domenica 31 luglio 2016

[Recensione] Apotheca

scritto da F/\B!O P.

Celebro il mio primo annetto in redazione ritornando, come per la mia recensione iniziale, ai giochi astratti. Facendo i conti - a spanne non l'avrei mai detto - rappresentano un quinto delle scatole che ho in libreria. Ma andiamo avanti.
A gennaio di quest'anno è stato il titolo più votato nella categoria Astratti della classifica di BGG dei Giochi Più Attesi del 2016, piazzandosi davanti ad Onitama. Sei mesi prima aveva ottenuto 112.651$ (su 20.000 di obiettivo) da 2.603 sostenitori, tramite la piattaforma di crowdfunding più popolare della rete.
Il gioco di Andrew Federspiel, pubblicato dalla Knapsack Games, ospita al tavolo 1-4 giocatori (varianti base, solitario e asimmetrica) di età 13+ per la durata di 30 minuti. La dipendenza dalla lingua è bassissima, perché le carte - sebbene in inglese - sono pubbliche, hanno il testo affiancato da un'immagine illustrativa e sono spiegate sulla quarta di copertina del regolamento.
Per saltare direttamente alla sezione MMDC seguite questo collegamento.

Combinate le pozioni in un mercato segreto. Ingannate i vostri avversari con le pozioni nascoste e, quando arriva il momento giusto, utilizzate i poteri magici degli speziali per mescolare gli intrugli. Ma attenzione: i vostri avversari potrebbero intuire i vostri schemi e usarli contro di voi!



sabato 30 luglio 2016

Recensioni Minute - Dummy e Hulo!

scritto da TeOoh!

Non avevo mai considerato la Dal Negro come produttrice di giochi da tavolo in senso stretto. Cioè, se da un lato sono convinto che i giochi di carte tradizionali rientrino di diritto nel novero dei Giochi, allo stesso tempo non ero sicuro che la semplice produzione dei mazzi di carte potesse far definire "Editore di giochi da tavolo". Tutto questo cul-de-sac si è risolto da solo, facendomi capitare sotto agli occhi il catalogo completo della Dal Negro. Ok, fa anche giochi oltre alle semplici carte. Fine.
Peraltro uno dei titoli a catalogo è 6 Nimmt! (chiamato Sei), molto diffuso e del quale vi segnalo la recensione. 
Arrivo quindi al filmato che vi sottopongo, atto a colmare la mia lacuna sopra esposta: due titoli che, vista la semplicità nel regolamento sono facilmente abbinabili. Dummy (per 2-5 giocatori della coppia De Toffoli-Colovini) e Hulo! (per 2-10 giocatori).

Recensioni Minute - Unboxing Tokaido Collector's Edition

scritto da TeOoh!

Tokaido, titolo di Antoine Bauza per 2-5 giocatori, uscì ormai nel lontano 2012. Sin da subito incontrò pareri molto contrastanti: chi lo trovava un ottimo prodotto, adatto a giocare insieme con tutti e chi invece lo considerava un brutto prodotto dal punto di vista del regolamento, povero di scelte e monotono.
Su una cosa però si aveva comunque un punto di incontro: il comparto grafico tutto virato verso il bianco, minimale, con colori molto sfumati, aveva sicuramente colpito tutti quanti in positivo.
Fast forward fino al 2014, quando la FunForge decide di dar vita ad un progetto Kickstarter con materiali extra lusso e una scatola in grado di contenere tutte le espansioni del gioco che tanto era riuscito a far parlare di sé.

venerdì 29 luglio 2016

[nonsolograndi] Gallina City

scritto da
Simarillon (Davide)

Finalmente Carlo A. Rossi oggi a nonsolograndi. Ho sempre letto benissimo dei suoi giochi e ho sempre avuto ottime sensazioni leggendo i suoi regolamenti, ma ad oggi non avevo mai avuto la possibilità di giocare con una sua creazione, ma con Gallina City della Cocktail Games (distribuito in Italia da Oliphante) finalmente ho colmato questo vuoto. Il gioco si può giocare da due a sei giocatori in partite che durano 30 minuti circa, Il gioco è illustrato da Olivier Fagnère e si può giocare a partire dai sei anni.
Pronti a scoprire se Carlo A. Rossi ha mantenuto le forti aspettative che riponevo nei suoi giochi? Continuate a leggere.

giovedì 28 luglio 2016

[Video] Via Nebula: due riflessioni extra e video

scritto da Fabio (Pinco11)


Favorito dal periodo estivo, che mi ha liberato qualche piccolo spazio extra (anche perché in questi giorni i vari compagni di gioco sono in ferie, per cui sono calate le partite ...), mi sono dedicato a girare un piccolo video esplicativo di Via Nebula, titolo che in questo periodo si sta ritagliando parecchi spazi.
Pochi giorni fa gli avevo dedicato un mio articolo di prime impressioni (ecco il link) ma nel frattempo le partite fatte sono salite superando agevolmente la decina, cosa che devo ammettere essere poco frequente, nel mio mondo fatto di montagne di titoli nuovi esplorati in continuazione.
Complici tutte queste circostanze, eccomi riprendere in mano la telecamera per una delle videopresentazioni che giravo in passato con una certa regolarità ed ecco quindi a voi un video dedicato proprio a Via Nebula, che vi propongo assieme ad un paio di riflessioni addizionali sul gioco.

[Recensione] Acquire

scritto da Agzaroth

Storico gioco di Sid Sackson del 1964, 3-6 giocatori per circa 60-90 minuti di durata, ha visto nel tempo numerose riedizioni fino all'ultima del 2008. Gioco a tema economico, sfrutta meccaniche di azionariato e di piazzamento tessere.


MATERIALI

Spartani e bruttocci. Un tabellone nero con caselle numerate, qualche foglio di riepilogo da strappare dal fondo del regolamento, carte per le azioni.

mercoledì 27 luglio 2016

[NonSoloMagic] Mutant Chronicles: Doomtrooper

scritto da Simone M.

“Tutto ebbe inizio con gli Imperiali e le loro truppe maledette. 
Essi furono i primi ad  atterrare sul decimo pianeta conosciuto come Nero; i primi a scavarne il terreno vergine, i primi a scoprirne il Grande Buio che celava l’Oscura Legione... Ora sono ovunque; da quel maledetto giorno in cui venne trovata nelle viscere di Nero la Lapide d’Acciaio, l’umanità non ha più pace. Il sigillo che imprigionava i cinque Apostoli e le loro truppe era oramai infranto. Da allora nessuno più è al sicuro dall’Oscura Legione. Neppure i maestosi poteri delle Megacorporazioni sono in grado di sostenere il Grande Buio…”

Nel 1994 la svedese Target Games sfrutta il buon successo del suo dungeon crawling tecno-fantasy Mutant Chronicles: Siege at the Citadel (inedito nel nostro paese) progettato da Richard Borg (Battlelore) per lanciare sul mercato il gioco di carte collezionabili per 2 giocatori Doomtrooper edito in Italia dalla Hobby & Works. 
La forza di questo titolo risiede nell'affascinante ambientazione che vede l’umanità proiettata in un futuro apocalittico ed ultra-tecnologico in cui i governi mondiali, abbandonata la Terra ormai compromessa, sono stati estromessi e soppiantati da Megacorporazioni commerciali che di fatto amministrano il Sistema Solare. Quando, liberati dalla propria prigione dimensionale, gli Apostoli del Grande Buio iniziano ad inviare l’Oscura Legione per epurare lo spazio dalla razza umana la Fratellanza, ovvero ciò che resta delle credenze religiose della vecchia Terra, sancisce i termini di una tregua fra le Megacorporazioni creando l’Alleanza ed un esercito di guerrieri arruolati da ogni fazione conosciuti come Doomtrooper.
Le premesse del titolo creato da Bryan Winter sono abbastanza chiare: il gioco è uno scontro fra due schieramenti costruiti secondo poche semplici regole di deckbuilding: mazzo da 60 carte e massimo 5 copie per ogni carta. Vince il giocatore che per primo guadagna 15 Punti Vittoria detti Punti Promozione. Iniziamo il viaggio all'interno di questo straordinario ed affascinate universo che, nel giro di appena 3 anni, è stato stritolato da due fenomeni commerciali troppo enormi da arginare ovvero Magic the Gathering e Warhammer 40K complice anche la chiusura dell’impreparata Target Games.

martedì 26 luglio 2016

[Recensione] Cortex Challenge

scritto da Chrys

Tempo di mare e di vacanze e tutti sappiamo cosa significa... tempo di ampliare la nostra collezione di giochi da zaino, quelli piccoli e leggeri che ci possiamo facilmente portare sotto l'ombrellone o nello zaino nei sentieri di montagna (sì, lo so che qualche sprovveduto in questo periodo fa cose secondarie tipo comprarsi della crema solare o dei nuovi costumi, ma qua siamo professionisti XD).

Per questo, come già altri anni, dedicherò queste ultime recensioni prima della mia partenza per il mare per parlarvi di titoli nuovi piccoli e compatti, anche perché è il periodo in cui a mia volta ne aggiungo qualcuno alla collezione. ^__^

Iniziamo a parlare di Cortex Challenge (2-6 giocatori, 15min) che fa parte di una serie battezzata "The Brain Game" da poco edita in Italia grazie ad Asterion. In coda all'articolo spenderò qualche parola anche sugli altri due fratelli della cucciolata, ma ora passiamo ad analizzare quello che ho adottato al momento. ;)

lunedì 25 luglio 2016

Essen 2016 e dintorni: carrellata di novità (I)

scritto da Fabio (Pinco11)

Siamo ancora in estate e la fiera di Essen è tuttora lontana, ma le primissime voci sui titoli in uscita si stanno facendo strada, con qualche informazioni aggiuntiva fornita da chi a questo giro pensa di giocare d'anticipo.
Eccomi qui, quindi, anche quest'anno, ad iniziare con la mia classica serie di articoli dedicata ai titoli in uscita, nell'ambito dei quali mi occuperò di ciò che è annunciato per la stagione autunnale (Essen), inserendo, nel contempo, anche informazioni sulle uscite attuali di casa nostra (... e dintorni).
A questo giro parto parlando di Vichinghi, uno dei temi che, assieme ai pirati ed agli zombie, non passano mai di moda :)
Proseguiamo poi con qualcosa di Uwe Rosenberg (non gestionale!), di Ryan Laukat e non solo ...

domenica 24 luglio 2016

[I classici] Alta Marea

scritto da Fabio (Pinco11)

Stefan Dorra è un prolifico autore tedesco che si è conquistato nel tempo una buona fama per diversi dei suoi titoli di peso medio o leggero, annoverando tra le sue ideazioni alcuni grandi classici, come For Sale, Medina, Mu and More ed Intrigue).
A circa venti anni dalla sua prima uscita eccomi qui, quindi, a parlare di uno dei suoi primi successi, ovvero Alta Marea (per 3-5 giocatori, età 10+, tempo a partita intorno alla mezz'oretta), edito nel 1997 dalla Amigo sotto il nome di Land Unter e giunto ora alla sua quindicesima edizione internazionale (giusto l'anno scorso è stato edito in Francia).
La Teodomiro Dal Negro, storico produttore di carte italiano (qui il loro sito e qui la pagina Facebook), lo ha da tempo nel proprio catalogo e, tenendo conto che si tratta di un titolo che nel 2001 entrò nella ristretta lista dei raccomandati allo Spiel des Jahres, eccomi a parlarvene nella rubrica dedicata ai classici.

sabato 23 luglio 2016

Recensioni Minute - Brethren of the Coast

scritto da TeOoh!

Avevo in mano questo titolo da un paio di settimane, ma mi mancavano ancora un paio di partite con numero di giocatori differente per avere tutti i dati pronti alla Recensione.
Il tempo di approfondire e registrare e... TAC! Il prode Pinco mi ha anticipato di 5 giorni con questo suo articolo! Ma, in fondo, sappiamo tutti chi preferite tra i due... no, dài, non c'è bisogno di esplicitarlo. Che poi ci rimane male. (<3)
Vado quindi a Minutarvi Brethren of the Coast, per 3-6 giocatori di Brett J. Gilbert, della durata di 10 minuti a giocatore, in edizione multilingua da parte di Uplay.it che, chiaramente, inserisce nella scatola l'italico idioma!

venerdì 22 luglio 2016

[Recensione] McJohny's

scritto da F/\B!O P.

Nel blog del cinghiale, oggi specialità a base di granchio!!!
Scatola fastidiosa, illustrazioni bruttine, editore semisconosciuto: allora perché farsi del male da soli? Perché dal regolamento sembrava divertente. Lo è? Lo è!
Edito nel 2014 dalla Czech Board Games (presente a queste coordinate finora soltanto con Infarkt), opera prima di Jan Vaněček, è un party game per party poco numerosi (3-6 persone) della durata di 20 minuti. L'età consigliata è dai 10 anni e gli unici testi in lingua sono le regole.
Per saltare direttamente alla sezione MMDC seguite questo collegamento.

"McJohny cerca personale!" Avete sentito molto parlare di questa nuova catena di fast food che serve deliziose specialità a base di granchio. Perciò, pensate, perché non provarci? Appena il tempo di mostrare l'inserzione lavorativa al banco e un tipetto calvo nell'uniforme di McJohny inizia a trascinarvi verso la cucina. Sembra che siate sulla corsia preferenziale per il successo!

giovedì 21 luglio 2016

[Crowdfunding] Giga-Robo!: alabarda spazialeeeeeeeee!!!

scritto da Agzaroth

Non voglio dire che questo sia il Kickstarter (Link al Kickstarter) che ho sempre sognato, ma poco ci manca. I miei ricordi d'infanzia sono legati a una manciata di cose e tra queste sicuramente ci sono loro: i super robottoni giapponesi.

Chi di voi non ricorda Daitarn 3, Jeeg, God Sigma, Mazinga, Goldrake e tanti altri? Se qualcuno non li ricorda, mi spiace per lui e la sua infanzia triste :)

Questo Kickstarter, già in avanzato stadio di finanziamento, ci mette nei panni di piloti di super robot che combattono in un contesto urbano, fitto di grattacieli e altri edifici, con la possibilità di interagire (= distruggere) con l'ambiente circostante e naturalmente massacrarsi di botte finché ne resterà soltanto uno.

mercoledì 20 luglio 2016

[Recensione] The Game: Gioca finché puoi...

scritto da Simone M.


Nel 2015 nella lista dei finalisti dello Spiel des Jahres, insieme a Colt Express e Machi Koro comparve un titolo abbastanza sconosciuto dall'inquietante e pretestuoso titolo The Game: Spiel... so lange du kannst! gioco di carte collaborativo, per 1-5 giocatori, del tedesco Steffen Benndorf, l'autore di Qwixx.
Una piccola scatola rossa con il disegno di un teschio stile B-movie horror degli anni 90 sulla copertina. 
Al suo interno una manciata di carte con lo stesso stile grafico che ha lo scopo di rendere solo un po' più appetibile il più astratto dei giochi. Nessuna traccia di elementi horror, solo numeri (magari, per alcuni, parimenti terrificanti) da impilare.
Eppure questo family-game, dal titolo auto-ironico ed auto-referenziale, si è rivelato una piccola ed inaspettata chicca capace, bontà sua, di donare minuti di piacevole frustrazione. 
Veloce nella preparazione ed immediato nel regolamento: i giocatori dovranno collaborare per esaurire il mazzo di pesca posto sul tavolo smistando le carte, numerate da 2 a 99, in ordine (crescente o decrescente) come indicato da apposite carte guida dette "carte direzione".
Una cosa banale direte voi... ma per citare uno dei miei registi preferiti:

"E questo è niente. Ma è così che tutto inizia sempre. Dal molto piccolo."
(Grosso Guaio a Chinatown, J. Carpenter - 1986)

martedì 19 luglio 2016

Una Dadolata di giochi

scritto da Chrys

Se siete appassionati di giochi da tavolo sicuramente oltre a noi conoscerete anche Dado con il suo geniale blog "Dado Critico", un esperimento ludico-letterario veramente ben fatto (se non lo conosceste -orrore!!!- correte immediatamente a leggere qualche suo articolo e mettetelo tra i preferiti... ma poi tornate qui! ^__^)

DADO: Di solito è una cosa che faccio io, raccontare le mie serate al tavolo da gioco con gli amici, le partite con orario 22:00–06:00  simili al turno di notte di un infermiere del pronto soccorso, con epilogo del  risveglio, il mattino successivo, con palpebre calate e alcuni indizi, nell'alito, di carne in avanzato stato di decomposizione, tipo comparse di Walking Dead [quelle così deboli che Rick le uccide attraverso la rete con un ombrello di Hello Kitty]. Un giorno il corpo me la farà pagare. Il corpo non lascia mai correre: se provi a maltrattarlo prima o poi ti renderà la pariglia e con interessi da strozzino. È uno vendicativo, il corpo.
Questa volta lascio raccontare a Chrys, per poter leggere della nostra serata come l'ha vissuta lui.

lunedì 18 luglio 2016

Via Nebula: Steam incontra Splendor?

scritto da Fabio (Pinco11)

Prendi una casa editrice giovanissima, la Space Cowboys, che in tre anni ha infilato diversi successi che certe case che sono in giro da vent'anni si sognano (Black Fleet, Crossing, Splendor, Elysium, T.I.M.E Stories) ed un autore che è invece in giro da parecchio e che è considerato uno dei top di sempre, ovvero Martin Wallace.
Li metti insieme, spruzzi il tutto con una componentistica, come in tradizione della casa, piuttosto lussuosa, mescoli con dosi di costruzioni reti dal gusto gradevole e non piccante, proponi delle meccaniche facili ed accessibili ad un pubblico familiare, ci aggiungi una grafica riposante e piacevole ed ecco un piatto fruibile da un pubblico assai ampio, che ambisce già ora a diventare un classico.
Ci riuscirà?
Parliamo quindi di questo Via Nebula, di Martin Wallace, edito da Space Cowboys, per 2-4 giocatori, tempo a partita 45-60 minuti, età consigliata 12+ (esagerati ...), lieve dipendenza dalla lingua (su di ogni carta c'è un breve scritta, ma sulla Tana dei Goblin c'è la traduzione italiana).

Spiel des Jahres a Codenames

scritto da Fabio (Pinco11)


Ci siamo.

Sono usciti i vincitori dello Spiel des Jahres nelle due categorie base e per esperti.

I titoli che ottengono l'ambito premio sono:
  • Codenames, di Vlaada Chvátil, della CGE per la categoria base;
  • Isle of Skye, di Andreas Pelikan e Alexander Pfister, della Lookout-Mayfair per la categoria esperti.

Vediamo di analizzare insieme, brevemente, il risultato, che si aggiunge al premio del miglior gioco per bambini, andato tempo fa a Stone Age Junior.

domenica 17 luglio 2016

[Anteprima] Brethren of the Coast

scritto da Fabio (Pinco11)

Brett Gilbert è un autore inglese emergente che, pur avendo ideato ad oggi giusto una decina di titoli (tutti negli ultimi quattro anni), per ben due volte è già riuscito con le sue ideazioni ad entrare nel novero dei presi in considerazione dallo Spiel des Jahres (consigliato nel 2013 con Divinare e candidato nella terna finale nel 2015 con Elysium) e vede nel 2016 editi ben quattro suoi giochi (Costa Rica con Lookout, Fish Frenzy con la Crash, Dice Heist con AEG ed il titolo di cui parliamo oggi).
Brethren of the Coast (per 3-6 giocatori, tempo a partita 30-60 minuti, indipendente dalla lingua, edito dalla italianissima Uplay.it) ottenne anche, nel 2012, il premio Hippodice, per cui è con una certa attenzione che lo prendo in esame.
Due ultime parole, prima di chiudere questa intro, per dire che si tratta di un gioco di carte arricchito con qualche componente addizionale, simpatico e adatto per un pubblico ampio (10+) e familiare, fruibilissimo anche come filler, a tema piratesco.

sabato 16 luglio 2016

Recensioni Minute - (Anteprima) The Cohort

scritto da TeOoh!

Solitamente, i giochi di carte in cui bisogna creare dei set abbinano ad ognuno di essi un potere speciale, un qualcosa che permette di prendere vantaggio sugli avversari e che ci porta più vicini alla vittoria. Nel caso si è sufficientemente bravi nell'incastrare tali poteri, si generano combo, che fanno volare il proprio motore.
Qua è il contrario.
Vi parlerò di The Cohort, gioco per 2-6 giocatori, di Jeremie Kletzkine, da 15-30 minuti, che sarà edito tramite Kickstarter tra fine Agosto-Settembre, dalla Mage Company.

Recensioni Minute - Race to the North Pole

scritto da TeOoh!

Ricordo bene quando incappai in questo titolo mentre spulciavo la lunghissima lista di Essen 2015: non era ancora uscito il regolamento e dalla descrizione+titolo, pensai subito ad una sorta di clone di Snow Tails.
Lo misi comunque in watchlist, in attesa delle regole. "... quindi si deve giocare una carta per muovere l'omino e poi c'è il tabellone girevole che scambia le mani dei giocatori e il percorso..." TABELLONE GIREVOLE? Voglio provarlo!
Essen 2015. Provato. Preso. Fatto autografare.
Vi parlo quindi di Race to the North Pole, gioco per 2-4 giocatori di Jouni Jussila, Tomi Vainikka, della durata di 45 minuti; edito dalla Playmore Games.

venerdì 15 luglio 2016

[nonsolograndi] Panic Lab

scritto da
Simarillon (Davide)

Oggi a nonsolograndi ritorna Oliphante, come distributrice italiana del gioco Panic Lab, prodotto dalla francese Gigamic. Si può giocare da due a dieci giocatori in partite che durano un tempo variabile tra i dieci e i trenta minuti, a partire dagli otto anni di età. Il gioco è stato creato dal Dominique Ehrhard (autore con all’attivo tantissimi titoli e di vari generi) ed illustrato da Maxim Cyr.

Vediamo un po’ come si presenta il gioco: Le amebe sono fuggite e corrono in tutte le direzioni. Bisogna riacciuffarle al più presto! Ma attenzione, queste piccole creature non si lasciano catturare facilmente: si nascondono sotto le griglie d’aerazione e possono subire delle mutazioni! Sangue freddo, spirito di osservazione e rapidità sono il segreto per avere un laboratorio sempre in ordine!

Pronti ad andare a caccia di amebe? Continuate a leggere.

giovedì 14 luglio 2016

[Riparliamone] 7 Wonders: Duel

scritto da Agzaroth

Antoine Bauza si fa affiancare da Bruno Cathala per questa versione di 7 Wonders per due giocatori. Ma già c'erano le regole per giocare 7 Wonders in coppia, direte voi. Vero, ma non è che funzionassero benissimo...
Così i due si reinventano lo stesso gioco trasformandolo un uno stand alone, rifinendo alcune meccaniche e inserendo piccole chicche che lo elevano, a mio parere, a un livello persino superiore rispetto a quello del fratellone.
30 minuti per partita, dedicato anche ai novizi, vi arriva in una scatola compatta e ottimamente organizzata grazie al divisorio interno.

mercoledì 13 luglio 2016

Semplicemente Magic

scritto da Signor Darcy


Primi anni Duemila.
Alla fine mi sono fatto convincere. Da mesi vedevo i miei amici che, sui banchi di scuola durante l’intervallo e nelle serate passate insieme, giocavano con quelle carte e pensavo che no, non ne volevo sapere. Certo, quelle carte erano belle, molto belle; e loro sembravano divertirsi – e parecchio.
Fatto sta che, un giorno, mi feci prestare uno dei loro mazzi e cercai di capire che cosa dovevo fare con quelle carte.

Non ricordo che mazzo fosse; quasi sicuramente non aveva il blu, probabilmente c’era il rosso. (Un po’ come quando, negli stessi anni, gli stessi amici mi tirarono dentro anche alle prime campagne a Dungeons & Dragons: a me, che – a differenza loro – non venivo dalla palestra videoludica di Baldur’s Gate II, mi fecero impersonare il personaggio più semplice del lotto, ossia il maiale da combattimento, quello che il più delle volte si limita a tirare i dadi per gli attacchi fisici. Va be', in realtà era un ranger e aveva qualche piccola freccia al suo arco che non fosse solo quella di menare mostriciattoli come un fabbro l’incudine; ma il senso quello è: insomma, il guerriero da mischia in Dungeons and Dragons è come il barbaro di Diablo II. O come il rosso delle Magic).

martedì 12 luglio 2016

[Recensione] Catacombs

scritto da Chrys

Quello che stringo tra le mani e di cui vi parlo è uno dei titoli più interessanti in cui mi sono imbattuto negli ultimi mesi e ci sono arrivato un po' per caso... tutto è iniziato quando mi sono interessato all'illustratore Kwanchai Moriya e al suo stile particolare, dopo aver visto lo splendido lavoro fatto per Kodama, un gioco recensito lo scorso mese.

Sono andato a curiosare cos'altro avesse illustrato è mi è apparso davanti Catacombs (2-5 giocatori, 60-90min, edito da Elzra) che mi ha incuriosito per più di una ragione: era già una terza edizione (addirittura!O_O), aveva la bellezza di 8.0 come media su BGG e aveva vinto diversi premi tra cui Golden Geek 2010, il premio Dice Tower 2010, entrambi come gioco più innovativo.

Inoltre lo avevo visto più volte in vari store, chiedendomi cosa fosse ma poi passando oltre... mi sono quindi letto qualche riga e ho deciso di dare credito ai tanti votanti su BGG comprandone una scatola nonostante il prezzo impegnativo e... è stata una scelta ottima!

In questo gioco decisamente ricco di materiali (vedi sotto) ci troveremo a creare un party di avventurieri per esplorare un dungeon fino ad arrivare al malvagio signore oscuro, affrontando vari mostri mossi da uno dei giocatori. Probabilmente vi sembrerà un clone di Descent, Dungeon Saga o HeroQuest, ma... ve l'ho detto che la meccanica base sono le schicchere? Ecco...

lunedì 11 luglio 2016

[Prime Impressioni] Pi Mal Pflaumen

scritto da Fabio (Pinco11)

Matthias Cramer. Di lui si diceva un gran bene dopo l'uscita di Glen More, tanto che sembrava essere l'autore in rampa di lancio per divenire il successore di Feld. Poi, per quanto i suoi titoli successivi abbiano tutti avuto un loro perché (Helvetia, Lancaster, Rokoko), quell'alone di magico che c'era intorno a lui si è un poco dissipato ed ora il suo ultimo Pi mal Pflaumen, gioco di carte edito da Pegasus, per 3-5 giocatori (indipendente dalla lingua, salvo il manuale), tempo a partita una ventina di minuti abbondante, età 8+, è in giro da qualche mese senza che se ne senta parlare granché, per cui ho deciso di rompere questo silenzio, parlandovene io ... ;)
Di che si tratta? Diciamo che è un classico gioco di carte alla tedesca, nel quale i giocatori cercano di assemblare set di carte numerate, nell'ambito di un flusso di gioco nel quale a turno ognuno gioca una carta, producendosi poi, ad esito di ciascuna 'mano', degli effetti (in inglese trick taking game).
Difficoltà: bassa. Fruibilità da parte del pubblico familiare: ampia. Banale? Per niente!

domenica 10 luglio 2016

Red Glove compie 10 anni: happy birthday to you ;)


scritto da Fabio (Pinco11)

Onestamente, se mi avessero chiesto di indovinare da quanto tempo sia in giro sul mercato la faccia sorridente (ma con quel suo sorrisino ironico) del buon Federico Dumas, avrei detto sicuramente di più dei 'soli' dieci anni che l'editore ha celebrato lo scorso fine settimana con la sua Festa al Castello tenutasi nella splendida cornice fornita dalla fortezza di Sarzanello (SP).
L'evento, che fa seguito ad una iniziativa similare dello scorso anno (qui il nostro report), è stato questa volta collocato ad inizio luglio (anziché a settembre) e la giornata (in realtà si trattava di un weekend, ma il sabato era su invito, mentre la domenica era aperto al pubblico) è risultata davvero proficua e positiva, nonché occasione per l'editore di fare il punto sul suo passato, presente e futuro.

sabato 9 luglio 2016

Recensioni Minute Vlog - Giugno 2016

scritto da TeOoh!

Questo giugno è stato una sorta di diga che cede. Mi ero segnato sulla lavagnetta delle idee/esperimenti/impegni che, non appena avessi terminato la trafila della pallacanestro, mi sarei buttato di testa sulla trafila Giochi da tavolo.
Ho quindi ributtato sul tavolo un bel po' di titoli che prendevano polvere, mi sono fatto qualche acquisto e ho messo in piedi un "alpha test" di un qualcosa che (spero) vedrà la luce su queste stesse pagine.
Ah, chiaramente ho finalmente messo la testa sul picnic ludico che mi chiedevate a gran voce e così ho definito la data e girato il filmato relativo. Se i km non sono eccessivi, possiamo vederci per fare due chiacchiere, mangiare qualcosina e giocare all'aperto. 

venerdì 8 luglio 2016

[nonsolograndi] DINUOVO

scritto da
Simarillon (Davide)

Oggi a nonsolograndi il nuovo gioco CreativaMente, ovvero DINUOVO, a cui si può giocare a partire dai sei anni, da due a quattro giocatori in partite di una trentina di minuti circa. Il gioco è frutto della creatività di Marco Ippolito e, come spesso accade per i giochi della casa brianzola, di Emanuele Pessi ed è illustrato da Silvia Pignata; la parte grafica, invece, è a cura di Domenico Monforte. Preziosa la consulenza scientifica del noto paleontologo Cristiano Dal Sasso.
DINUOVO offre la possibilità di divertirsi in compagnia e di scoprire l'affascinante mondo dei dinosauri, sfidandosi in famiglia o tra amici riportando le lancette dell'orologio indietro di milioni di anni, in una lotta tra dinosauri senza nessuna esclusione di colpi. Se siete pronti a combattere… continuate a leggere. 

giovedì 7 luglio 2016

[Crowdfunding] Fugitive

scritto da F/\B!O P.

Alcuni giocatori non si sono accontentari di riuscire a scappare dal palazzo col malloppo, per cui si sono fatti sentire da Tim Fowers affinché ideasse un seguito per Burgle Bros. che facesse provare le sensazioni della fuga e dell'inseguimento. L'autore ha tirato fuori un gioco completamente diverso dal precedente, per 2 giocatori di età 10+, 5-20 minuti a partita. La sua campagna Kickstarter ha raggiunto l'obiettivo in 45 minuti, è attualmente al 3560% e finisce tra poco più di due giorni...
Mi piace il fatto che sia un titolo veloce di deduzione e bluff in cui i ruoli sono differenti e opposti!

[Recensione] Zombicide Black Plague: Wulfsburg e altre espansioni

scritto da Agzaroth

Avevamo già parlato qui di Black Plague, lo spin-off fantasy-medievale di Zombicide. Oggi mettiamo un po' di carne al fuoco parlando delle varie espansioni che troverete in giro, a partire da quella grossa: Wulfsburg.

Per una breve panoramica delle regole del gioco vi rimando alla precedente recensione.

- Wulfsburg
Questa scatola, unica espansione “grossa” per ora disponibile, contiene una manciata di lupi zombi e un Wolfbomination, più quattro nuovi personaggi – tra cui la per me imperdibile elfa oscura Morrigan – da aggiungere ai sei della scatola base. Ah, anche un paio di tiles “torre di guardia” su cui ci si può arrampicare per sparacchiare praticamente a tutta la città.

mercoledì 6 luglio 2016

[Altro] Operazione Portabilità: App da Tavolo, l'estate è salva... (prima parte)

scritto da Simone M.

L'estate di un gamer inizia con un pensiero fisso: quali giochi portare in vacanza? Allora inizia a far scorrere gli occhi lungo gli scomparti della Kallax (perché tutti abbiamo quella...) in cerca di un'ispirazione, aspettando che le scatole parlino e che magari ci saltino in mano... guizzanti come salmoni in calore.
Anche quest'anno mare. Mare significa spiaggia, spiaggia dunque sabbia, sabbia ovvero ombrellone e quindi poco spazio, appena un fazzoletto d'ombra da porzionare... un gioco di carte dunque. Le dita iniziano a sfiorare i contorni dei coperchi: sì ma un gioco per quanti? Per uno o al massimo due... siamo solo io e lei. Ok ma se poi si unisce anche un terzo oppure un quarto? Il livello di difficoltà? 
Il gamer scafato, investito da una non meglio precisata Entità Suprema quale Araldo del Gioco Intelligente nell'Universo, ragiona per gradienti, livelli e possibili incontri con babbani occasionali. 
Mentre questo pensiero laterale diventa centrale decine di filler vengono ammassati uno sull'altro a formare una prima selezione da sottoporre successivamente ad una spietata scrematura.
Si innesca così una danza frenetica: prendi, soppesa e riposa nello scaffale oppure metti da parte.

martedì 5 luglio 2016

[Recensione] Fuggi Fuggi

scritto da Chrys

Colgo al balzo la ristampa in italiano di questo titolo grazie a Giochi Uniti, per scrivere un articolo su un titolo di Friedemann Friese che mi ha regalato un sacco di risate e che molto spesso ho messo in tavola nel corso degli anni.

Infatti il titolo risale addirittura al 2003 ed allieta le nostre serate già dal lontano 2004, anno in cui aggiunsi alla mia collezione l'edizione italo-francese stampata da Tilsit, edizione che come immaginerete è fuori produzione da parecchi anni. Sto parlando ovviamente di Fuggi Fuggi (2-7 giocatori, 30-60 minuti) ora finalmente di nuovo disponibile.

Ogni giocatore muoverà un gruppo di persone (splendidamente tematizzate) che sta disperatamente cercando di uscire da un sotterraneo in cui si aggira un mostro letale. Riuscirete a scappare o almeno a portar fuori più gente degli avversari?

Fuggi Fuggi è molto interessante per diverse ragioni... è semplice da spiegare, adatto a tutti, spassoso e con una meccanica abbastanza originale. Senza contare che non sono molti i giochi divertenti in grado di ospitare 6-7 giocatori attorno ad un tavolo senza essere party game (Richard I, Between Two Cities, 7 Wonders e poco altro che non ricordo al momento).

lunedì 4 luglio 2016

[La posta dei lettori] Cosa mi consigli per stasera?

scritto da Fabio (Pinco11)

Rieccoci nel nostro appuntamento con la posta dei lettori, con stavolta, quale tema, uno degli argomenti più ricorrenti nelle mail che ci inviate, ossia quello legato alla richiesta di consigli ludici.
Spesso le domande sono poste, magari con lo spirito di non disturbare, nella forma minima di "senti, cosa mi consigli per giocare con mia moglie?", altre in formule leggermente più dettagliate, ma sempre ci sforziamo, con uno scambio di mail, di approfondire un attimo le esigenze ed i gusti di chi ci rivolge la domanda, perché non esiste (probabilmente) il gioco ideale per tutti, dovendosi incontrare ciò che esso offre con ciò che ogni gruppo sta cercando.
Tra le numerose domande, eccoci qui con un paio di quelle che chi hanno particolarmente stimolato e messo alla prova ;)

domenica 3 luglio 2016

Riscopriamoli insieme: Ticket to ride (but she don't care)

scritto da Sergio

OOOPS!!!!!!!
Che ho sbagliato foto di copertina?
Ma di quale Ticket to ride stiamo parlando? Cioè, fatemi capire, cos'è che dobbiamo riscoprire?
Ma poi, seriamente, mi fa ridere riscopriamoli!
Che si riscoprono i Beatles? Ma dai, non scherziamo!
Che si riscopre la 500? No loro, i Beatles e la 500, è come ci fossero sempre stati, sono leggende, simboli di un epoca, sono nella cultura di tutti, più o meno giovani. Se potesse l'Unesco li inserirebbe nel patrimonio mondiale dell'Umanità insieme alle arti rupestri della Val Camonica, altro che...

sabato 2 luglio 2016

Recensioni Minute - Mystery at the stargazer's Manor (no spoiler)

scritto da TeOoh!

Ormai il fenomeno delle escape room si sta diffondendo a macchia d'olio. Nonostante ci siano diverse proposte: più ambientate, più enigmistiche, in gruppi numerosi, in locali adibiti ad hoc, ecc, il concetto di fondo è: risolvere un determinato numero di enigmi entro un determinato tempo per "vincere".
L'idea quindi di trasportare su di un board game questa esperienza era solo questione di tempo. 
Il primo esperimento di questo tipo l'ha scovato il fido Ricky (della LG) in Escape the room: mystery at the stargazer's manor. Di Rebecca Bleau, Nicholas Cravotta per 3-8 giocatori, edito dalla Thinkfun.
Chiaramente non siamo di fronte né ad un boardgame, né trasformeremo la nostra casa in una escape room, ma la sensazione è molto vicina alla seconda ipotesi.

TRANQUILLI! NO SPOILER!

venerdì 1 luglio 2016

[Recensione] Burgle Bros.

scritto da F/\B!O P.

Pensate a Ocean's Eleven the boardgame. Siamo in una banca e non in un casinò, i personaggi sono 9 e non 11, non c'è Julia Roberts al vostro tavolo... ma vi siete fatti una buona idea dell'atmosfera. Se non avete visto il film di Soderbergh o l'originale degli anni '60, poco male: il gioco ve lo godrete lo stesso. Se vi piacciono i cooperativi ^_^
È un titolo per 1-4 giocatori di età 12+ della durata di 90 minuti, ideato e pubblicato da Tim Fowers tramite una campagna Kickstarter che ha raccolto 228.526$ (sui 10.000 di obiettivo) convincendo più di 6mila persone a metterci i propri soldi. Alcune tipologie di carte presentano del testo in inglese, per cui serve almeno un giocatore che possa tradurle.
È disponibile anche un catafalco tridimensionale per gli amanti del 3D.
Attualmente è attiva la campagna KS del suo seguito ideale, Fugitive, dello stesso autore.
Per saltare direttamente alla sezione MMDC seguite questo collegamento.

Fate parte dei Burgle Bros., un gruppo d'elite che può portare a termine rapine impossibili. La vostra missione è quella di entrare e uscire senza essere scoperti. Ci sono molti tipi di allarme e guardie di ronda da evitare. Se qualcuno viene catturato, è finita per tutti. Trovate le casseforti, scassinatele e salite sul tetto per scappare!

[nonsolograndi] Si parte per il mare... quali giochi metto in valigia

scritto da
Simarillon (Davide)

"Ehi papà, mamma ha iniziato a preparare le valigie per partire per il mare."
"E allora?"
"Ma come allora, dobbiamo aprire l'armadio e scegliere i giochi."
"Prendiamo solo quelli di Lorenzo o anche quelli di papà?"
"Prendiamo quelli di Lorenzo e se c'è spazio prendiamo anche quelli di papà."
"Ok, ma guarda che non possiamo prenderli tutti!"
"Lo so, prendiamo i più belli e poi il più bello di papà."
"Dai vediamo di prenderne il più possibile e di non far prendere a mamma quelle scarpe e quel vestito che non metterà mai."
"Ma poi non si arrabbia?"
"Di sicuro, ma ci proviamo lo stesso."
"Va bene, ma l'hai voluto tu eh!"
"Dai vieni che andiamo a scegliere tra tutti i tuoi giochi... e poi vediamo quali prendere tra quelli di papà."