martedì 14 febbraio 2017

[Report] Norimberga 2017

scritto da Chrys

E anche questa Norimberga è finita... in verità è finita da una settimana, ma non ero fisicamente in grado, al mio ritorno, di scrivere un articolo di senso compiuto e ho optato per svenire in un angolo. XD

Infatti, a parte la stanchezza dei tre giorni intensi di fiera, ho dovuto finire anche i vari prototipi da presentare agli editori internazionali (14 appuntamenti)... visto che per magia le cose si concentrano sempre all'ultimo ho passato la giornata+nottata prima della partenza a sistemare tutto, saltando i pasti e iniziando a fare la valigia alle 5 di notte (con partenza per andare all'areoporto alle 6:40!!!).

Quando venerdì notte sono finalmente entrato in albergo ero sveglio da 42 ore consecutive ed ero tenuto in piedi solo dall'adrenalina e da un'abilmente realizzato esoscheletro di meeple. XD

A distanza di una settimana ho finalmente trovato forze e tempo necessari per raccontarvi l'esperienza, quindi allacciate le cinture.


FIN OLTRE L'ORIZZONTE
La fiera di Norimberga è immensa... l'area dedicata ai boardgame in sé sarà al massimo 2/3 di quella di Essen, ma la fiera tratta di giochi in ogni sua forma (peluche, costruzioni, droni, modellismo, giocattoli, educativi, costumi, tempo libero, gadget, giochi in legno, robotica, ecc.). La sua estensione complessiva è tale che vedi curvare gli stand all'orizzonte, un po' come il campo di calcio nel cartone di Holly e Benji. ^__^

Per darvene un'idea (chi ci segue da tempo mi scuserà) vi ripropongo la foto usata lo scorso anno... quello che vedete è una buona porzione (nemmeno tutto) del pagiglione 4A... guardate poi sulla mappa della fiera qunato sia solo una minima porzione della totale superficie della fiera. O__O"



PARLANDO DI GIOCHI DA TAVOLO
I padiglioni 10.1, 10.0 e parte dell'11 erano le zone specializzate sui boardgames (anche se certi giochi da tavolo si trovavavano in altre zone, ad esempio alcuni di quelli per bambini erano nel padiglione infanzia).

L'aspetto della fiera è sontuoso... c'erano anche i classici stand piccolini (sono l'eccezione), ma nella maggior parte dei casi abbiamo strutture sontuose e in alcuni casi anche molto originali. Certi editori avevano lo staff vestito a tema e quasi tutti avevano delle esposizioni dei titoli usciti e in uscita.


Il lato negativo è che non essendo una mostra mercato qui non trovate migliaia di tavoli pronti a farvi dimostrazione di gioco, ma per lo più trovate delle standiste carine e gentili pronte a raccontarvi in un perfetto inglese come funzionano i nuovi giochi. ^__^  Il lato positivo che non potete spendere soldi visto che nessuno vi vende nulla (a meno di ordinarne un container).

Qualche eccezione a volte si trova (ad esempio i 3 tavoli della Hans im Glück pronti a farvi giocare a Valletta e Citadels) ma sono appunto eccezioni. Considerate che i principali fruitori della fiera sono infatti distributori e localizzatori, tant'è che la fiera non è accessibile al normale pubblico se non attraverso uno specifico invito.

Questo significa però anche che la densità di persone è veramente esigua... di fatto è SEMPRE possibile correre nei corridoi tra gli stand. Immaginate la densità di persone di un centro commerciale il mercoledì mattina di un giorno lavorativo e scolastico (le foto parlano da sé). ^__^


Il successore di Klask
Ho potuto comunque provare il nuovo gioco ideato dai creatori di Klask, che devo dire mi è piaciuto molto... alcune cose sono ancora da sistemare (era un prototipo) tra cui l'inclinazione delle sbarre, ma l'idea è molto bella. Il gioco supporta 2 o 4 giocatori, ciascuno con una rampa direzionabile su cui lasciar andare delle biglie di metallo. Al centro del tavolo di gioco (leggermente inclinato verso le porte) c'è una pallina di legno che deve essere colpita con le sferette e spinta verso le porte (i corridoi tra le due sbarre). Il gioco è divertente in 2 e fantastico in 4, con queste palline di ferro che schizzano in giro e il dover lanciare anticipando il movimento del boccino di legno per colpirlo. Sulla carta sembra molto complesso e ingestibile, ma già al secondo tentativo il controllo di palla è notevole! ^__^


Iello, Queen e Blue Orange
Ho avuto anche degli interessanti incontri come Press con la Iello, la Blue Orange e la Queen Games, tutte con belle novità in uscita e titoli molto validi come idea. Su questi non mi dilungo, perché ho abbastanza materiale per farne un articolo dedicato. Vi accenno comunque che è in uscita una nuova espansione per King of Tokyo/NY a tema Lovecraft (Iello), un gioco sulla crescita di una foresta con alberi 3D (Blue Orange) e un gioco sulle crociate che promette molto bene (Queen).


Nuove tendenze
Guardando le tendenze della fiera quello che salta subito all'occhi è che la grande novità del 2017 saranno i giochi a tema Room Escape. È un dato di fatto che questo passatempo (vedi articolo apposito) in questi anni abbia spopolato in Europa e USA e che sia al culmine: era inevitabile che arrivasse anche nelle case. Alcuni esempi li abbiamo già visti, come quello recensito da TeOoh! alcuni mesi fa.

Il fatto è che girando per la fiera era impossibile non notare che tantissimi editori, anche grossi come la Kosmos, avevano pronti non una ma 2-3 scatole di giochi mirati a riprodurre nel proprio salotto l'esperienza di una Room Escape. Si tratta naturalmente di titoli "one-shot" (genere di cui abbiamo parlato nell'ultimo hangout), ma comunque facilmente rivendibili dopo la partita e dal costo assai inferiore a quello di una room escape reale.


NON SOLO GIOCHI DA TAVOLO
La fiera va girata... ogni padiglione è un mondo a sé (e uso il termine in senso proprio, avendo ciascuno l'estensione della mappa di Skyrim!) e un piccolo paese delle meraviglie. 

Senza contare quanto si possano a volte trovare elementi e statue in esposizione che sono delle piccole meraviglie... lo scorso anno ricorderete una splendida riproduzione in scala 1:1 di Saetta McQueen... quest'anno il mitico Saetta è tornato, ma nella particolare veste di meta-macchina: difatti era una riproduzione in grandezza naturale, fatta tutta di macchinine! O__O



Tra i miei padiglioni preferiti non posso non annoverare quello dei peluche (sì, adoro i peluche... quindi immaginatemi che barcollo con gli occhioni a cuore spacioccando ogni cosa morbidotta che vedo), quello degli oggetti in legno e delle cose creative e quello tecnologico (dove ho toccato con mano il mio primo humandroid).


E ORA VIA LIBERA ALLE DIAPOSITIVE "SELMA STYLE"
Ora vi lascio a una carrellata di forografie che valgon più di mille parole (soprattutto di mille delle mie)... a seguire troverete anche una carrellata di foto dalle altre aree della fiera. ^__^

Scorretele fino in fondo perchè altrimenti vi perderete il vincitore del mio premio "Gioco più imbarazzante 2017" (Awkward Game 2017)... e quest'anno merita!!!

Se volete potete trovare molte altre foto nell'album "Norimberga 2017" del nostro canale Facebook (ed è anche un buon motivo per seguire il canale se già non lo fate ^^).


























































E come promesso eccovi l'AWKWARD PRIZE 2017... seriamente, possibile che nessuno si sia posto il problema che questo gioco fosse leggermente... fraintendibile? XD



13 commenti:

  1. Io il "nuovo" gioco dei creatori di Klask l'ho visto alla scorsa Play, nella zona dei giochi di legno/tradizionali/di recupero.
    E se non era lui gli assomigliava parecchio.

    RispondiElimina
  2. Come sopra. Visto uno molto simile in un "ludobus" in una fiera paesana.
    Complimenti per il blog

    RispondiElimina
  3. Che gioco é quello nell'undicesima foto (non contando le foto contenute nel corpo dell'articolo) dove si vedono tutte quelle carte in stile Lorenzo il magnifico?

    RispondiElimina
  4. Valletta di Stefan Dorra in uscita con la HiG

    RispondiElimina
  5. Ciao, grazie dell'articolo! Sei passato dalla horrible games? Novità su Alone? Ho visto che a marzo esce il kickstarter, magari hai qualche impressione da condividere ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non era esposto, quindi ho poche novità da darti. ^^

      Elimina
    2. Nuuuu :( Grazie lo stesso!

      Damiano

      Elimina
  6. Ma Outlive in italiano? C'è speranza che qualcuno lo localizzi?

    RispondiElimina
  7. Belli gli alberi in 3D.
    Certo che l'arca corredata da tutti i peluches per un amante del genere è una bella tentazione...;)

    RispondiElimina
  8. Oddio voglio tutti i peluche nell'arcaaaa :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. C'erano almeno 15.000 mq di soli peluche... XD

      Elimina
  9. Scusa Chris ...manca la foto dello stinco 😉

    RispondiElimina