giovedì 22 gennaio 2015

[Vetust Games] - Frogger

scritto da MagoCharlie


Premessa: sono ancora vivo. Mi scuso con tutti per la mia tragica assenza in questi mesi…Alcune cose sono cambiate nel mio lavoro normale e nella attività di Game Designer dopo Essen. 
Mi trovo con sempre meno tempo libero per godermi la mia collezione e scrivere le mie recensioni…Cercherò di tornare il prima possibile più in forma che mai! Alla fine dell’articolo vi lascio un paio di contatti del sottoscritto vista la curiosità che nasce dalla mia attività di “Vetust Collector”!

Frogg…SPLAT!
Ed eccoci qua di nuovo! Una nuova scatola di un videogame tra le mani.
Continuiamo il nostro viaggio nei videogiochi-in-scatola con Frogger, titolo del 1981 facente parte della prima ondata dei giochi elettronici trasformati in boardgame dalla Milton Bradley.
Come sempre, prima di parlare del gioco da tavolo, diamo un’occhiata alla storia del videogame.

Siamo in Giappone nel 1980, la prolifica Konami commissiona la produzione di un gioco che possa andare ad affiancare un mostro sacro come PacMan; ma questa volta la richiesta è diversa: avere come protagonista un personaggio reale e non inventato e sfruttare al massimo la potenza di calcolo dei cabinati arcade di quegli anni. Nasce così Frogger. Il giocatore impersona una rana che da un ciglio della strada deve raggiungere l’altro lato dello schermo cercando di evitare il traffico e utilizzando i tronchi del fiume per raggiungere la riva. Raggiunta la riva si avanza di livello e si torna sul ciglio della strada con più macchine che si muovono più velocemente. Tutto qua.
Si gioca dal basso verso l’alto, per avere una schermata unica su cui muoversi e senza scorrimento dello schermo: i vari livelli nelle prime versioni si distinguevano dal diverso colore di sfondo.

Inutile dire l’enorme successo che riscosse in tutte le sale giochi, in America fu importato da SEGA e fu messo in cartucce per l’home entertainment dalla Parker Bros (ebbene sì…la famosa casa editrice del gioco più famoso del mondo).

Delle sole cartucce per ATARI 2600 ne furono vendute oltre 3 milioni….il momento era quindi opportuno per farne una linea di giochi e giocattoli, decretando ufficialmente il passaggio da videogame a vero e proprio franchising (da ricordare anche un cartone animato commissionato dalla CBS e in onda nel contenitore di cartoon “Saturday Supercade”).

IL GIOCO IN SCATOLA
Frogger incontra le solite difficoltà nella trasposizione in scatola: far diventare un gioco single player in multi player e gestire i movimenti casuali.
Nel caso di Frogger il gioco diventa per soli 2 giocatori e il tutto è gestito dal dado con la “cattiveria” giusta…..scusate la fumosità della descrizione…vedremo più avanti quale è la meccanica di gioco!

Apriamo la nostra scatolozza verde e nell’interno anche esso verde troviamo:
1 plancia di gioco
9 barriere in plastica
6 rane in due colori diversi (rosse e gialle)
4 tronchi
2 automobili
1 dado speciale
…e le immancabili regole sul sottocoperchio!

Approntiamo il tabellone:
le 9 barriere banche vengono incastrate sul tabellone di gioco per delimitare le zone di movimento dei tronchi e delle automobili: esse fungono anche da binari con delle piccole tacche che posizionano in maniera ottimale l’ostacolo sulla casella.
Le automobili e i tronchi vengono messi sui rispettivi punti di partenza. I tronchi e le auto si muoveranno avanti e indietro a discrezione del giocatore, le automobili potranno anche uscire da una “corsia” per rientrare in quella successiva.

Il game play è presto detto:
I giocatori si siedono al tavolo uno di fronte all’altro, lo scopo del gioco è far arrivare le proprie 3 rane dall’altra parte del campo di gioco; il campo di gioco è un quadrato di 8x8 caselle, le rane si possono muovere ortogonalmente.
Durante il proprio turno il giocatore lancia il dado, il risultato può essere:
Numero da 1 a 3: il giocatore può ripartire il numero ottenuto nello spostamento delle proprie rane, di un’automobile o di un tronco; quindi se il risultato è 3 può muovere di 2 caselle la propria rana (avanti, indietro, a sinistra o destra) e poi muovere di 1 un’automobile, oppure muove di uno l’automobile, di 1 un tronco e di 1 la propria rana….insomma cerca di fare la mossa migliore!
Simbolo del tronco: il giocatore gira sul lato dell’insetto un tronco a proprio piacere, la rana che ci capiterà sopra avrà la possibilità di muoversi di altre 2 caselle extra.
Simbolo della rana: il giocatore muove TUTTE le rane (anche quelle dell’avversario) di 2 spazi in avanti fino a dove è possibile.
Come detto lo scopo è quello di attraversare illesi l’autostrada e di non affogare nel fiume centrale….e qui parliamo della cattiveria, ovvero della vera e propria meccanica di interazione tra i giocatori nel gioco.
Se una rana viene schiacciata da un’auto (ovvero durante il turno si muove una auto su una casella di una rana avversaria) la rana tornerà subito nel punto di partenza; i tronchi non possono schiacciare le rane, ma farli allontanare da un punto ad un altro serve per rallentare l’attraversamento del fiume.
…tutto qua. Posso dire semplice e ben redatto come gioco!


LE DIFFERENZE TRA L’ELETTRONICO/ CARTACEO e le due strane edizioni
Per rendere il gioco a due giocatori il tabellone di gioco è stato rivisto: se nel cabinato si doveva attraversare dapprima la strada e per ultimo il fiume, adesso il fiume è centrale e vi sono 2 strade da attraversare (con meno macchine…!).


In Italia, come in America, ci sono state due edizioni che cambiano nella grafica della box nulla più (tabellone ed elementi sono invariati).
In America la prima edizione MB risale al 1981, la seconda sempre della MB del 1983; in Italia invece la prima edizione è stata pubblicata da Giochi Preziosi nel 1982 con il titolo di “RanaHop” e nell’anno successivo è arrivata l’edizione con la copertina internazionale by MB Giochi.
Da notare la “crudeltà” della prima edizione della Giochi Preziosi che con una illustrazione originale ritrae una rana che scappa all’ultimo minuto da sotto la ruota di un’auto che sembra un Pandino!

CONCLUSIONI
Frogger è un gioco per 2 giocatori che si fa piacevolmente giocare: tutto è regolato dai tiri di dado che però non obbligano ad una corsa su chi arriva prima, ma fa riflettere un poco su quale mossa sia la migliore…ovvero rompere le scatole all’avversario o muovere la propria rana?
Lo consiglio a chi ha voglia di riscoprire un vecchio gioco piacevole tutt’ora e diffido a pagarlo più di 19 euro usato: ho visto quotazioni alle stelle…manco fosse Heroquest!

CONCLUSIONI DELLA CONCLUSIONE
Come detto all’inizio mi spiace davvero avervi fatto attendere così tanto…cercherò davvero di essere più attivo nel 2015!

Dato che molti di voi mi contattano privatamente per aiuti/consigli e qualche volta valutazioni, ho deciso di aprire un mio profilo su ASK così da poter ricevere le domande e poter rispondere pubblicamente (il più delle volte mi arrivano le stesse domande di valutazione tra cui “Ho Brivido, quanto vale?”), sarò ben lieto di potervi essere utile per ogni cosa… vi lascio il link: http://ask.fm/magocharlie

-- Le immagini sono tratte dal sito BGG, postate da T'Leynti e Fer Moros e saranno rimosse su semplice richiesta degli autori. I diritti sui giochi citati appartengono ai rispettivi editori --

8 commenti:

  1. Grande come sempre, ma ti devo correggere, la macchina che si intravede nella scatola "giochi preziosi" non è una Panda , ma bensì una Ferrari Testarossa.... ;)

    RispondiElimina
  2. Da qualche parte devo ancora averlo...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ...anche io... maremma ladra... ma è rimasto nella casa in Sicilia... sepolto chissà dove!!!

      Elimina
  3. a proposito MagoCharlie: ho Brivido, quanto vale? :)

    RispondiElimina
  4. Questo non lo conoscevo per nulla. E' un'altra reliquia del genere!

    RispondiElimina
  5. amato Frogger, ho perso tutti i tuoi pezzi proprio ora che vali milioni

    RispondiElimina
  6. LUCA! Immaginavo fosse un'auto diversa dalla Panda...ma non sapevo della Ferrari!

    RispondiElimina
  7. Agzaroth: ahah! Lo sapevo che qualcuno me lo chiedeva! Comunque su Ask ho già risposto...

    RispondiElimina