domenica 31 maggio 2015

Foto da CarraraShow (in corso)


scritto da Fabio (Pinco11)

La fiera di Carrara è tuttora in corso e lo sarà fino a martedì 2, compreso, ed io, che l'ho visitata facendoci una scappata già il primo giorno, favorito dalla vicinanza dell'evento, ho pensato di fare cosa gradita ai nostri lettori passando subito a presentare un piccolo report fotografico di quello che ho trovato facendo un giro della fiera.
Prima osservazione: qui è tutto veramente grande, per cui ci sono un sacco di spazi ed un sacco di stand, ma nel contempo l'aspetto positivo è che non è affatto difficile trovare posto per sedersi e giocare, che è alla fine il motivo per cui noi andiamo alle fiere :)
Vabbè, tra poco riparto e torno per il secondo giorno, che ho programmato dover essere giornata piena di fiera, per cui vi lascio ad una carrellata di foto :)

[i filler] This town ain't big enought for the 2-4 of us

scritto da Bernapapà

Nel giro di valzer di titoli scambiati all'ultima Play, mi è arrivato anche questo fillerino, per 2-4 giocatori, dal titolo anglofono molto lungo: This town ain't big enought for the 2-4 of us... (sembra un titolo della Wertmuller), che dovrebbe significare: Questa città non è abbastanza grande per 2-4 di noi, indicando quindi che si può giocare da 2 a 4 persone, ma che uno solo sarà il vincitore. Più che di un gioco da zaino è più un gioco da tasca, in quanto la confezione  sta in una busta... ma non portatelo troppo in giro, perché alcune componenti sono estremamente piccole...
Gli autori sono Jay Cormier e Sen-Foong Lim, che annoverano fra le loro opere titoli del calibro di Belfort e Tortuga, e che in questo caso sono stati editi dalla TMG. Stiamo parlando di un gioco ambientato nel far west, a meccanica piazzamento tessere, che per alcuni versi ricorda Pecore al pascolo, in quanto anche in questo caso saremo chiamati a chiudere i recinti con i propri cow-boy, ma con un sistema di maggioranze per definire la proprietà del recinto sulla base del numero di cow-boy ed un modo un po' nuovo di fare punti: ho stuzzicato la vostra curiosità? Allora seguitemi...


sabato 30 maggio 2015

Recensioni Minute - L'elenco definitivo

scritto da TeOoh!
Era il lontano Novembre 2013, quando Fabio mi chiese di entrare nella squadra di Giochi sul Nostro Tavolo; le Recensioni avevano già compiuto un anno di vita, ero diventato ormai abbastanza sciolto davanti all'obiettivo della videocamera e tenere il ritmo di un video a settimana non mi sembrava così spaventoso.
Accettai onorato di far parte della squadra.

venerdì 29 maggio 2015

[nonsolograndi] Karnickel


scritto da
Simarillon (Davide)


Oggi a nonsolograndi si para di Karnickel, gioco di Brett Gilbert, che si può giocare da due a quattro giocatori, a partire dai sei anni in partite di poco più di quindici minuti. Il gioco è edito dalla Lookout Spiele e ne approfitto per segnalare come i tedeschi siano bravi nel tematizzare i loro giochi. Tutti quanti sanno che i conigli amano la campagna e … le carote, ovviamente! Ma devono stare attenti, perché il treno potrebbe arrivare in qualsiasi momento facendoli fuggire spaventati dalla ricerca della conquista dei prelibati ortaggi lungo il percorso del treno.
Se ne volete sapere di più sul gioco … continuate a leggere.


giovedì 28 maggio 2015

[Anteprima] & [Intervista] Waterloo: Enemy Mistakes

 scritto da Agzaroth

In occasione del bicentenario della battaglia di Waterloo, l'italiana Sir Chester Cobblepot fa uscire questo wargame a firma Aldo Ghetti e Paris Poli, per 2-3 giocatori, durata indicativa 120-180 minuti.

IL GIOCO e PRIME IMPRESSIONI
Le unità del periodo (fanteria, cavalleria, artiglieria) sono schierate secondo la disposizione storica che avevano prima della battaglia. Ciascuna è caratterizzata da un fronte, una capacità di fuoco (media, buona, ottima), un livello (reclute, regolari, veterani, elite, guardia) e un numero indicante i punti vita. Le informazioni sulle tessere di gioco sono quindi poche rispetto a quelle di altre wargames, perfettamente leggibili e danno un gran senso di pulizia visiva al tutto.

mercoledì 27 maggio 2015

Riscopriamoli insieme: Space Hulk

Scritta da Sergio
Galassia Omega, ammasso spaziale noto come Nostromo, uno Space Marine è in esplorazione nei bui e sterminati corridoi della nave morta da secoli, conscio che solo i ronzii e i bip della sua armatura rompono un silenzio millenario.
Il collegamento radio col suo capitano, sulla navicella che orbita accanto allo "space hulk" e coi suoi fratelli "marines", anch'essi in esplorazione sull'immensa carcassa, è l'unico contatto che gli ricorda che non è il solo essere vivente rimasto nell'universo.
La luce emanata dalla sua armatura spezza un buio di tubi, cavi, metallo, paratie e resti di cadaveri cui è sempre difficile abituarsi, anche dopo anni di battaglie.
" Brother Scipio rapporto passo"

martedì 26 maggio 2015

Dark Tales: Cappuccetto Rosso - Recensione

Scritto da Chrys.

Oggi è il turno di un espansione, in particolare della scatolina "Cappuccetto Rosso" che è la seconda espansione dell'ottimo titolo di Pierluca Zizzi edito dalla Dv Giochi, ovvero DARK TALES (2-4 giocatori, ~30 minuti); le espansioni necessitano del gioco base, ma possono essere acquistate indipendentemente.

Ammetto di aver conosciuto il gioco base un po' in ritardo... lo vidi già ad Essen (ma per abitudine quando sono là mi concentro sui titoli non di editori italiani) e poi mi è passato di mente finchè non l'ho provato a Modena, col solo set base, assieme ad un mio amico (grazie Vitale) che ne era incuriosito. 

Alla fine da modena sono uscito con la scatola base e con le due espansioni (questa di cui vi parlo e Biancaneve), quindi l'impressione buona me l'ha fatta sicuramente... vediamo assieme come se la cava invece questa espansione. ^__^

In questo contesto non approfondirò le regole genarali del gioco soffermandomi su quanto l'espansione aggiunge al titolo... per avere una meccanica del regolamento base (peraltro molto semplice da imparare) vi rimando all'articolo di Fabio dedicato alla scatola base di Dark Tales.

lunedì 25 maggio 2015

Miglior Gioco PER TUTTI O QUASI sul Nostro Tavolo 2014

scritto da Fabio (Pinco11)

Rieccoci per il tradizionale appuntamento annuale con il nostro premio, ovvero quello per il Miglior Gioco sul Nostro Tavolo (edizione 2014), il quale nasce e si è da qualche anno sviluppato sulla base della solita premessa che si tratta di una iniziativa che promuoviamo soprattutto con lo spirito di avere occasione di parlare un poco insieme dei titoli che maggiormente hanno impressionato non solo noi, ma anche i lettori, scoprendo, grazie ai sondaggi, quali di essi hanno più colpito la fantasia e suscitato l'interesse di chi ci segue. 

Negli ultimi anni abbiamo evoluto progressivamente la formula del nostro premio, prima di tutto introducendo il sondaggio online per renderlo il premio non solo di chi su questo blog scrive, ma anche di chi legge ed ora abbiamo provveduto ad uno spostamento temporale dello stesso, passandolo dall'inizio dell'anno alla fine della primavera.
Perché?
Perchè abbiamo voluto raccogliere le giuste indicazioni di chi ci ha segnalato la difficoltà a provare, nei soli due - tre mesi che passavano dall'uscita ad Essen della solita pioggia di novità al periodo del premio: ora non vi potrete lamentare, in quanto il tempo per provare ciò che era uscito, se volevate lo avrete avuto ;) Ribadisco però che sono candidati SOLO titoli usciti nel 2014 (fa fede la scheda BGG), perchè l'idea è quella che avete dovuto avere del tempo per giocarli !!

domenica 24 maggio 2015

[Recensioni] Epic Resort

Scritto da Federico Latini

Disclaimer

Ho ricevuto questo titolo in regalo dalla Fever Games, mi sento in dovere di fargli una recensione, ma mi sento anche sufficientemente adulto da poter fare una recensione obiettiva, a voi la sentenza.

Intro
Con i tempi che corrono è molto difficile trovare un titolo per più di una volta, siamo talmente presi dal nuovo che a pochissimi giochi concediamo un bis, il titolo in questione ha ricevuto questo privilegio. Ho giocato tre volte ad Epic Resort, un gioco per 2-4 giocatori, edito in italia da Fever Games, di Ben Harkins, questo mi ha permesso di togliermi qualche dubbio che mi era sorto durante la prima partita e confermare qualche prima impressione positiva.

sabato 23 maggio 2015

Recensioni Minute - Safranito

scritto da TeOoh!

Lo ammetto: nemmeno sapevo dell'esistenza di questo titolo.
Fino ad un paio di mesi fa, quando Dan ha iniziato a far rimbalzare la sua scimmietta per la chat su Telegram. Avevo dato una scorsa al regolamento e l'avevo liquidato con un "Questo devo provarlo, sembra bello easy e se è divertente diventa un'ottimo candidato per una minuta".
Mi trovo ora ad averlo acquistato dopo solo una partita giocata.
Vi sto per parlare di Safranito, gioco per 2-4 giocatori di Marco Teubner, della durata di circa 45 minuti, edito dalla Zoch.
Perchè ne sono rimasto affascinato? Vi rispondo subito!

venerdì 22 maggio 2015

[nonsolograndi] Sillabandia

Scritto da Simarillon (Davide)

Nuovo appuntamento con CreativaMente e i suoi puzzle. Passiamo dai numeri di Pytagora (link) alle lettere, o meglio alle sillabe di Sillabandia.

Il gioco è stato creato da Emanuele Pessi e Grazia Rigamonti, illustrato da Gabriella Bianco e per la parte grafica curato da Roberta Biasci. Il gioco, come suggerisce già il titolo, è basato sulle sillabe e sulla fonetica e si inserisce perfettamente nella linea editoriale di CreativaMente.

Il gioco si può giocare da due a quattro giocatori, a partire dai quattro anni. C’è un gioco di base, Circuito, e altri tre giochi descritti sulle istruzioni (Biancaneve e i Sette Nani – Domino Sillaba – Cruci Sillaba), che utilizzano le carte illustrate e i pezzi di puzzle con le sillabe insieme o separatamente, per proporre modalità di gioco anche molto differenti tra loro, ma sempre divertenti e appassionanti per il bambino. Sillabandia è un puzzle game piuttosto interessante, quindi, se vi ha intrigato la presentazione, beh continuate a leggere.

giovedì 21 maggio 2015

[Crowdfunding] Bruti

 scritto da Agzaroth


Bruti è un gioco attualmente in fase di lancio sulla piattaforma europea di crowdfunding Ulule:

La firma delle meccaniche e delle illustrazioni è nientemeno che quella di Gian-Alfonso Pacinotti, in arte Gipi, noto fumettista e illustratore e grande appassionato di giochi.

L'autore ha passato circa tre anni a creare, rifinire e perfezionare questo gioco di combattimento per 2-4 partecipanti, ambientato in una arena fantasy-medievale (molto più sul medievale), nella quale potrete combattere sia contro un unico sfidante che 2 vs 1 oppure in 3 o 4 tutti contro tutti o infine a squadre 2 vs 2.

mercoledì 20 maggio 2015

[Kickstarter] The Foreign King: triplo crowdfunding per Giochix.it

di Simone M.

Nel 1831 il Belgio era un Regno composto da 9 province. 
Toccò al tedesco Leopoldo I, il re straniero del titolo, guidare il Belgio verso il progresso industriale.
The Foreign King si presenta come uno strategico nudo e crudo dalla durata super contenuta (40 minuti).
Titolo per 2-4 giocatori tutto german (a partire dal protagonista) dell’autore spagnolo semi esordiente Javier Garcia che mescola piazzamento, maggioranze e selezione-azione su una plancia dalle dimensioni compatte (solo 33cm x 17cm). 
Nato da un precedente progetto, sempre dello stesso autore, edito soltanto sul web e dal titolo Belgium 1831, The Foreign King tenta la via del crowdfunding (elevato al cubo) per giungere sulle tavole dei giocatori di entrambe i continenti. Giochix.it avvia infatti, per questo titolo, una tripla campagna: Giochistarter (Italia), Spieleschmiede (Germania) e Kickstarter (USA). Andiamo a curiosare.

martedì 19 maggio 2015

Spiel des Jares 2015 - I Nominati e i consigliati

scritto da Fabio (Pinco11)


Anche quest'anno eccoci giunti al tradizionale appuntamento di maggio con i concorrenti dello Spiel des Jahres, probabilmente il più conosciuto tra i millemila premi dedicati al miglior gioco da tavolo uscito nell'anno ludico precedente.
Il perchè è da ricercarsi sia nel suo ruolo di precursore, visto che è uno dei premi relativamente più longevi, sia nel fatto che è in Germania che ha avuto inizio il movimento di 'rinnovamento' del genere dei moderni boardgames, sia nell'essere il paese di Goethe tuttora uno dei mercati più fertili per le vendite di brettspiele.
Tutti ogni anno critichiamo, in un modo o nell'altro, le scelte della giuria, che ha inserito questo titolo che nessuno conosce e magari lasciato fuori quello che meritava, ma fatto sta che la sua importanza la coccarda la ha eccome, restituendo numeri importanti in termini di vendite, tanto che l'anno che vinse Hanabi si disse che il mercato del gioco aveva conosciuto una lieve flessione di volume d'affari proprio perchè lo Spiel era andato ad un gioco che costava poco come quello ...

lunedì 18 maggio 2015

Carrarashow 2015 - Piccola guida alla fiera (giochi da tavolo)

scritto da Fabio (Pinco11)

Carrara è ad una ventina di minuti da dove sto, per cui appena ho letto, diversi mesi fa, di una maxifiera specializzata che stava per essere organizzata nel complesso fieristico di Marina di Carrara con tema il gioco in tutte le sue declinazioni (e non solo), mi sono subito interessato.



Il complesso fieristico in questione è di quelli assai grandicelli, con 35.000 metri quadri di padiglioni coperti (per capirci l'ordine di grandezza è il doppio di Modena), per cui la prospettiva è quella di trovarsi di fronte, come potenzialità ad un evento che potrebbe, da appena nato, già proporsi come una tappa fondamentale nel calendario ludico fieristico nazionale.

domenica 17 maggio 2015

Indagine: kit di sopravvivenza ludica

scritto da Bernapapà

Siamo in un periodo abbastanza tranquillo a livello di nuove uscite, per cui oramai le novità si saranno almeno un po' sedimentate, e gli eventuali entusiasmi annessi e connessi si saranno sufficientemente placati. Volevo quindi proporvi una piccola indagine: avete presente i vari giochi di "chi vuoi buttare dalla torre", oppure, se dovessi scegliere le persone o le cose con cui condividere il tuo tempo in maniera esclusiva, che so, diciamo in un'isola deserta, chi e cosa sceglieresti?
Bene, proviamo a fare questo giochino con tema la nostra passione..

sabato 16 maggio 2015

Recensioni Minute - Castles of Mad King Ludwig

scritto da TeOoh!

Il titolo di cui sto per scrivere (e parlare) ha subito un sacco di slittamenti nella mia scaletta. Intendiamoci: non tanto perchè non sia un buon gioco, ma perchè la sua dinamica principale di puzzle game lo rende un pelo meno appetibile al grande pubblico. Son sempre quindi rimasto in bilico tra "dài, giro la rece... però poi interessa poco... vabè, ma almeno se ne parla... sì, ma quest'altro è più immediato... " e così via.
Finchè non l'ho comunque apparecchiato sul tavolo e mi sono finalmente deciso a recensirlo.
Ecco quindi Castles of mad king Ludwig, un gioco per 1-5 giocatori, della durata di circa 90 minuti di Ted Alspach.

Tutti pronti quindi per creare il castello architettonicamente meno attraente di tutto il reame?

venerdì 15 maggio 2015

[nonsolograndi] Sfida la piovra

scritto da 
Simarillon (Davide)
Ravensburger, oggi il suo esordio sul mio nonsolograndi, ha una linea editoriale che è un incrocio
tra il gioco ed il giocattolo, e sono i giochi che si possono anche trovare, con un po’ di fortuna, nella grande distribuzione, questi sono caratterizzati dall’etichetta gioco d’azione 3D, almeno sul sito internet dell’editore. Sfida la Piovra è il gioco di oggi che rispetta quanto sopra. Nel gioco si può giocare da 2 a 5 giocatori, in partita di dieci quindici minuti. E’ tedesco quindi è completamente indipendente dalla lingua, ma è disponibile una bella versione con il manuale in italiano.

Ecco come Ravensburger promuove questo gioco: Un gruppo di granchietti burloni si è trovato proprio un buffo compagno di gioco: nientemeno di una grande piovra dai lunghi tentacoli! Dopo ogni marachella, per evitare di essere catturati, vanno subito a rifugiarsi sulla roccia della piovra ben protetti dai suoi tentacoli. Ma la nostra piovra, grande e grossa com'è, soffre terribilmente il solletico quando qualcuno la tocca... Mentre gira, muove i tentacoli su e giù per proteggersi e, naturalmente, per impedire a chiunque di portarsi via i suoi amici granchietti. Chi riuscirà ad acchiapparne qualcuno?

giovedì 14 maggio 2015

[Punti di Vista] Fortuna e Boardgames

 scritto da Agzaroth
(articolo originale comparso sulla Tana dei Goblin)


Fortuna e boardgames è un binomio che ricorre spesso nelle discussioni sui giochi da tavolo, in particolare sui wargames o nei giochi che comunque implicano un combattimento o che in qualche modo riproducono fatti storici. Ma più generalmente ogni volta che si parla di simulazione o ambientazione.

mercoledì 13 maggio 2015

[Riparliamone] Twilight Struggle... perchè è il primo della classe?

di Simone M.

Approccio a questa recensione di dettaglio, che mancava sul nostro blog, come se stessi lasciandomi alle spalle un bozzolo, come se avessi fatto la muta. 
Le mie ossa sono percosse dalle stesse vibrazioni e sensazioni che mi hanno accompagnato quando ho iniziato a dedicarmi a letture più impegnate e mature oppure ad assaporare, con gli occhi, un certo tipo di cinema.
Facile, direte voi, parliamo di Twilight Struggle, quindi potrei semplicemente scrivere solo queste due parole per tutto il pezzo e concludere alla fine con “Che Gran Gioco!”.
Potrei.
Wargame, bidimensionale e asimmetrico, per due giocatori (distribuito in Italia da Asterion Press per GMT) creato da Ananda Gupta e Jason Matthews che percorre, con straordinaria intensità ed un incredibile livello di simulazione, le fasi della Guerra Fredda, ovvero quel conflitto invisibile ma terribilmente tangibile fra le due Superpotenze che maggiormente hanno dominato la scena politica mondiale, dopo l’ultima Grande Guerra, ovvero USA e URSS.
Gioco per esperti dal DNA ludico a stelle e strisce forniti, altresì, di una buona resistenza (le partite, infatti, possono sfiorare le 3 ore) ma che potrebbe folgorare anche gli indecisi. Con Twilight Struggle riavvolgeremo la storia e proveremo ad alterarla (non cambiarla) oppure faremo in modo che ogni tassello vada, inesorabilmente e strategicamente, al suo posto.

martedì 12 maggio 2015

Hexemonia - Recensione

Scritto da Chrys.

Ultimamente scrivo più spesso di titoli con quelche mese alle spalle che di quelli appena usciti, forse complice il fatto che non ho più il tempo di giocare tutto e quindi ogni tanto mi trovo a voler ripescare qualche gioco che mi scoccia essermi perso.

Questo è quanto successo con Hexemonia (2-4 giocatori, 30-45 minuti) ideato da Fabio Attoli e uscito  ormai un annetto fa a cura della giovanissima Pendragon Game Studio (che nel frattempo è cresciuta anche parecchio!).

Il gioco era uscito un po' in sordina, poi aveva attirato la mia attenzione in una fiera per uscire poi rapidamente dal mio radar causa la mia soglia di attenzione limitata (in questi casi sono un po' un cagnolone tonto, che da attento che è di punto in bianco si distrae e corre dietro ad uno scoiattolo) ma mi è rimasta la voglia di approfondire questo titolo e finalmente mi son deciso, tornando da Modena con la mia copia sotto braccio a mo' di baguette.

lunedì 11 maggio 2015

[Retrospettiva] - La Hans im Gluck

scritto da Fabio (Pinco11) e Agzaroth

Poco tempo fa scrivevo il primo articolo con il tag della 'retrospettiva' a fianco del titolo, dedicato a Stefan Feld, e mi ripromettevo da allora di tornare a scrivere qualcosa di quel tipo, rimanendo a lungo indeciso sull'autore al quale dedicare la carrellata di riepilogo della sua produzione.
Per aiutarmi ho spesso lanciato uno sguardo alla mia collezione ed alla fine ho deciso, per la seconda 'puntata' di questi approfondimenti, di dedicarmi piuttosto ad un editore, ossia la Hans im Gluck (la dieresi sulla u la lascio da parte, perché non so dove trovarla sulla tastiera e sono pigro ..).
Il perché è presto detto: si tratta di un editore relativamente piccolo, che ogni anno mediamente fa uscire non più di due o tre titoli e la cui produzione è di una qualità media decisamente elevata, tanto da considerare (personalmente) ogni sua uscita come un acquisto pressoché sicuro.

domenica 10 maggio 2015

[I Filler] Patronize

scritto da Bernapapà

Oggi vi parlo di questo filler, edito dalla AEG, opera di Hisashi Hayashi (già autore del fortunato Trains), uscito nel 2013: Patronize. Si tratta di un giochino di carte (più qualche cubetto) per 3-5 giocatori, che in una ventina di minuti vuole riportarci nelle suggestive atmosfere già revocate da Love Letter e dagli giochi del ciclo Tempest (Canalis, Courtier, Dominare ecc.), per organizzare una sfida fra i principi che maggiormente faranno fiorire le arti tramite, appunto, il loro patrocinio. Si tratta di un gioco con meccaniche di "presa", dove a ogni mano ho la possibilità di portarmi a casa il malloppo o differenziare l'utilizzo della carta per accumulare risorse o mettere sotto patrocinio le varie figure intellettuali che compariranno nei vari turni. Il gioco non è particolarmente complicato, ma il pochissimo testo inglese contenuto in alcune carte e una meccanica non immediatissima, lo rendono un buon filler per giocatori se non esperti, almeno "smaliziati".


sabato 9 maggio 2015

Recensioni Minute Vlog - Aprile 2015

scritto da TeOoh!

Non abbiate paura, non si parla della Play, per quella abbiamo già avuto un video a parte. Qua si parla nuovamente di giochi nudi&puri.
E anche di un piccolo accorgimento di economia domestica per allungare la vita dei materiali di Loony Quest.
Come sempre, impressioni a caldo di alcuni titoli, impressioni a freddo su altri, qualche nota di colore, e qualche spruzzata strategica.

venerdì 8 maggio 2015

[nonsolograndi] Chef Alfredo

[nonsolograndi] Chef Alfredo di Nero79

Grazie alla tv ormai i grandi chef sono delle star al pari dei calciatori. Cucinare è diventata una grande aspirazione per i bambini di oggi mentre quelli di una volta si limitavano a sognare di diventare astronauti, dottori o ballerine...

Il mondo dei giochi da tavolo se n'è accorto abbastanza in fretta in quanto i giochi ad ambientazione culinaria sono abbastanza numerosi (Ristorante Italia, À la carte, Mamma Mia ecc...) e ne escono sempre di nuovi ogni anno.

Oggi vi parlo di Chef Alfredo un gioco di Michael Schacht per 2-4 giocatori pubblicato da Queen Games. Il gioco è rivolto principalmente ai bambini ma anche tra adulti ci si può fare delle grosse risate soprattutto inserendo qualche house rule alcolica.

giovedì 7 maggio 2015

[Recensione] Container

scritto da Agzaroth

DISCLAIMER
Se siete facili alla scimmia, se vi piacciono le cose rare, ma soprattutto se avete già esaurito il vostro budget mensile (facciamo semestrale, va') NON continuate la lettura dell'articolo.
Io stesso non so ancora se benedire o maledire Nakedape che mi ha fatto scoprire questo gioco :)

Container è un gioco di economia del 2007, a firma Franz-Benno Delonge e Thomas Ewert. L'anno successivo è uscita l'espansione Contaner – The Second Shipment, a cura di Kevin Nesbitt, con idee e implementazioni discusse con gli autori originali. Le meccaniche utilizzate sono aste, speculazione economica, pick-ur & deliver e una sorta di sistema azionistico.
Vi parlo di gioco + espansione assieme perché è così che ho giocato il titolo fin da subito.
Entrambe le scatole sono assolutamente rare e introvabili, se non a prezzi da nefrologia.

mercoledì 6 maggio 2015

[Recensione] Abraca...Boh! .... Embè!?!?

di Simone M.

Ai piedi della torre di un leggendario arcimago si sono radunati alcuni potenti maghi. Incanalando il loro potere, formulano possenti incantesimi per sconfiggere i loro rivali e mettere finalmente le mani sul tomo magico che il loro antenato ha lasciato nella torre. Ma… che succede? La palla di fuoco fa solo scintille! Invece di una tormenta congelante, scende solo una leggera pioggerella di primavera!
(presentazione tratta dal sito Asterion Press)

Abraca…Boh! (titolo originale Abraca…What?) è un simpatico Euro-filler di deduzione da 2 a 5 giocatori, per tutta  famiglia, che vi lascerà piacevolmente sorpresi.
Giochino, sfoggiato da Asterion Press durante la scorsa Modena Play, che mescola diversi elementi di ultima tendenza: meccaniche semplici, durata contenuta, grafica lineare ed altissima rigiocabilità. L’autore coreano Gary Kim (all'anagrafe Gun-Hee Kim) si ispira al blasonatissimo Hanabi. Come nel gioco vincitore del premio Spiel des Jahres del 2013, anche in Abraca…Boh! i giocatori amministreranno la propria riserva, in questo caso di pietre magiche, alla cieca cercando di dedurne la composizione da quelle avversarie in bella vista.
Forse non passerà alla storia per il titolo però promette 30 minuti di sano divertimento alla portata di tutti con qualche sacrosanta “carognata” (visto che lo scopo del gioco è eliminare gli avversari ogni round a colpi di incantesimi).
Apriamo la scatola e vediamo come si gioca.

martedì 5 maggio 2015

Terra Mystica - Recensione

Scritto da Chrys.

Il gioco di oggi non è certo una novità, ma Terra Mystica (2-5 giocatori, localizzato da Cranio Creations) è diventato ormai un classico fieramente e stabilmente piazzato al 2° posto della classifica globale (circa 77.000 titoli) di BoardGameGeek... un classico a cui mi sono avvicinato molto in ritardo per una serie di motivi, in primis l'impressione che fosse troppo "astratto" a cui si aggiungeva un sensazione di complessità e macchinosità che mi aveva allontanato (a torto).

Per fortuna ho avuto finalmente modo di provarlo per la prima volta assieme a Dado* (la penna dietro l'ottimo blog Dado Critico) che a sua volta non lo aveva mai giocato. Tra l'altro per la nostra prima partita non posso non ringraziare i Giullari della Tana che sfidando pioggia e neve (in realtà era una splendida serata, ma fa più scena) ce l'hanno portato a provare e spiegato. ^__^

* i più attenti di voi avranno notato alcune mie foto postate sul nostro canale FB di queste "sfide" cross-blog. ;)


lunedì 4 maggio 2015

[Riscopriamoli] - Mondo senza fine

scritto da Fabio (Pinco11)

Quella che segue è una conversazione immaginaria svoltasi intorno al 2008:
Editore: "Ragazzi! Grande cosa con I Pilastri della Terra abbiamo fatto un bel botto, con una paccata di copie vendute. Tra l'altro ci siamo anche tolti di mezzo tutti quei pallet di costruzioni per bambini che uno scemo dell'approvvigionamento aveva ordinato per sbaglio dalla Cina, facendole passare per la cattedrale da costruire." 
Autore 1 e 2: "E vai!!!"
Editore: "Abbiamo quindi pensato di fare un seguito del gioco, tanto per battere il ferro finchè è caldo, facendolo di nuovo fare a voi, per non cambiare la squadra vincente."
Autore 1 e 2: "E vai!!"
Editore: "Allora l'idea è quella di utilizzare ancora l'ambientazione dei libri di Ken Follet, che tanto i diritti li abbiamo ancora pagati, tanto poi il medioevo qui da noi va sempre alla grande. Poi pensavamo di utilizzare di base un meccanismo facile, tipo quello che avete usato in Cuba ed Havana .."

domenica 3 maggio 2015

ELYSIUM Prime Impressioni

scritta da Sergio

Secondo Omero l' Elisium o "Campi Elisi" sono una bellissima e verdeggiante terra, rigogliosa di frutti, ricca di fiori e acque che scorrono tranquille e dove soffia perenne uno Zefiro rinfrescante. In questo luogo, una specie di Paradiso pagano, che la tradizione Ellenica situava sul limite occidentale della Terra,  vivono felici e tranquilli gli uomini che per i loro meriti speciali o per una speciale grazia divina sono stati dagli dei stessi sottratti da morte e trasportati nella terra beata.

La premessa era necessaria per spiegare il titolo e per capire l'ambientazione del gioco in cui i giocatori vestono i panni di un semidio che cerca di reclutare eroi e uomini d'onore  per assicurare loro un posto nei campi Elisi e primeggiare nell'Olimpo grazie alle leggende che questi eroi hanno lasciato ai posteri.

Elyisium è un gioco di carte con meccaniche card driven e set collection (per fare un po' il tecnico figo!!!), per 2-4 giocatori e della durata un oretta.
Edito dalla francese Space Cowboys (gli stessi di Splendor tanto per capirci) ha un impatto grafico notevole grazie a delle carte ben disegnate ed evocative.
Recentemente localizzato nell'italico idioma dai ragazzi dell'Asterion è stato presentato a Modena Play con un buon successo.

sabato 2 maggio 2015

Recensioni Minute - Rory's story cubes (+3 espansioni)

scritto da TeOoh!

L'idea di gioco è molto ampia e, addirittura, Extra Credits ritiene, in questo video, che tentare di imbrigliarne la definizione limiti ampiamente il medium del gioco.
Pertanto ritengo che, anche un gioco in cui non sia eletto un vincitore, in cui non ci sia solo una traccia di come si dovrebbe giocare, sia meritevole di recensione. Ve ne avevo già accennato in un video di millanta anni fa circa i "titoli da portare in spiaggia", e vi parlerò dei Rory's story cubes di Rory O'Connor: un'esperienza da 1 a infiniti giocatori per un tempo da decidersi, in Italia grazie alla Oliphante.

Recensioni Minute - (Anteprima) Ninja Bowling

scritto da TeOoh!

Qualche tempo prima della fiera di Essen 2014, Odd Hackwelder scrisse su un gruppo FB di recensori che cercava qualcuno interessato ad un suo micro-game di bluff. Le due parole micro-game e bluff insieme hanno istantaneamente acceso la mia curiosità. Gli ho quindi scritto che alzavo volentieri la mano, ma che, purtroppo, le mie recensioni sono in italiano.
Nella vita c'è anche chi sa rischiare, e Hack è uno di essi. Ha deciso che anche in italiano non sarebbe assolutamente stato un problema, anzi, che l'Italia poteva essere un mercato da sondare.
Ecco quindi che da una stretta di mano ad Essen ed una mezz'oretta di chiacchiera è nata una interessante collaborazione. Avete quindi visto mesi fa la recensione di "8 the liar".
La strada è ora sfociata in uno dei suo Kickstarter, per il quale mi ha chiesto se volessi fargli la recensione. Sempre micro game. Sempre in italiano (mi ha testualmente detto che "adora come suona l'italiano per un inglese"), giusto con i sottotitoli per renderlo internazionale.

Ecco quindi l'anteprima di Ninja Bowling, gioco per 2 persone (su KS anche il multiplayer) di Odd Hackwelder, della durata di 5 minuti circa.

venerdì 1 maggio 2015

[nonsolograndi] Expo - Feeding the Planet

scritto da
Simarillon (Davide)

Doppia ricorrenza oggi: scrivo, inaspettatamente rispetto alle aspettative iniziali, il cinquantesimoGSNT e inizia la tanto criticata EXPO, esperienza che invece personalmente consiglierei di vivere.
articolo su

Eccoci quindi a parlare del gioco che Clementoni ha preparato per EXPO MILANO 2015. Il gioco di oggi è EXPO – Feeding the Planet, di Francesco Berardi, cooperativo per 2-4 bambini che si può giocare a partire dai 5 anni, in partite che difficilmente supereranno i dieci minuti. Feeding the Planet, tra l’altro, ha anche qualche affinità proprio con il gioco che aveva segnato il mio esordio sul blog.

Se vi ho incuriosito ... continuate a leggere e facilmente capirete a quale gioco mi riferisco!