mercoledì 2 dicembre 2015

[Recensione] Neko-In: gatti...gatti ovunque!!!!

scritto da Simone M.

#puccioso: aggettivo, gergale [detto di animale] tenero, meritevole di coccole, carino, morbido.

Neko-In è l'ultima fatica editoriale targata Red Glove presentata al Lucca C&G 2015. Party-game della linea "Light" (la stessa di Rush&Bash) per 3-6 giocatori (che abbiano compiuto almeno i 7 anni di età) della durata di circa 15-20 minuti progettato da Marco Mingozzi (Everzone, Ninja Shadow Forged) in cui cercheremo di trovare un gruppetto di gommosi e pucciosi gattini colorati (neko in giapponese) nascosti nei remoti anfratti di un'immaginaria casa nipponica.
Il primo giocatore che avrà stanato le bestiole, dai loro 5 possibili nascondigli, nella stanza che presidia sarà il vincitore.
Occorre un pizzico di strategia e velocità di mano perché i dispettosi mici non vanno solo cercati e trovati ma vanno anche afferrati al volo, per la collottola, e portati fuori in giardino.
Titolo sicuramente per un pubblico più acerbo e che potrebbe essere una simpatica idea regalo o una semplice alternativa dietetica da proporre durante i bagordi delle Feste.
Seguiamo le orme dei micetti dentro la scatola.

I - Componenti

La scatola ha le stesse dimensioni di quella di Vudù o Giù dal Trono, per intenderci, con la consueta
(ed inconfondibile) composizione grafica dei giochi della casa editrice con la mano tonante.
Questa volta però l'immagine della copertina, con i pestiferi felini in primo piano, è disegnata in stile kawaii. I materiali sono, nel complesso, buoni e di consistenza adatta allo scopo.
Cominciamo ovviamente da loro: 6 gattini in gomma dura colorati (rosso, nero, giallo, bianco, rosa e celeste) che fungeranno da coreografiche pedine. Le pedine sono tanto graziose quanto delicate, soprattutto le orecchie un po' mollicce. Da strapazzare sì, ma con cautela. In cartone troviamo le 6 plance stanza, una per ciascun giocatore, fronte-retro (modalità Classica e modalità Eventi) e contornate da cornici colorate abbinate alle pedine gatto. Ciascun giocatore, inoltre, avrà a disposizione un set di 5 segnalini nascondiglio (dorso grigio) e 5 segnalini evento legate per colore ad ogni stanza (da usare nella modalità Eventi).
Tutte le pedine hanno la forma di un'orma di gatto.
Completano la dotazione, il regolamento (in un unico foglio piegato in quattro), una plancia comune Giardino e 2d6 che mostrano su ciascuna faccia il simbolo di una testa di gatto colorata. Una faccia per ciascuna pedina gatto.

II - Come si gioca...

Innanzitutto bisogna scegliere la modalità di gioco: Classica o Eventi.
Io vi illustrerò la seconda che costituisce l'esperienza più completa.
All'inizio della partita ciascun giocatore sceglie una plancia stanza e la dispone davanti a sé nel lato della versione di Neko-In che intende giocare. Sulla plancia ci sono 5 spazi vuoti, a forma di orma, distinti da opportuni simboli (lisca, campanellino, topolino, farfalla e pulcino). I simboli sono abbinati per colore alla stanza. Su questi spazi (nella modalità Eventi) piazza a faccia in giù i segnalini Evento con il dorso corrispondente al colore della stanza.
Ciascun giocatore, inoltre, riceve coperti 5 segnalini nascondiglio e li dispone sempre davanti a se. Potrà verificare il simbolo ed il colore delle proprie pedine in qualunque momento ma segretamente.
Infine tutte le pedine gatto vengono poste in giardino che è piazzato al centro del tavolo ben raggiungibile da tutti i giocatori.
Scopo del gioco è liberarsi di tutti i segnalini nascondiglio prima degli avversari. Ogni nascondiglio va posto nella rispettiva stanza, ovvero il simbolo sul segnalino deve essere dello stesso colore della stanza.
Come si fa?
A turno i giocatori prelevano il proprio gatto (quello del colore corrispondente alla cornice della
stanza che hanno scelto all'inizio della partita)  ed in base ai segnalini nascondiglio della propria riserva scelgono in quale stanza far nascondere il gatto. Se sceglieranno la propria stanza allora saranno loro stessi a decidere in quale spazio piazzare il micio. Se sceglieranno la stanza di un avversario, toccherà a quest'ultimo scegliere dove collocare il micio.


Una volta piazzata la pedina si eseguono i seguenti passaggi:

- se è presente un altro gatto nella stanza scatta la zuffa. Il giocatore di turno tira i due d6 in dotazione e si verifica il risultato del lancio. Se esce il colore del gatto del giocatore di turno bisognerà piazzare il micio in giardino, se escono i colori di entrambe i gatti verranno spostati tutti e due in giardino. Se esce il colore del gatto già presente nella stanza o tutti gli altri colori sarà sempre il gatto presente nella stanza a sloggiare e a lasciare il posto al nuovo venuto.

- una volta piazzato il gatto su uno spazio si rivela l'evento associato a quello spazio e se ne applica (se possibile) l'effetto. Alcuni eventi sono abilità legate al segnalino che può essere riposto in riserva ed usato durante la partita.
Gli eventi possibili sono:

Lettiera (il giocatore di turno, scartando questo segnalino, può piazzare il gatto su uno spazio a sua scelta anche in una plancia controllata da un avversario)
Pisolino (la pedina si addormenta e perde il prossimo turno in cui potrà essere solo risollevata. Se finisce in giardino però si sveglia)
Croccantini (si tira un dado. Se esce il colore del proprio gatto si sposta la pedina in giardino. Se non esce il colore del proprio gatto la pedina finisce in riserva ed una volta spesa permetterà un movimento addizionale)
Affinità (si può usare il segnalino per scambiare due mici di posizione)
Stuzzicagatti (tutte le pedine gatto vengono radunate nella stanza in cui è stato rivelato l'evento e si tirano i dadi. I gatti dei colori usciti finiscono in giardino. Si ripete il tiro sino a che non rimane un solo gatto nella stanza).

- se il giocatore di turno possiede, fra i suoi segnalini nascondiglio, quello che corrisponde per simbolo e colore allo spazio in cui è stato piazzato il gattino allora la rivela e lo piazza sotto il felino. Mi permetto a questo punto di fornirvi l'unico appunto strategico sul titolo ovvero: liberatevi prima dei segnalini dei colori "avversari" lasciando i vostri come ultimi.

Dopo questa fase scatta il momento "Jungle Speed".

- il giocatore di turno tira un dado. Tutti i giocatori competono per afferrare il gattino del colore corrispondente. Il più veloce sposta il gattino acchiappato in giardino ma può liberarsi di un segnalino nascondiglio passandolo al giocatore che ne ha meno. Non può mai cedere il suo ultimo segnalino.

La partita prosegue sino al raggiungimento della condizione di vittoria.

III - Conclusioni Finali

Titolo sicuramente più adatto alla sezione "Non solo Grandi" del nostro mitico Simarillon e nel quale mi sono imbattuto casualmente in un sabato pomeriggio qualunque. 
Marco Mingozzi, autore di  titoli di taglia molto più corpulenta, ci propone un giochino facile e leggero (il cui regolamento, però, merita una lettura abbastanza attenta, soprattutto agli esempi non proprio lineari) avvezzo ad una certa pianificazione strategica (giusto una spolverata) ed al bluff (blando) ma che, sicuramente, premia la rapidità di mano.
Non a caso l'accostamento a Jungle SpeedUnico appunto tecnico, a mio avviso, è sulla scalabilità: Neko-In va giocato almeno in 4. 
Con il minimo sindacale di partecipanti (ovvero 3) il gioco tende un po' ad ingolfarsi nell'attesa (un po' estenuante) che venga piazzato anche l'ultimo segnalino nascondiglio
Neko-In è un "animale" da party o da pomeriggio ludico con i nostri giovani virgulti che impazziranno per i micini di gomma in stile manga: pucciosissimi. Insomma da apparecchiare sulla tavola a cuor leggero e con una certa disposizione d'animo e mentale.
Sicuramente per piccoli...ma non solo.

IV - La Scheda

Titolo: Neko-In
Autori: Marco Mingozzi
Anno: 2015
Editore Originale: Red Glove
Editore ITA: Red Glove
Giocatori: 3-6
Durata: 15-20 min. circa

Componenti: lo stile grafico di Red Glove è ormai inconfondibile. tratti semplici, immagini immediate e colorate, stavolta in stile manga (kawaii). Occhio a maneggiare le plance sono di cartone lucido ma un po' sottile. Buono, invece, il cartone dei segnalini abbastanza robusto. I micetti gommosi sono pucciosissimi (sì lo so...lo abbiamo ripetuto un po' di volte...) ma delicati. Le orecchiucce sono non poco basculanti.

Ambientazione: non è il punto di maggiore forza del gioco ed il Giappone è relegato semplicemente alla grafica ed alla posa in cui sono immortalate le pedine neko. Tutto sommato funziona.

Meccanica: il mix di soluzioni adottate dall'autore non è banale. Sicuramente, preso questo concetto con le dovute pinze (e forse un po' stiracchiato), è un gioco strategico di piazzamento che richiede anche la manualità tipica di alcuni party-game. Il regolamento non è molto lineare però il gioco scorre dopo appena un giro. Non sottovalutate mai i mici.

Longevità: la combinazione casuale dei segnalini nascondiglio e la variabilità dei segnalini eventi sono finezze tecniche concepite proprio allo scopo di massimizzare la longevità del titolo. Il problema è che la non perfetta scalabilità di Neko-In vi obbliga necessariamente a giocarlo in tanti e quindi, forse, a non tirarlo fuori troppo spesso dallo scaffale.

Rapporto Giocabilità / Prezzo: di questo aspetto Red Glove ne ha fatto orgoglio e vanto. Una sorta di marchio di fabbrica. Neko-In costa appena 14,90 euro, una cifra ragionevolissima sia per il tipo di gioco che per il target di riferimento. Entry-Level dal prezzo, oserei dire, imbattibile.

Consigliato: ai giocatori occasionali che hanno sempre difficoltà a scegliere il gioco da tavolo giusto per la serata, specie quando si è in tanti. Adatto anche alle serate in famiglia, quelle fredde.... da tazza di cioccolata calda, con mamma, papà e pargoli annessi.

Sconsigliato: ...non adatto ai masticatori abituali di cubetti o ai rotolatori compulsivi di dadi. Insomma avete visto la copertina? Avete visto i gattini di gomma? Mi pare che non occorrano altri dettagli. Per una volta fatevi da parte e lasciate giocare i comuni mortali.

Il gioco, come sempre, è disponibile su egyp.it (qui)

4 commenti:

  1. Le ragazze del mio gruppo di gioco l'hanno già puntato. Ovviamente è merito dei gattini.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. l'ho detto che sono pucciosi?

      Elimina
    2. Dannate pucciosità, stanno conquistando il mondo ahaha

      Elimina
  2. Mia figlia (quasi 7 anni) l'ha visto in negozio e l'ha direttamente portato alla cassa. Aiutoooo!!!
    Ps. i gattini sono pucciosissimi ma... si smontano! E le orecchie non si sa come facciano a stare su! Che dite, vado di super attack?

    RispondiElimina