mercoledì 18 gennaio 2017

[Crowdfunding] OrcQuest - The Card Game: "Be bad, be strong, be Orc!"

scritto da Simone M.


Al grido di "Be bad, be strong, be Orc!" la casa editrice francese Maze Games propone su piattaforma Kickstarter un giochino di carte che cita in maniera distorta il padre putativo di tutti i dungeon-crawling ovvero HeroQuest.
Questa volta i protagonisti sono Orchi impegnati ad affrontare prove di ogni genere (trappole, incantesimi o guardie cittadine) per guadagnare più bottino degli avversari.
I Pelleverde potranno ostacolarsi a vicenda giocando carte istantanee, in sovrapposizione a quelle del personaggio di turno. OrcQuest è un filler per 2-6 giocatori dalla durata di 15-45 minuti, creato da Yoann Bugny e Thomas Maufroid, non particolarmente innovativo o dotato di twist strappamutande, che però colpisce nel segno (vedi gli ottimi risultati della campagna a diversi giorni dalla conclusione) grazie a un sistema semplice e a una grafica azzeccata che può essere riassunta con la geniale immagine di copertina, ovvero la versione "orchesca" di quella di HeroQuest!❤


I – Una panoramica dei materiali e del prodotto


Parliamo, ovviamente, di una discreta quantità di carte divise per tipo: Eroe (4), Rissa (23), Colpi Bassi (25), "Roba Magica" (17), Trappole (8). Cattura (5) e Tesoro (5). Completano la dotazione 1 regolamento, 6d8 speciali per superare le sfide (2 rossi, 2 gialli e 2 verdi) e una 60ina di token salute che andranno scartati via via che il personaggio subisce ferite.
Non potendo ancora giudicare la compattezza e la resistenza del cartone possiamo solo ammirare le illustrazioni sulle stesse carte: si ispira al più classico degli immaginari fantasy.

II – Come dovrebbe girare

La copertina: semplicemente geniale...
Ciascun giocatore scegli una carta personaggio, pone su di essa il numero di token salute indicati dalla carta stessa e la posiziona dinnanzi a sé.
Ogni eroe possiede un'abilità unica da utilizzare, una sola volta, nel corso della partita. Quando utilizzata la carta viene girata. Ciascun giocatore preleva dal mazzo di pesca comune (formato da tutte le carte) una mano iniziale di 6 carte. 
Nel proprio turno è possibile giocare una (sola) carta sfida dalla propria mano (Rissa, Trappola o Cattura) oppure affrontare una sfida permanente già nell'area di gioco.
Ogni carta, nell'angolo in basso a destra, ha un valore in monete.
Le sfide si superano tirando il numero di dadi del colore indicato e ottenendo il numero di successi richiesto dalla sfida stessa. A supporto, il giocatore, può giocare un'ulteriore carta di tipo "Roba Magica" o Tesoro e/o quanti Colpi Bassi vuole.
Se la prova si supera con successo la carta viene posta nella propria area punteggio e diventa il proprio "bottino". 


Ovviamente, nel turno di un giocatore attivo, gli avversari possono giocare una serie di Colpi Bassi o "Roba Magica", per interferire durante la sfida di quel giocatore.
Fallire una sfida può comportare la perdita di segnalini salute, carte dalla propria mano o di bottini già acquisiti.
Quando il mazzo da pesca si esaurisce si gioca un ultimo turno.
Occhio... perché ci sono carte che possono essere giocare solo in questo turno e che fruttano un bel po' di punti vittoria finali. Vince chi ha accumulato il "bottino" più ricco sommando il valore in monete di tutte le carte nella propria area punteggio.

III – Cosa ci aspettiamo dal gioco

"Noi siamo Orchi! Noi veniamo per depredarvi, vedere le vostre case bruciare e staccarvi la testa! 
Di solito siamo noi ad essere le vittime dei vostri eroi in calzamaglia e armatura scintillante!
Questa volta, in questo mondo, gli eroi siamo noi!"

Le premesse mi sembrano molto chiare.
Giochino dal peso specifico minimo da giocare fra amici. Senza pensieri, senza pretese e senza masturbazioni mentali da gamer snob. Deve piacere il genere, deve piacere la dipendenza (in questo caso fortissima) dell'alea e bisogna essere predisposti al gioco aggressivo.
Sicuramente piacerà agli amanti di Boss Monster.
Strategie a disposizione poche, ma commisurate alla durata.
Geniale l'intuizione grafica, peccato che sia un gioco di carte.
Lo attendiamo sul banco di prova.

Le immagini sono tratte dalla pagina dedicata al kickstarter e sono di proprietà della Maze Games. 
Verranno rimosse su semplice richiesta.

5 commenti:

  1. Sulla carta :DDDDDDDDDDD sembra proprio carino. Vedremo ;)

    RispondiElimina
  2. Secondo voi quanto è la dipendenza dalla lingua? Vedo qualche scritta non difficilissima, oppure mi sbaglio?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. C'è effettivamente poco uso di testo e tante icone... quindi creso sia poco dipendente dalla lingua...

      Elimina
  3. Assomiglia sinistramente ad ARRR!!! il gioco di carte dei pirati.
    O mi sbaglio.

    RispondiElimina