sabato 18 marzo 2017

Recensioni Minute - Chimère

scritto da TeOoh!

Per chi mi ha seguito durante le live pre/post Essen, questo titolo è già noto. L'avevo adocchiato come l'esemplare centrato per il mio gusto e possibilità di gioco. Un family dai risvolti interessanti e tanta caciaroneria al tavolo.
Vi parlo di Chimère, gioco per 2-5 giocatori di Roméo Hennion e Clément Leclercq della durata di 30 minuti, edizione Game Flow. Prevista edizione italiana per Play 2017 a cura di Ghenos Games.


La minutissima è: durante una prima fase, i giocatori prenderanno in contemporanea i vari pezzi per comporre le proprie Chimere formate da 3 frammenti, per ottenere diverse maggioranze di simboli. I pezzi possono essere messi in una delle proprie 4 chimere o piazzati su quelle degli avversari. Al termine, una breve fase in cui scambiare di posto alcuni pezzi tra le chimere e si passa alla valutazione. Per ciascuna delle 4 chimere si assegneranno punti alle maggioranze determinate in precedenza. Dopo 3 "anni" giocati così, chi ha più punti è il vincitore.

Il gioco quindi punta su un discorso maggioranze che solitamente è molto freddo e calcolatorio, ma gli dà la spinta in più facendo giocare tutti in contemporanea. Il risultato è che si crea interazione diretta distruttiva al tavolo (con annessi insulti) e si mitiga un po' il discorso fortuna nella pesca delle tessere. Contestualmente, la paralisi da analisi viene automaticamente bandita, grazie al fatto che "più ci pensi, più tessere brutte compaiono sulle tue plance".

C'è poi un'aggiunta che permette di tranquillizzare un attimo il ritmo e regalare una piccola gioia anche a chi non ha i riflessi così pronti. Al termine di ogni valutazione Chimere, c'è da discutere su una in particolare del perché sia "la più nobile", "la più utile", "la più simpatica", ecc. pescando a caso il tema da un mucchietto. Pochi secondi per convincere gli altri e si passa alla valutazione contemporanea.
Chiaramente i gamer duri&puri storceranno un po' il naso su una dinamica così slegata dal resto e così soggettiva, ma è un buon modo per "regalare" punti a chi è più indietro, oppure aggiungere qualche attimo di gusto a una manche che è andata magari un po' male rispetto alle proprie previsioni.

Una cosa che mi piace di questa edizione è che la scatola è esattamente giusta per contenere i materiali. Dovete quasi incastrarli tra di loro, perché di aria non ne troverete.

Devo trovarci qualcosa? Il gioco ha un buon appeal per gli eventi o per avvicinare i neofiti, ma, nonostante si rifaccia a meccaniche da gamer e ci sia anche una versione avanzata delle regole per aggiungere un livello superiore di scelte, rimane comunque insoddisfacente per gli occhi di chi vuole una vera sfida o per i permalosi. Ogni tessera che gli altri vi piazzano suscita sicuramente una reazione al tavolo, tra il divertito e la minaccia di ritorsione a breve, ma, chiaramente abbassa il livello di controllo che avrete sulle vostre chimere. Il consiglio è di usarlo, tra gamer, come gioco aperitivo per "alzare il livello di agonismo" per il piatto forte della serata.

Vi auguro buona visione in attesa dell'imminente uscita (preparo il link Egyp)!

Nessun commento:

Posta un commento