 azioni base. Reclutare Permette di utilizzare il valore delle carte in nostro possesso per reclutare altri mercenari. Scavare cristalli Utilizzando mercenari della stessa fazione dovremo cercare di prendere quanti più cristalli possibili. Le tessere cristalli hanno un valore necessario per essere prese e un valore in punti vittoria una volta acquisite. Cercare artefatti Come una sorta di quest possiamo mandare un mix di mercenari di differenti fazioni alla ricerca di artefatti. Una volta soddisfatte le richieste in termini di punti necessari al compimento acquisiremo il suddetto arteffato che ci garantirà punti bonus alla fine della partita.
Utilizzare abilità Diversi mercenari hanno anche delle abilità proprie, alcune delle quali permettono di reclutare mercenari dalle basi avversarie! Essendo un gioco di carte ovviamente la parte centrale sono proprio le abilità presenti su di esse che potranno garantire varietà al gioco e l'attuazione di diverse strategie. Interessante la possibilità di poter utilizzare i mercenari a seconda del nostro obiettivo: stessa fazione per i cristalli o un mix per gli artefatti. Le illustrazioni le trovo ben fatte e la presenza sul tavolo soddisfa. Il costo del gioco base è relativamente basso, 25 dollari più 8-13 di spedizione mentre per chi volesse la versione deluxe con le miniature dei busti delle fazioni (davvero ben fatte! anche se ne mancano ancora due da sbloccare) dovrà spenderne 39 più spedizione.

I K(S)orti
  • Barpig Interessante party game dove i giocatori impersonificano creature all'interno di una taverna intenti a raggiungere per primi il livello 5 a suon di dadi e prove da effettuare.
  • Pepper and Carrot Sullo stile del gioco dei 15 i giocatori seguendo gli ordini delle azioni indicati cercheranno di muovere gli ingredienti all'interno della plancia personale per ricreare le pozioni presenti nella plancia principale.
  • Ascended King Gioco di battaglie tra re. Su una scacchiera i giocatori al comando di uno dei 3 si daranno battaglia fino a che non ne rimarrà soltanto 1! 
  • Robottery 101 Come studenti di ingegneria cercherete di preparare il robot gigante migliore da presentare alla fiera di fine anno dove i professori sceglieranno il vincitore.
  • Murder at Blood Mansion Gioco di bluff e deduzione dove cercherete di raccimolare abbastanza prove per capire chi è il colpevole... a meno che non siate voi il serial killer!
  • Overlord Gioco di piazzamento tessere con esplorazione e controllo territorio, il tutto condito da una grafica retrò 16-bit.

5 commenti:

  1. Secondo me la grafica di Founders of Gloomhaven, considerato anche che è una campagna Kickstarter che ha già riscosso quasi 400.000$, è IMBARAZZANTE!!! A confronto Terraforming Mars è un gioiello!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Dello stesso autore avevo provato il suo altro titolo, Forge War, con sensazioni decisamente tiepide. Alcune idee interessanti, ma decisamente tanta, tanta carne al fuoco, con l'effetto di rendere il tutto poco elegante. Sotto il comparto grafico, inoltre, alcune belle cose alternate ad altre 'da perfezionare'.
      Ho idea che l'autore stia incassando grazie alla popolarità ottenuta con Gloomhaven, ma non sono sicuro che le sue doti in campo 'german' sia pari a quelle che ha dimostrato nell'esprimersi nel settore 'american' ... ;)

      Elimina
    2. Lui lo definisce in euro style game do costruzione cittá, cosí come gloomhaven lui non lo definisce american ma euro. Ció non toglie che avrebbe potuto curare di piú il comparto grafico e che a livello di meccaniche non ci sia nulla di propriamente originale ma come già scritto in insieme di meccaniche conosciute.

      Elimina
  2. I miei riflettori sono puntati su Overlord e Pepper and Carrot (se non conoscete il webcomic da cui è tratto potete leggerlo qui, gratuito e open-source).

    RispondiElimina
  3. Se qualcuno vuole provare Founders su Tabletop simultator, sono qui... certo, bisognerebbe avere la forza di accendere il computer... con questo caldo...

    RispondiElimina