martedì 9 giugno 2015

Amore a cosa giochiamo stasera? Piccola guida al gioco da 2 - Prima parte: Giochi da valigia


Scritto da Sergio

Tra i resti della città di Ur, in Mesopotamia, è stata rinvenuta una scacchiera corredata di dadi e pedine, risalente al 2500 a.C. circa.
Allo stesso modo anche giochi come gli Scacchi, la Dama, o il Backgammon risalgono a tempi molto antichi e, guarda caso sono tutti giochi per 2 persone.
Da sempre infatti così come si riunisce un gruppo, cosi’ si incontrano due anime che decidono di giocare a qualcosa: per passatempo, per sfida, per amore, per passione.
Personalmente ritengo “perfetta” l’emozione che regala il gioco in 2 persone: completa, essenziale, capace di regalare piu’ appagamento proprio per il rapporto diretto  che si crea tra i 2 avversari. Non ci si nasconde, ci si affronta con un solo scopo! Non ci sono toni grigi o intermedi: o vincitore  o vinto.
Da sempre e’così e bene se ne è resa conto l’editoria ludica che ha sfornato nel tempo diversi capolavori per 2 giocatori, uno dei quali, guarda caso è da mesi al primo posto delle classifiche del sito di giochi da tavolo piu’ famoso al mondo.
Ora, quello che vorrei fare con questo articolo e’ da una parte  dare al lettore  la possibilita’ di valutare  il suo gioco da 2 preferito fra quelli selezionati, dall’altra aiutarlo nella scelta di un eventuale acquisto, considerando che un gamer avrà quasi sempre una compagna/o o un amico/a con cui farsi una partitina a qualcosa e spesso si trova di fronte a scelte non facili essendo tante le variabili in gioco (prezzo, complessità, set up, espansioni, rigiocabilità).
Per farlo ho selezionato diversi giochi basandomi sul giudizio personale,e su quello  di amici interpellati a voce e via web.

Un ultimo chiarimento su come ho impostato il lavoro. Ho infatti diviso i giochi in tre categorie:
  1. Giochi con setup immediato, regolamento di poche pagine, subito memorizzabile e, in genere, scatola "da valigia"e prezzo piu contenuto.
  2. Giochi che stanno a metà: non sono i c.d. “cinghiali”, ma non sono immediati: Sono abbastanza impegnativi per regole/setup ma la partita e’ comunque intorno all’ora.
  3. Pezzi da 90 per 2: regolamento a volte complesso, gioco abbastanza impegnativo e dalla durata decisamente sopra l’ora. Qui si celano dei veri capolavori per me!
Bando alle ciance però e cominciamo dalla prima categoria

PATCHWORK
Potete leggere qui la recensione di Chrys.
Trattasi di un gioco di Rosenberg, notissimo autore che non ha mai disdegnato il gioco per 2
I contendenti prendono a turno delle tessere col formato delle mattonelle del Tetris dal tavolo e devono incastrarle nella propria plancia cercando di combinarle meglio dell'avversario al fine di formare una bella coperta colorata.
A fronte di un regolamento semplice ed immediato il gioco offre diverse opzioni che non lo rendono mai banale e che solleticano le capacità strategiche del giocatore.
La rigiocabilità è piu' che buona per la casualità con cui si posizionano i pezzi ad inizio partita.
Assolutamente  da sottolineare il prezzo di 15 €
La durata è in media di una ventina di minuti.
Edizione italiana della Uplay
Giocatore ideale: a parte chi è amante del Tetris che potrebbe adorarlo, tutti, nessuno escluso: ognuno lo giocherà secondo la propria indole tanto poi ci pensa la natura del gioco a fare il resto e a far cercare comunque la vittoria divertendosi.

AGRICOLA: TUTTE LE CREATURE GRANDI E PICCOLE
Potete leggere qui la recensione di Iziosbiribio
Anche questo gioco è opera di Rosemberg, come il precedente. Stavolta però il prolifico autore si è ispirato ad una altra sua creatura, un classico che tutti i gamer conoscono bene: Agricola, una vera pietra miliare della storia ludica.
In effetti questo giochino è una sua versione ridotta e semplificata in cui i 2 giocatori devono allevare i propri animali sfruttando al meglio i pascoli a disposizione. Nel corso del gioco si ha infatti a disposizione una plancia (la propria fattoria) che bisognerà sviluppare con nuovi terreni e stalle per permettere alle proprie mandrie di crescere e proliferare felici.
Gli animali e le costruzioni, a fine partita, danno punti vittoria
La scatola piccola e maneggevole è piena di roba. Versione italiana della Giochi Uniti
Simpatici gli animalini di legno che rispecchiano il gioco madre; la durata è di circa 40 minuti.
Prezzo abbastanza esoso (sui 30€) per il gioco che è, ma si pagano i materiali.
Giocatore ideale: chi ha trovato troppo arzigogolato Agricola ma vuole nel contempo qualcosa che lo rispecchi perchè magari gli erano piaciute certe meccaniche o l'ambientazione. Oppure piu' semplicemente chi ama Agricola ma non ha tempo per giocarlo. Infine chi vuole avvicinarsi a un vero gioco da tavolo di stile "german" (cioè senza l'alea del dado) ma vuole farlo cominciando dalle cose semplici.

TARGI
Potete vedere la recensione dell'edizione italiana di Polloviparo qui.
Targi è un gioco ideato da Andreas Steiger in cui nelle vesti di capi tribu tuareg commerciamo datteri e spezie al fine di guadagnare denaro, vantaggi e punti vittoria. Non c'è un tabellone ma l'area di gioco è formato da 25 carte (5x5) che si dispongono sul tavolo ad ogni turno. E' un gioco di piazzamento, ovverossia si piazzano dei segnalini e a turno di fanno determinate azioni.
E' un gioco pieno di variabili perche l'area di gioco cambia in continuazione ma che permette anche una certa strategia. Minoritaria, ma non assente lo spazio dedicato all'alea.
Scatola piccola, materiali e grafica piacevoli, prezzo ottimo sui 19 €.
Regolamento chiaro e di facile apprensione
Durata un ora circa- Edizione italiana della Giochi Uniti
giocatore ideale: sostanzialmente chiunque abbia voglia di passare un ora piacevolmente impegnato

LE CITTA' PERDUTE
Ecco un gioco esclusivamente di carte, semplice ed estremamente veloce il cui autore Reine Knizia, è un altro nome molto conosciuto dai gamers
Nella fattispecie i giocatori rappresentano esploratori alla ricerca di gloria: nella pratica si giocano in sequenza (gioco una carta dalla mano o la scarto, pesco e passo) delle carte facendo delle singole collezioni ed alla fine chi ha fatto piu punti vince.
Bella la grafica delle carte; gioco semplice, si impara in fretta, prezzo contenuto (meno di 15 €)
Durata: una mezz'ora
Scatola contenuta: anche questo, come quelli visti finora, è un gioco che vi puo' accompagnare nei vostri viaggi. L'edizione italiana e della Stupor Mundi 
Alla fine, il suo difetto principale è che potrebbe risultare un po' troppo semplice e ripetitivo e quindi stancare dopo un po' di partite
Giocatore ideale: colui cui piacciono i giochi di carte semplici,  veloci e senza troppe pretese.

STAR REALMS
Puoi leggere qui la recensione di Federico Latini
Altro gioco di carte, ma stavolta su altri livelli, non per nulla gli autori (Dougherty e Kastle) sono ex campioni di Magic.
I 2 giocatori sono a capo di una piccola flotta (le carte iniziali del proprio mazzo) che dovranno espandere (acquistando altre carte navi e basi spaziali) e potenziare al massimo  per poi attaccare e distruggere l'avversario. Vince chi riesce a portare a zero i "punti vita" della flotta nemica  
E un gioco dalla dinamica deckbuilding e combo: cioè costruzione e potenzialmento del mazzo ed abbinamento di carte giocate al fine di arrecare piu' danni possibili all'avversario.
La versione base è per 2 giocatori (comprandone 2 è espandibile) ed ha un prezzo molto contenuto sotto i 15 €. Prersenti espansioni a bustine (tipo Magic per intenderci)
Lo porti dove vuoi, ci giochi con chi vuoi, dura 20 minuti una partita in media.
Regolamento e setup semplici ed abbastanza immediati: bella la grafica delle carte che però vanno imbustate. Non credo sia ancora stato localizzato in italiano.
Giocatore ideale: gli amanti del deckbuilding (chi ha presente Dominion?) in primis, ed in generale chiunque voglia giocare a qualcosa di immediato e veloce che promette, a forza di combinazioni di carte, danni all'avversario e una bella dose di divertimento.
Da sottolineare che esiste una bella app in rete per provarlo e giocarlo anche on line. Molto ben fatta!

HIVE
Puoi leggere qui la recensione di Fabio
Ed eccoci a toccare da vicino la categoria dei giochi "astratti", cioè quei giochi dove l'ambientazione è assolutamente casuale e nulla a che fare con il gioco in se. Ce ne sono tanti per 2 giocatori: la mia scelta e' ricaduta su questo perché è uno dei miei preferiti (non me ne vogliano gli appassionati di Quorridor, di Quarto, di Katamino,  di Forza tre di Ubongo ecc)
Hive, diciamolo subito è un classico per 2 giocatori: abbiamo a disposizione 11 tessere, di forma esagonale (nell'ultima versione, la più costosa, sono in bachelite, solide e piacevoli  al tatto) su cui sono raffigurati degli insetti. Queste tessere a turno vanno posizionate sul tavolo di gioco e poi mosse. Ogni insetto ha un suo  movimento e lo scopo  del gioco  è quello  di  arrivare a chiudere la (ape) regina avversaria in  modo che non si  possa più  muovere.
Non c'è tabellone né scacchiera, l'area di gioco si forma posizionando le tessere. La partita dura di più tra neofiti, mentre se inesperti, giocate contro uno che lo conosce vi sbaraglia in 10 minuti
Bella la confezione da trasporto, con la comoda sacca.
Facile il regolamento e le meccaniche, non facile da padroneggiare
Il prezzo per la versione base si aggira su poco meno di 25 €. Edizione italiana a cura di Uplay
Giocatore ideale: per le meccaniche scacchistiche che lo regolano è ideale per coloro che amano queste logiche ed amano approfondirle partita dopo partita. Puo 'essere considerato, come tutti gli astratti un po' freddino, senz'anima insomma.

MR.JACK
Un altro classico, un evergreen" dove strategia e deduzione la fanno da padrone.
Un giocatore rappresenta Jack lo Squartatore, l'altro il detective che deve individuarlo e catturarlo. Entrambi, manovrano a turno i vari personaggi sul tabellone di gioco, ognuno con sue precise caratteristiche. Lo faranno cercando in un caso di scoprire chi fra gli 8 sarà l'assassino, nell'altro  di confondere l'avversario e trovare spazio per la fuga. Il tutto in 8 turni
Accattivante la grafica, buoni i materiali che rendono il gioco visivamente appagante
Le regole sono semplici, con una manuale, anche in italiano, chiaro e ben fatto.
Il prezzo è sui 28 € (non proprio economico).
Giocatore ideale: il patito di master mind ad esempio e tutti coloro cui piacciono i problemi di logica e di deduzione della settimana enigmistica. Una pecca e' che alla lunga puo' essere ripetitivo e stancare. Allo scopo sono comunque  state create diverse espansioni (meglio dire reimplementazioni)  con personaggi e scenari diversi.

LE HAVRE ANCORA IN PORTO
Potete leggere la recensione di Bernapapà qui
Torniamo a Rosemberg ed alla riedizione in forma ridotta e parecchio semplificata  di un altro suo capolavoro: Le Havre.
In questo caso i 2 giocatori rappresentano degli imprenditori che sfruttando le risorse a loro disposizione al meglio dovranno costruire e gestire gli edifici necessari a rendere il porto più redditizio possibile. Vince chi al dodicesimo turno ha piu' monete.
Il gioco si svolge su 2 differenti plance, una che fa da magazzino per le merci,  l'altra che indica lo svolgere dei turni e prevede diversi indicatori. Gli edifici da acquistare sono 31 ed ognuno ha un suo particolare effetto sulle merci e sulle risorse economiche dei giocatori
E un gioco dove la fortuna non ha influenza alcuna ma dove contano solo le capacità strategiche; per tale motivo, pur non essendo paragonabile al blasonato padre  in quanto a profondità di gioco (meglio se Uwe gli avesse dato un altro nome), offre un livello di sfida coinvolgente e divertente.
Alla lunga, data l'essenzialità del gioco stesso, rischia di risultare un po' ripetitivo.
Dura circa mezz'ora. Versione italiana della Uplay. Scatola piccola, componenti discreti come la grafica. Manuale senza fronzoli che spiega chiaramente il gioco.
Giocatore ideale: chi vuole avvicinarsi al gioco da tavolo stile "german" ma vuole farlo per gradi.

DRAKO
Potete leggere la "Prova su Strada" di Nero79 qui.
Ispiratori al piu' classico dei fantasy, Drako, del polacco Kaluza è un gioco in cui tre nani devono fronteggiare un terribile drago.
Il combattimento si svolge su una plancia a esagoni 5x3 rappresentante una vallata
I 2 giocatori guideranno uno i tre nani, l'altro il drago e lo faranno giocando dalla mano, le carte del proprio mazzo che indicheranno le azioni possibili per le proprie miniature (attacco ravvicinato, a distanza movimento, ecc)
La partita finisce quando  i nani battono il drago, o se il drago batte tutti e tre i nani o infine se il giocatore dei nani termina il proprio mazzetto di carte.
Il gioco è decisamente semplice ma divertente, mi è parso ben equilibrato fra i ruoli e con l'esperienza le partite tenderanno a rimanere incerte fino alla fine.
L'edizione italiana della Dust Work è in ristampa ma il gioco è assolutamente indipendente dalla lingua. Il prezzo (versione eng.) è sui 27 €
Partite che durano dai 20 ai 30 minuti, Bella la grafica, semplice il regolamento, ben dettagliate le miniature
La scatola è troppo grande rispetto al suo contenuto e cio' non lo rende propriamente da valigia (peccato!).Nel contempo le carte sono piccole piccole.
Giocatore ideale: L'amante del fantasy e piu' in particolare chi ben ricorda chi disse "Conosco bene l'odore (e il sapore) dei Nani".
COLONI DI CATAN IL GIOCO DI CARTE
Coloni di Catan è un gioco da tavolo famosissimo, a cui sono state dedicate, come i gamer sanno, tantissime espansioni.
Il gioco in questione di Klaus Teber è una rivisitazione, con le carte, del gioco originale e anche in questo caso il risultato è un prodotto sostanzialmente nuovo e diverso rispetto all'originale.
A vantaggio di fruibilità e immediatezza niente pedine, mattoncini ecc, ma solo queste carte di forma quadrata che rappresentano il cuore del gioco.
I giocatori devono gestire il loro principato e per farlo utilizzeranno e sfrutteranno al meglio delle risorse (indicate sulle carte stesse)  creando strade, edifici, porti e miglioramenti vari, portando i loro cavalieri alla vittoria nei tornei e mantenendo la supremazia commerciale. Il primo che arriva a 12 punti vittoria (contrassegnati sugli edifici che si costruiranno) vince.
Il gioco non è semplicissimo ed il manuale in italiano non aiuta molto. 
Scatola piccola.  La durata non è da sottovalutare: siamo quasi sull'ora e mezzo
La versione in italiano è della Giochi Uniti  costa sui 19 €
La grafica delle carte è un po' datata ed è stata rivisitata nel recente Rivals for Catan (Myfair Games non ancora localizzato) che prevede anche qualche piccolo cambiamento di regole. 
Ah dimenticavo: sono uscite svariate espansioni del gioco: alcune riuscite altre meno.
Giocatore ideale: chi vuole un gioco che richiede una certa  profondità nel ragionamento  ed un elevato grado di sfida e interazione con l'avversario,  e soprattutto, chi si è stufato dei giochini da 20 minuti.
  
Ok il mio lavoro termina qui, ma solo per la sua prima parte.
Ovviamente sono solo 10 giochi e l'elenco che segue non è per niente esaustivo: ho fatto delle scelte, delle rinunce (non c’è Magic ad esempio) e come sempre in questi casi si lascia scoperto il fianco a rimproveri e mugugni vari. Sono qua, se dovete sparare sul pianista, almeno usate pistole ad acqua.

Alla prossima e buone giocate a tutti.

PS: ovviamente i titoli sopra descritti sono tutti disponibili sul sito on line di Egyp.it
 --- Le immagini riprodotte possono essere tratte in parte dal sito della casa produttrice di ogni titolo citato, alla quale appartengono tutti i diritti su di esse e sul gioco e compaiono apparendo la loro riproduzione una forma potenzialmente gradita di diffusione di informazioni sul gioco. Saranno comunque rimosse su semplice richiesta in caso contrario.

32 commenti:

  1. Prima di tutto complimenti per l'articolo (perfettamente d'accordo, ma sono un grog ;)) e per aver messo Cezanne in prima pagina.

    La scelta che hai fatto è interessante, e ho capito che hai dovuto fare tagli. Se posso permettermi, aggiungerei un paio di ulteriori titoli:

    JAIPUR (Sébastien Pauchon)
    Veloce gioco di carte e set collection dove compri e vendi merci e cammelli per fare punti. La scatolina sta comodamente in valigia e si spiega (e gioca) in un lampo (mi pare che abbiate una rece qui sul sito).

    FOUR TRIBES (Jason Glover)
    Una in meno di quello famoso ;) Due clan in guerra devono convincere i capi villaggio ad aiutarli, offrendogli doni per corromperli con le buone... o scatenandogli il Drago contro.

    NAPOLEONIC 20 (Joseph Miranda)
    E' una famiglia di wargame leggerissimi editi dalla Victory Point Games, con 20 unità su mappa al massimo da cui il nome, perfetti per chi vuol giocare nappy senza leggersi regolamenti infiniti. Ogni busta è dedicata ad un particolare scenario (Borodino, Leipzig...). Uno tra tutti? L'edizione della GMT, FADING GLORY, con 4 battaglie tra cui Waterloo.
    Mi sorge il dubbio però che per qualcuno potrebbe essere un gioco di fascia 2 (quelli "a metà").

    DOS DE MAYO (Daniel Val)
    Sempre su nappy, ricrea in astratto la rivolta spagnola a Madrid contro gli invasori francesi, che avvenne... bravissimi, il 2 Maggio 1808. Veloce e asimmetrico, occupa un piccolo tavolinetto da giardino ma richiede una grande strategia.

    PROVINCE (Clayton Grey, Samuel Strick)
    Da Kickstarter un minigame (dico sul serio, mini!!) che abbina worker placement e city building ad una grafica ultrapucciosa da videogioco SuperNintendo :D Sta in una *mano* e nonostante le regole semplicissime, la sfida è molto interessante.

    Saluti e buon giornazzo,
    Claudio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao, Claudio.
      Posso chiederti dove hai trovato Four Tribes?
      Hai partecipato al kickstarter?

      Elimina
  2. la mancanza di Jaipur nell'elenco mi sembra un bel buco si... (niente mugugni però :) ho scoperto un paio di titoli che non conoscevo, grazie anche a Claudio)
    G.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ricorderei a tutti che è una guida in più parti... è un po' prematuro lamentare le mancanze ^__^

      Elimina
    2. @G.: prego ;)
      @Anonimo: Jaipur tra gli "impegnativi" o "pezzi da 90"? Naaaaaah :D
      C.

      Elimina
  3. Proprio ieri sulla pagina Facebook di GsnT ho chiesto: Ciao ragazzi! Una domanda: dovete passare 12 ore in aereo, quali giochi da due giocatori mettete nel vostro zaino?

    L'articolo perfetto nel momento perfetto.

    Procedo a svariati acquisti!

    @Claudio: Jaipur mi ispira moltissimo ma... voglio vedere Province! Non è ancora in commercio?

    Saluti,
    Zamma.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Lo trovi facilmente a meno di 9€; se mastichi bene l'inglese trovi alcune review ben fatte sul tutubo; sui Lufthansa va benone ;) bon voyage,
      Claudio

      Elimina
    2. Benissimo! L'ho subito aggiunto alla lista desideri di Egyp.
      Senti un pò, come lo vedi Agricola: "Tutte le bestie eccetera"? Scomodo? Poco pratico?
      Le dimensioni della scatola 20x20, il costo (euro 21) e l'autore (io AMO Uwe, anche se non ho nulla ancora di lui, fosse per me salirei in aereo con Caverna ma mi arresterebbero di sicuro) me lo rendono molto prossimo all'acquisto :)

      Grazie della risposta!

      Paolo.

      Elimina
    3. Mmmh decisamente poco pratico in aereo direi, mi spiace :( Se sei un fan del buon vecchio Rosenberg direi piuttosto "Al Cabohne", la versione per 1-2 di Bohnanza.

      Guarda, ti dico cosa mi son portato dietro io l'ultima volta, a parte "Province":
      - "Roll through the ages": civilizzazione, ti basta un foglio, gomma matita e dei dadi
      - "Magic Realm Light 30": avventura fantasy in solitario, per quando i colleghi schiacciano un pisolino; è gratis (print & play, la trovi su BGG), di nuovo basta 1 foglio/gomma/matita/dadi
      - "Beyond Baker Street": deduzione tipo Hanabi, ma interessante (ah-ah!), print&play gratis (sempre BGG), sono carte da stampare ma ne vale la pena
      - "Action Front! Watchtower": un microwargame (non posso stare senza wargames!!)
      - "Death of Victory: the French and Indian War": un ALTRO microwargame (in caso si smarrisse il primo! :D)

      Una volta eravamo in gruppo per un congresso ed ho portato "Formula Motor Racing", fenomenale! Ciau,
      Claudio

      Elimina
    4. Grazie mille per la lista di giochi. Oggi mi arriva Agricola per due giocatori e Province, che sinceramente, non potevo davvero lasciare li. :)

      Grazie ancora!
      Paolo

      Elimina
  4. Sergio, grazie per questa prima mini interessante guida, personalemte mi mancava un'infarinatura sui migliori giochi per due. Complimenti a te e a tutta la redazione!
    Donato

    RispondiElimina
  5. Aspetto trepidante le due parti successive; la situazione più probabile per me e la mia ragazza è il gioco in due, e siamo entrambi orientati su titoli complessi ma non eccessivamente pesanti (ultimamente ci stiamo sdando di Splendor e Seasons)! Di questi mi incuriosiscono Patchwork, Targi (mi ricorda Istanbul), Mr Jack e anche il mini Agricola :D Quale consigliate?
    Complimenti per articolo e blog
    Lorenzo

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Patchwork consigliatissimo, una partita tira l'altra. Il mini agricola è carino, ma ha un problema di longevità enorme a mio parere dovuto a tattiche di apertura sempre uguali e strategie molto guidate dal gioco, il mio dopo una decina di partite (anche con giocatori diversi) è a prender polvere sullo scaffale da un pò :-(

      Elimina
    2. perfettamente d'accordo, anche il mio sta prendendo 4 dita di polvere. MOLTO carino ma poche variabili e, individuata una strategia per scardinare il sistema e fare molti punti, il divertimento finisce. Un po' troppo piccolo a e ripetitivo. Oltre le 10 partite dubito che possa resistere.

      Elimina
    3. Ho letto che basta prendere l'espansione per avere moltissimi edifici e variabili in più.
      Io credo che userò MiniAgricola per poter poi prendere Agricola. Abituandoci così la mia signora al sistema di gioco.

      Elimina
    4. Eh, ma son 30 euro di propedeuticità xD
      Sinceramente a sto prezzo mi aspettavo qualcosa di più (Patchwork ad es. li vale fino all'ultimo centesimo anche di più per il divertimento che regala). Le espansioni non sono state tradotte e comunque mi pare costino quasi quanto il base... cosa che in somma mi lascia al quanto indifferente, anzi mi indispone proprio.
      Luca

      Elimina
    5. Tanto per mungere ancora un po' la vacca grassa...

      Elimina
    6. Hai ragione Luca. Alla fine se devo fare 30+30+30 tanto vale comprarsi Agricola et amen :D

      Elimina
  6. ...Targi... ehm... (già nel radar)...

    RispondiElimina
  7. Ciao,
    anch'io ti faccio i complimenti per l'articolo e per l'idea.
    Ti faccio solo una piccola nota, perché ahimè il titolo mi ha un po' illuso :(

    Ma vado con ordine... e aggiungo il mio spunto di riflessione (non è un mugugno), basato sulla mia esperienza personale.
    Hai scritto "considerando che un gamer avrà quasi sempre una compagna/o o un amico/a con cui farsi una partitina a qualcosa e spesso si trova di fronte a scelte non facili essendo tante le variabili in gioco (prezzo, complessità, set up, espansioni, rigiocabilità).". Secondo me la variabile da tenere più in conto è "i gusti dell'altro giocatore".
    Il titolo, infatti, inizia con "Amore a cosa giochiamo stasera?" e dici "un gamer avrà quasi sempre una compagna/o", ma spesso la compagna di un gamer è una giocatrice occasionale, se non addirittura "contraria al gioco". Nel mio caso, mi trovo nella situazione "giocatrice occasionale" (e a me va più che bene) e il titolo più gettonato quando siamo in 2 è Dog Royal (un Non t'arrabbiare in cui si muovono pedine con le carte, numerate e speciali: meno a fortuna di quanto possa sembrare). Al secondo posto c'è Tea time, di Emanuele Ornella. Abbiamo provato in 2 Carcassonne, Alhambra, Takenoko, e come titoli per 2 giocatori Hive e Cesare e Cleopatra. Non le sono piaciuti molto ed è un po' restia a giocarli: li definisce "pesanti" ;) Giusto per dare un'idea dei suoi gusti, in più di 2 giocatori ha gradito Dixit, Tsuro, 6 Nimmt, Tokyo Train, Coloretto, Mamma mia, Marrakech, Transamerica e per fortuna anche Hamsterbacke.
    Visto che tutti ne parlano bene, sarei incuriosito da Patchwork, ma temo possa risultarle un po' freddo o matematico.
    Quindi, tornando a bomba, nella sezione 1 (giochi di poche pagine e subito memorizzabili), mi sarei aspettato altro, non certo Targi, che è stato candidato al Kennerspiel: sarà veloce da spiegare e dal costo contenuto, ma richiederà una complessità di ragionamento non proprio adatta ai neofiti.
    Quindi, rinnovo i complimenti per l'articolo, ma colgo l'occasione per proporne un altro, in cui riportare giochi della sezione 0, in cui magari includere giochi 2+, non solo per 2.
    Un articolo di giochi per coppie, non giochi per 2 gamers incalliti. Ce li vedete Dado e RedBairon dirsi "Amore a cosa giochiamo stasera?" ;)

    RispondiElimina
  8. Risposte
    1. ... e Dixit per 3-6 e Tokyo Train per 4-8.
      Avevo scritto "in più di 2 giocatori", quindi intendevo 2+ o 3+ ;)

      Elimina
    2. Lo so, ma speravo avessi inventato una bella variante per 2 giocatori, così me lo potevo giocare anche in 2! :D
      Mi toccherà inventarla da me! ;-)

      Elimina
    3. La variante per 2 giocatori sta su BGG: https://boardgamegeek.com/thread/1308693/2-players.
      Non è male, ma si può fare di meglio, perché in 3 è comunque più carino. Quindi sei libero di apportare modifiche!

      Elimina
  9. Ciao! E' da un po che seguo questo Blog, ma solo in maniera passiva, oggi invece voglio commentare! Per prima cosa complimenti per il blog, molti articoli interessanti e illuminanti. Non sono un esperto e sono nel mondo dei GdT da poco, ma ho avuto la fortuna di giocare a 2 giochi in lista, Hive e Patchwork. Molto molto affascinanti. Patchwork è arrivato in casa la settimana scorsa, e già è stato apparecchiato più e più volte. Molto molto bello, veloce e profondo. Metterò tra i desideri gli altri della lista! :)

    RispondiElimina
  10. Ciao, escludendo i grandi classici (Scacchi, Go e Shogi) vi riporto 15 giochi solo per 2 che non sono stati menzionat e che gioco volentieri più di altri i ordinati alfabeticamente:

    Carnac del nostro italiano Venturini
    Dvonn
    Elk Fest
    En Garde
    Exxit
    Fantasmi
    Kamisado
    Khet the Laser Game
    Pagoda
    Plateau
    Ponte del Diavolo
    Splits
    Twixt
    Wakanda
    Zertz

    RispondiElimina
  11. Ragazzi che dire.... grazie a tutti e non solo per i complimenti.
    Grazie soprattutto per i vs. suggerimenti: come tanti anche io sono sempre avido di scoprire roba nuova: sempre alla ricerca della luce che si accende quando giochi una carta o tiri un dado in un gioco nuovo. I titoli di Claudio li proverò prima o poi.
    Su Jaipur devo dire che l'ho provato qualche gg. fa, me lo sono fatto dare apposta dal "capo Pinco" proprio in vista dell'articolo: due partite ci sono bastate.......
    Per quanto invece riguarda il titolo "Amore ecc." dovete essere comprensivi: è un omaggio alla mia signora, compagna di vita e di giochi. La cosa funziona pressappoco così: si comincia in armonia a scegliere un gioco: si finisce con uno che ride e l'altro che contesta l'applicazione del regolamento rinnegando la sconfitta e giustificandosi dicendo "Se tu avessi avuto la giornata che ho avuto io ti avrei semplicemente stracciato". Mi sembrava giusto riportare questa esperienza nel titolo...
    Per finire: grazie ancora a tutti quelli che hanno trovato nell'articolo spunti interessanti....
    Ci rileggiamo alla seconda puntata

    RispondiElimina
  12. Articolo molto interessante, attendo presto la seconda parte.
    Intanto aggiungo qualche titolo:

    - Starship Catan: versione da 2 giocatori di Starfarers of Catan. Direi appena più semplice di Catan x 2, molto carino.
    - Memoir '44

    poi ci sono dei titoli per più giocatori che girano bene anche in due:
    - Innovation
    - 51st State
    - Coloni Imperiali
    - Roll e Race for the Galaxy


    Ciao.
    Simone

    RispondiElimina
  13. Tra i giochi di questo articolo annoterei anche Citadels. Quasi deluso dall'interminabile downtime che si ha in tanti giocatori e dall'incontrollabilità che regna incontrastata, sono rimasto affascinato dalla variante per 2/3 giocatori. Il gioco prende una nuova veste, il bluff è veramente parte centrale del gioco, l'interazione ha molto più senso dato che può essere ben pianificata, in definitiva tattica e strategia cominciano a farsi valere come devono dando così al tutto una notevole profondità. Consigliatissimo, non rimarrete delusi, e poi avrete un gioco comunque molto versatile ed espandiblile nel caso i giocatori al tavolo aumentino all'improvviso.
    Piccolo cenno per il già citato Kamisado, un gioco accattivamente per la sua semplicità.
    Ciao e complimenti articolo.

    RispondiElimina
  14. Giusto per aggiungere un altro paio di titoli: se vi piacciono i giochi astratti vi consiglio Pylos e Abalone. Ottima profondità e tanta strategia a fronte di poche regole, anche se non esattamente immediati come Quoridor e quindi non proprio adatti a tutti tutti.

    RispondiElimina
  15. Ciao davvero complimenti per l'articolo e grazie a tutti per avermi fatto scoprire tanti titoli, spero di trovare finalmente qualcosa che piaccia al mio ragazzo. Abbiamo provato Jaipur, yahtze, takenoko, stone age, seasons,kingsburg, coloni di catan, il piccolo principe, hive, splendor, hanabi,carcassonne, il labirinto magico, caylus, agricola, go.
    Irene

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Marco polo per me rimane imbatribile anche in 2

      Elimina