lunedì 31 marzo 2014

Novità di primavera (II)

scritto da Fabio (Pinco11)


Proseguo imperterrito nella mia carrellata di titoli che mi sono balzati all'occhio, previsti in uscita più o meno imminente.

Come era naturale la copertina va a Feld, che ultimamente si trova un pochetto ovunque, come il prezzemolo, ma ci sono diverse cosette delle quali possiamo parlare, andando a spulciare in casa Hurrican, Hand im Gluck, Ravensburger e G3 ...

Come vedrete c'è in arrivo un pochetto di tutto, ma dominano i titoli di peso medio ... ;)

domenica 30 marzo 2014

[nonsolograndi] Dobble


scritto da Davide (Simarillon)
 
Mi ero ripromesso, inizialmente di parlare solo di giochi per bambini (e per ora ce l'ho fatta) e che non fossero già stati trattati dal blog, ma, nel giorno del mio compleanno (proprio oggi!!!), mi prendo una deroga su questa decisione, visto che in questa giornata tutto mi è concesso :D. Eccomi quindi a parlare di Dobble, un gioco davvero speciale per me è mio figlio. Qualche piccolissima nota su editore (Asmodee, in Italia Asterion Press) autore Denis Blanchot e illustratore Igor Polouchine. Il gioco è assolutamente indipendente dalla lingua, ma la versione italiana contiene il regolamento nella bellissima lingua di Dante.

sabato 29 marzo 2014

Recensioni Minute - Okiya

scritto da TeOoh!

Mi sembrava di barare un po' a lasciare solo il vlog dell'unboxing solo soletto, così ho deciso che potevo rosicare qualche minutino in più di attenzione sia per lasciarvi anche due righe e relativo filmato di un gioco che conosco da relativamente poco tempo, ma che ha già un bel po' di partite all'attivo.

Vi parlo di Okiya, un gioco per 2 giocatori, di Bruno Cathala, durata 10 minuti. Portato in Italia da Oliphante.

Recensioni Minute Vlog - Primo Unboxing

scritto da TeOoh!

Nell'ultima puntata del vlog avevo chiesto se l'idea di presentare qualche unboxing potesse essere interessante. La risposta è stata unanime nel dire "Pollice su per gli unboxing, ma tieni il formato minuto!".

Ecco quindi che, a valle degli ultimi titoli che hanno varcato la soglia di casa mia, mi sono cimentato in questa mia prima esperienza di "aprire le scatole in pubblico". E...sì, se volete scoprire i titoli, dovrete per forza aprire anche la seconda parte dell'articolo. Sono malvagio. Lo so.

venerdì 28 marzo 2014

[Riscopriamoli] - Race for the Galaxy

scritto da Maxell

Mi sentivo un po' in obbligo a recensire, nonostante il gioco sia stato prodotto nel 2007, un prodotto che, piaccia o non piaccia, gode di un'immensa fama, è 22esimo su Boardgame Geek e ancora oggi è considerato uno dei top in assoluto tra i giochi di carte/strategici.

Il gioco conta a oggi numerose espansioni e semmai farò una recensione esclusivamente su quelle ma oggi parliamo solo e solamente del gioco base accennando comunque le espansioni, cosa portano e quali meccaniche introducono.

Mi sono voluto "accollare" la recensione perché è un gioco che a lungo ho snobbato per principio ma che ho imparato a apprezzare tantissimo e, chi ha letto le mie recensioni, sa bene quanto riesca a dilungarmi in dettagli quasi a voler disegnare il gioco e spiegarne le meccaniche : qui non ci sono infatti mezze misure - se si vuol capire qualcosa di questo gioco è necessario spiegare come funziona - ed eccomi ad alzare la mano come si faceva a scuola, pronto a buttar giù fiumi di parole su questo gioco.

giovedì 27 marzo 2014

[Anteprima] Brügge: Die Stadt am Zwin, Bruges si espande!

scritto da polloviparo.

A grande sorpresa ecco arrivare, o forse meglio dire ecco annunciata, la prima espansione di Bruges, titolo di S. Feld pubblicato nel 2013.

Come molti di voi sapranno l'anno scorso Feld ha visto pubblicati ben quattro titoli: Amerigo, Bruges, Bora Bora e Rialto.
Li ho provati tutti e devo dire che la mia scala personale di gradimento, è la seguente:

1. Bora Bora
2. Amerigo
3. Bruges
4. Rialto





mercoledì 26 marzo 2014

.. Il Grande Cranio ha parlato ...

scritto da Fabio (Pinco11)

.. il Grande Cranio ha parlato. ... come? ... non avete sentito? ... non sapete di che sta parlando il Grande Cranio?
Affari vostri, il Grande
 Cranio non ripete!
Mmmhh... vediamo se trovo una via alternativa per saperne qualcosa ..


A sorpresa pochi giorni fa è giunta la notizia della nascita di una nuova realtà editoriale, ossia la Horrible Games. Appena letto che si tratta di una iniziativa di Lorenzo Silva, uno dei due "lorenzi" della Cranio e collegato il cervello (poverino, lo lascio spesso in standby per riposarsi ...) colgo che forse qualcosa è accaduto in casa Cranio Creations ed ho chiesto lumi al Grande Cranio in persona, ovvero all'entità sovrannaturale che sino ad ora governava i pazzi scalmanati dell'editore del teschio.

Horribili novità in arrivo

scritto da Fabio (Pinco11) 

Qualche giorno fa mi arriva una mail inviatami da un certo Lorenzo 'Horrible' e la cosa mi fa accapponare la pelle, per la sinistra somiglianza con l'Hannibal filmico e temo che si tratti di un invito a pranzo ;)

Clicco su 'leggi' e scopro che si tratta solo dell'amico Lorenzo Silva, una delle anime della Cranio Creations e, leggendo che mi parla della nascita di una nuova casa editrice e del fatto che essa prenderà in mano diversi titoli già editi dalla Cranio, faccio due più due e concludo che qualcosa è successo nella casa del teschio.

Il modo migliore per sapere cosa è chiederlo a lui stesso, andando aldilà del comunicato stampa, per capire quali nuove frontiere dell'orrido potremo attraversare con lui ..

martedì 25 marzo 2014

[Recensione] Flash Point: Fire Rescue

Scritto da Agzaroth

Cercavamo un collaborativo semplice e non troppo lungo da fare fino a sei persone. Sentendone parlare molto bene (non da tutti, per la verità), abbiamo deciso di optare per questo Flash Point, che veniva indicato un po' come un Pandemia più ambientato. Dato che a noi Pandemia piace molto, non abbiamo avuto esitazioni e, con la sobrietà che ci distingue, abbiamo acquistato in blocco il gioco base più quattro espansioni.

Com'è andata? Abbastanza bene direi, anche se si è confermato il parere espresso da Linx e al quale ero stato cocciutamente sordo: Flash Point è prono al fattore chiappa come non mai.
Il gioco di basa sulle meccaniche di punti azione, scelte multiple, poteri variabili, tiro dadi e scongiuri antisfiga.

lunedì 24 marzo 2014

Anteprima - Norderwind

scritto da Fabio (Pinco11)


Certi titoli si propongono come dei predestinati, per via del tema, dell'autore, dell'editore, dei componenti. Norderwind (per 2-4 giocatori, età suggerita 10+, indipendente dalla lingua, 45 minuti a partita) ambisce sicuramente ad esserlo, perché ne è autore Klaus Teuber, più volte vincitore dello Spiel des Jahres ed ideatore, tra gli altri, dei Coloni di Catan, perché ne è illustratore quel Franz Vohwinkel che è da molti considerato come il più talentuoso grafico di giochi da tavolo in circolazione (o almeno uno dei migliori), perché è prodotto dalla Kosmos proprio nell'ultimo periodo utile ai fini della partecipazione allo Spiel des Jahres e perché gode di una componentistica assolutamente lussuosa in rapporto a quanto era necessario per supportare le dinamiche di gioco.
Fatto lo sproloquio introduttivo vi dico che ciascun giocatore entra nei panni di un capitano coraggioso che solca i mari infestati da pirati nei quali è ambientato il gioco, cercando di sfruttare al massimo le opportunità di commercio e guadagno offerte dalle rotte percorse, il tutto gestendo con attenzione la propria nave.
Il pubblico di riferimento è ampio, rientrando nei titoli 'familiari' (per i tedeschi ..) e le meccaniche sono quelle del push your luck, unita ad un pizzico di gestionalità e di memoria.

domenica 23 marzo 2014

GSNP 24 (il Podcast) - I giochi da tavolo a tema Fantascienza

scritto da Fabio. Podcast di Fabio, Federico, Alan, Stefano, Marco.


Oggi si parla di Fantascienza, o meglio dei giochi da tavolo che propongono sul loro sfondo la sci fi.
Si parte leggeri, divagando e dicendo sciocchezze varie legate all'argomento e ben presto si prende a dialogare di vari titoli.
Anche stavolta non abbiamo minimamente mantenuto i propositi espressi tempo fa, ossia di contenerci nella durata della puntata, di parlare di pochi titoli, ... ;)

Speriamo che l'idea vi torni gradita e che il numero dei partecipanti non incida (troppo) sulla confusione espositiva :)

sabato 22 marzo 2014

Recensioni Minute - Rokoko

scritto da TeOoh!

Prendendo uno stralcio da Wikipedia, posso rendervi edotti del fatto che "Rococò è uno stile ornamentale sviluppatosi in Francia nella prima metà del Settecento come evoluzione del tardobarocco. Si distingue per la grande eleganza e la sfarzosità delle forme, caratterizzate da ondulazioni ramificate in riccioli e lievi arabeschi floreali. Sono espresse soprattutto nelle decorazioni, nell'arredamento, nella moda e nella produzione di oggetti."
Nel caso del titolo ideato dalla triade: Matthias Cramer, Louis Malz, Stefan Malz, per 2-5 giocatori, andremo a concentrarci principalmente sulla moda alla corte di Luigi XV.

In veste di abilissimi sarti, dovremo fare in modo che tutti gli invitati al gran ballo del Re facciano bella figura attraverso lo sfoggio di raffinati abiti o donazioni per abbellire il più possibile le sale.

venerdì 21 marzo 2014

[nonsolograndi] Viva Topo


scritto da 
Davide (Simarillon)

Viva Topo è un gioco pubblicato da Selecta ideato da Manfred Ludwige illustrato da Barbara
Kinzebach in cui si può giocare da 2 a 4 giocatori; il gioco è completamente indipendente dalla lingua e la versione che potete trovare contiene anche il regolamento in italiano. Una famiglia di topi parte per il paese della Cuccagna dove potrà mangiare ricche forme di formaggio, ma un famelico gatto si è messo anche lui in viaggio per inseguire e catturare i topolini, che avranno, comunque,
durante il loro viaggio alcuni rifugi dove racimolare qualche pezzo di formaggio per mettersi al sicuro dal gatto in arrivo.

giovedì 20 marzo 2014

Dungeon Fighter: Fuoco a volontà - Recensione

scritta da Bernapapà


Sull'onda del successo ottenuto dalla pubblicazione del gioco Dungeon Fighter, ecco che la Cranio Creations si appresta a sfoderare un po' di espansioni: il 2013 ha visto la luce la prima: Dungeon Fighter: Fuoco a Volontà. Il libretto di istruzioni dice esplicitamente che questo è solo l'inizio di un quartetto che comprenderà, oltre al fuoco, gli altri tre elementi di filosofica memoria: aria, acqua e terra. Vediamo quindi insieme che cosa aggiunge, al già bel gioco del terzetto Silva-Buonfino-Tucci Sorrentino, questa piccola espansione, il cui materiale può essere comodamente custodito nella scatola base del gioco. L'espansione arricchisce il gioco di nuovi elementi, ma non altera la natura caciarona e scanzonata di questo gioco che piace tanto a grandi e piccini, trattandosi di un collaborativo a sfondo Dungeon, molto molto divertente (qui trovate la recensione del gioco base).

mercoledì 19 marzo 2014

Vetust Games - Atmosfear

scritto da MagoCharlie

Giocate preferibilmente di notte. Abbassate le luci, alzate il volume e premete il tasto di avvio del vostro video registratore

Con questa frase inizia il regolamento del gioco di oggi; Atmosfear è uno di quei giochi che buona parte di voi ha giocato da ragazzo, perché è stato un regalo di Natale o perché ce l’aveva un tuo amico di scuola.. ecco, il secondo caso è il mio!
Atmosfear è stato il primo gioco in Italia con l’innovazione della “interattività” della tv: interattività per modo di dire… perché si seguivano le direttive durante il gioco dalla cassetta, ma non si poteva più di tanto interagire!

martedì 18 marzo 2014

[Meccaniche] Gestione Dadi

scritto da Agzaroth

Cos'è “Meccaniche”? Una nuova serie di articoli (o almeno, si chiamerà serie quando ne avrò scritti almeno tre...) che prende in esame una meccanica attraverso una breve disamina dei suoi titoli più rappresentativi.

Quando ho pensato a questo articolo, non sapevo bene come impostare il tutto. All'inizio, preso da velleità enciclopediche, pensavo a un trattato esaustivo per ogni singola meccanica. Poi, considerato il fatto che di tesi di laurea mi basta averne fatta una e che mi piacerebbe scrivere più di un articolo all'anno, avevo ridimensionato il tutto a 5 giochi simbolici per articolo. Volendo però partire dalla “gestione dadi” e avendo già scelto i primi 4, mi sono rivolto a Poldeold (sommo estimatore e conoscitore del punteggiato cubo rotolante, che qui ringrazio per l’aiuto ricevuto) per lumi sul 5° elemento. E lui mi ha sparato una sequenza di titoli che mi ha mandato in crisi, perché ogni gioco che scartavo era un  colpo al cuore e mi pareva che l'unica strada percorribile fosse di nuovo quella della trattazione omni-comprensiva.

lunedì 17 marzo 2014

Novità di primavera (I)

scritto da Fabio (Pinco11)


La fiera di Norimberga (che si tiene a febbraio) rappresenta per gli editori un punto di incontro molto importante e centrale nel panorama fieristico, in gran parte perché dedicata essenzialmente agli operatori del settore (con occhio di riguardo ai grandi commercianti), ma per noi appassionati risulta molto meno attraente rispetto ad Essen, anche perché a Norimberga non si gioca molto (ci sono spesso copie di preproduzione in esposizione) e non si viene via con scatole in mano (anche perché spesso la roba che ti mostrano stanno solo programmando di farla uscire ...)  ;)
La primavera poi non è esattamente un periodo 'morto' nella stagione ludica, ma le uscite di novità sono per certi versi 'centellinate': è un po' come, dopo aver fatto uno dei pranzi più ricchi che ricordate (Essen ed ottobre), arrivare a cena (primavera) e mangiare ancora qualcosina, forse più per abitudine che per vera fame ;)

domenica 16 marzo 2014

[News] Helios

scritto da polloviparo.

Ecco un'altra delle novità presentate in occasione del Toy Fair 2014 di Norimberga, entrato nel mirino... anzi entrato direttamente nel carrello, in quanto mi sono subito preoccupato di preordinarlo.

Voce fuori campo: Sì, sì, ma di cosa si tratta?

Beh si tratta dell'ultimo gioco ideato da Martin Kallenborn e Matthias Prinz, illustrato da Dennis Lohausen, per 2-4 giocatori!

Voce fuori campo: Sì, sì, ma vogliamo sapere che tipo di gioco è?

....
Non lo so...

Voce fuori campo: Cosa vuol dire non lo so?!?

Vuol dire che non lo so! Non so quasi niente di questo gioco....

Voce fuori campo: E allora perchè l'hai preordinato scusa?!?

Come perchè l'ho preordinato, ma avete visto quanto è bella la scatola?!?
E Le illustrazioni? Avete visto le illustrazioni del gioco?


sabato 15 marzo 2014

Recensioni (per persone) Minute - Animali da record

scritto da TeOoh!

Dopo qualche titolo per i più piccoli in grado di passare agevolmente da gioco a giocattolo, sono ora a narrarvi di questo Animali da Record in grado di passare agevolmente da strumento educativo a strumento didattico.
Il gioco, di Francesco Berardi, per 1-6 giocatori ed edito da Clementoni, fa parte di una "serie" di titoli simili tra loro ma differenziati dal tema (dinosauri, città,...).

venerdì 14 marzo 2014

[Prova su strada] Oddville

scritto da Fabio (Pinco11)


Eravamo nell'autunno del 2012, quando usciva Oddville, di Carlo Lavezzi (editore What's Your Game, per 2-4 giocatori, indipendente dalla lingua): parliamo di poco più di un anno fa, ma in mezzo ci sono passate centinaia di uscite, per cui me lo ero bello che dimenticato, salvo entrare in un periodo di giochi di carte con mia moglie, arrivando a recuperarlo per un ordine di giochi.
Devo dire di essere rimasto contento di questa scoperta, perché ho avuto modo di trovarlo facile da spiegare, compatto ed interessante il giusto, risultando, alla fine, un gioco da tavolo completo 'liofilizzato' in un gioco di carte.
A livello di ambientazione, comunque, vi trovate (molto teoricamente) nella città di Oddville, nella quale siete chiamati a contribuire allo sviluppo della strana cittadina, costruendone i futuri più attraenti edifici e si tratta di un gestionale, con elementi di piazzamento tessere.

giovedì 13 marzo 2014

[riscopriamoli] HeroQuest

scritto da Agzaroth

Nel 1989 avevo 12 anni. Avevo da poco letto Lo Hobbit, mi accingevo a iniziare il Signore degli Anelli e affrontato la mia prima campagna di Dungeons&Dragons scatola rossa, con un improbabile mezzelfo gigante alto 2 metri e mezzo con una martello al posto della mano sinistra, di nome Zadok...
Fu allora che vidi passare in TV una pubblicità di bambini attorno a un tavolo con imbandito uno splendido gioco da tavolo ricco di miniature ed elementi scenici, che prometteva entusiasmanti avventure nel mondo della magia.
Doveva essere mio.
Costava un botto (si parla, se non sbaglio, di 70mila lire, non poco nell'89). Siccome in famiglia i regali erano centellinati e solo per le feste comandate, riuscii ad avere il pacco solo per Natale.
Quell'anno, fu l'anno di HeroQuest.

mercoledì 12 marzo 2014

Anteprima: Viticulture

scritto da Bernapapà


Quando ancora ero un "babbano" e muovevo i primi passi sul sentiero dei GdT moderni, un mio parente, coniugando due mie passioni, mi regalò il gioco Vinhos. L'impatto fu devastante, perché il livello di difficoltà del gioco mi sovrastava abbondantemente, per cui dopo un paio di tentativi, lo lasciai a decantare (e tuttora è lì che mi aspetta). Nel frattempo, però, la mia passione per il vino e per il gioco da tavolo non è diminuita per cui, quando ho trovato le regole di questo gioco, mi sono tuffato nella lettura delle regole. Sto parlando di Viticulture, gioco ideato dalla coppia Stegmaier -Stone, novizi autori, ed edito dalla loro Stonemaier Games, che si sono poi ripetuti con Euphoria (qui la recensione). Il gioco è partito sulla piattaforma kickstarter, ed ha visto la luce nel 2013 (anche se da noi ancora non lo si trova): l'ambientazione è presto detta: ci troviamo su fantomatiche colline toscane a dover gestire e far crescere un'azienda vinicola, cercano di allargare le coltivazioni, le cantine e le strutture annesse, per poter produrre i vini più pregiati e finalmente acquisire prestigio vendendoli. Come avrete intuito, trattasi di gestionale basato su piazzamento lavoratori, da 2 a 6 giocatori, con poco testo (inglese) sulle carte, per un'oretta di gioco. Viene proposto come un 10+, ma solo giocandolo si potrà sapere se hanno sparato troppo basso....

martedì 11 marzo 2014

Bruxelles 1893

scritto da Fabio (Pinco11)

Sono quasi arrivato, finalmente, ad esaurire la valanga di scatole che aveva affollato il mio spazio 'giochi non ancora provati' dopo il periodo delle grandi uscite autunnali ed uno degli ultimi titoli a transitare sulla mia tavola è stato Bruxelles 1893 (per 2-5 giocatori, tempo medio dai 90 minuti in su, indipendente dalla lingua), di Etienne Espreman (esordiente), edito da Pearl Games (per l'Italia distribuito da Uplay.it).
L'idea è qui quella di mettervi nei panni di altrettanti architetti, impegnati a realizzare, in competizione tra loro (e traendo le proprie risorse anche dal fiorente mercato dei dipinti) alcune opere architettoniche mirabili, il tutto sullo sfondo della capitale belga dell'epoca, dominata dallo sviluppo dello stile dell'art noveau (da noi anche detta liberty).
A livello pratico le dinamiche sono quelle dei titoli di gestione azione, con un tot di ometti da distribuire ogni turno tra le varie occupazioni disponibili, il tutto con spruzzi di meccaniche di asta, di maggioranze e di uso di carte.

lunedì 10 marzo 2014

[PLAYTEST] Hyperborea

scritto da polloviparo.

Sabato 22 Febbraio, si è tenuta una delle tappe delle Asterion night a Ravenna presso il circolo Quintet, poteva forse mancare il pollo?
In verità la risposta ha rischiato di essere "sì", a causa di alcuni recenti dissapori con la TdG (che organizzava l'evento), ma alla fine si trattava di un impegno pregresso e la voglia di giocare e di passare qualche ora in compagnia degli amici ha prevalso su tutto il resto.

domenica 9 marzo 2014

[nonsolograndi] Loch Ness


scritto da Simarillon (Davide)

Loch Ness è un gioco ideato dal torinese Walter Obert e illustrato da Piotr Socha in cui si può giocare da 2 a 5 persone; il gioco è completamente indipendente dalla lingua ed è disponibile la versione con il manuale in italiano a cura di Red Glove. Tutto il mondo conosce la leggenda del mostro di Loch Ness, il famoso Nessie, ma nessuno è mai stato in grado di riuscire a scattare una buona foto che lo ritragga. I giocatori, nei panni di curiosi fotografi turisti, si posizioneranno vicino alle rive del lago, cercando di far avvicinare il mostro per riuscire a scattare una buona fotografia.


sabato 8 marzo 2014

Recensioni Minute - Febbraio 2014

scritto da TeOoh!

Sono giunto al termine del secondo mese e direi che la stanchezza per la corsa ai 150 titoli ancora non si è mostrata. Mi sento ben tonico e volenteroso nel continuare con questo ritmo. Se poi vogliamo buttarci in mezzo altri titoli, non ne ho tema! Mwahahahah!

Ecco quindi che in Febbraio sono riuscito ad aggiungere altre 30 partite giocate che, però, non si traducono ovviamente in 30 nuovi titoli nel concorrere al monte dei 150. Approfitto in ogni caso per proporvi qualche altra occhiata sui giochi già citati e magari un paio di note di colore sul modo di approcciarvi ad essi.

venerdì 7 marzo 2014

Recensione: Coal Baron

scritto da Bernapapà

L'accoppiata Kramer Kiesling continua nel tempo a proporre titoli estremamente interessanti. L'anno scorso sono usciti con ben due opere: Nauticus (trovate qui la rece di Fabio) e questo titolo: Coal Baron, edito dalla Eggertspiele, da 2 a 4 giocatori, indipendente dalla lingua. L'ambientazione proposta riguarda l'estrazione mineraria del carbone dei primi anni del secolo scorso, in cui i giocatori saranno chiamati a massimizzare i profitti esplorando gallerie nella propria miniera, gestendo l'estrazione fino al carico dei differenti tipi di carbone sui mezzi e alla loro spedizione, sulla base delle richieste del mercato. La meccanica di piazzamento lavoratori, abbastanza nota, è qui associata ad almeno un paio di elementi innovativi: la possibilità di effettuare azioni già svolte da altri semplicemente aumentando il numero di omini da impiegarvi e una piccola chicca: il giochino di spostamento del carbone, all'interno di un ascensore "funzionante": molto carino e molto coinvolgente. Ulteriore bonus: un gioco in tre turni che, pur rimanendo sufficientemente profondo, lo si completa in un'oretta con pienissima soddisfazione.

giovedì 6 marzo 2014

Space Hulk : Death Angel

scritto da Maxell

Eccoci nuovamente qui con una recensione di un gioco che, per lo standard FFG, è forse passato un pochetto sotto al radar ma nonostante questo ritengo essere in tutta probabilità il gioco di carte più “immersivo” a cui abbia mai giocato : Space Hulk - Death Angel (di Corey Conieczka, per 1-6 giocatori, tempo a partita intorno ai 30 minuti, edizione italiana della Stupormundi).

Immaginiamoci adesso di trovarci su un Colosso Spaziale (noto come Space Hulk) ed essere in formazione con uno squadrone di Space Marine; il nostro intento è ripulire questo agglomerato di relitti spaziali, semplicemente sopravvivendo attraverso i suoi bui e umidi corridoi fino ad arrivare all'ultima stanza - vivi.
Ovviamente il nostro nemico non è tanto lo Space Hulk che farà da teatro alla nostra partita, bensì creature aliene note come Genoraptor, numerose e temibili creature che infestano la zona e faranno di tutto per fermare la nostra marcia.
Siamo nell'universo di Warhammer 40K e, nonostante io non sia un grande appassionato del genere, devo ammettere che questo gioco, soprattutto perchè è di carte, mi ha lasciato stupefatto per immersività, divertimento e, soprattutto, tensione - vediamo in dettaglio.

mercoledì 5 marzo 2014

[Parliamone] Uplay edizioni sconta i suoi titoli

scritto da Polloviparo


In questi giorni si è verificato un EVENTO e lo scrivo volutamente in maiuscolo, che aspettavo da diverso tempo.
Come saprete Uplay ha da alcuni anni una "costola" che si occupa della pubblicazione o edizione di giochi per il mercato italiano.
Fra i titoli di quest'anno abbiamo, tanto per citarne uno: Caverna il popolo delle montagne, ultimo titolo di Uwe Rosenberg, che sta riscuotendo un buon successo.
Io tuttavia voglio parlarvi non dei giochi di quest'anno, bensì dei giochi dell'anno scorso (due se volete essere fiscali, dato che è da poco iniziato il 2014...), con particolare riferimento a Il vecchio e Suburbia.
Il primo è un titolo di Rüdiger Dorn, senza lode e senza infamia. Provato una volta non mi ha restituito più di tanto, anzi diciamo pure che mi ha lasciato piuttosto indifferente (qui la nostra recensione).
Suburbia di Ted Alspach invece, l'avevo giocato tempo fa e mi era "piaciucchiato" (qui la nostra recensione).

martedì 4 marzo 2014

[Recensione] King & Assassins

[Scritto da Agzaroth]

Lukasz Wozniak, della case editrice Galakta, ci propone questo titolo per 2 giocatori, delle durata di 15-30 minuti, indipendente dalla lingua e adatto anche agli occasionali.
Si tratta di uno scontro tra due fazioni asimmetriche: il Re, che deve entrare al castello protetto dalle sue guardie e gli assassini, celati tra la folla.
La meccanica utilizzata è sostanzialmente quella dei punti azione (PA).

lunedì 3 marzo 2014

Recensione - Nauticus

scritto da Fabio (Pinco11)

La premiata ditta Kramer e Kiesling è autrice da anni di valanghe di titoli ed anche all'ultima Essen era sugli scudi con almeno un paio di giochi di ottimo livello, ossia Gluck Auf, della Eggert, e il Nauticus di cui parliamo oggi, della Kosmos.
L'abilità del grande vecchio del game designing tedesco (è nato nel 1942 e già nel 1986 vinceva il suo primo Spiel des Jahres con Heimlich & co) è quella, in genere, di proporre dinamiche di gioco essenziali, ma estremamente ben oliate e funzionali, cosicché molti dei suoi prodotti, per quanto idonei ad essere studiati per l'elaborazione di strategie, sono fruibili da un pubblico più ampio dei soli gamers accaniti.
Nauticus si colloca a pieno titolo in questa categoria (nota: non è esattamente un 'familiare' come lo poteva essere Die Palaste von Carrara, ma le regole sono sufficientemente facili da essere proponibile e giocatori con una esperienza non eccessiva) e vi pone nei panni di costruttori di navi e mercanti, riproponendo, in versione light, le dinamiche di base già tipiche di Puerto Rico.

domenica 2 marzo 2014

GSNP 23 (il podcast): i giochi per due giocatori

scritto da Fabio (Pinco11). Audio con Federico, Fabio, Alan e Stefano.

Oggi torniamo alle puntate a tema e l'argomento prescelto è legato ai titoli pensati, adatti e/o proponibili nel gioco a due.
Si va a ragionare e divagare insieme su quali titoli siano normalmente utilizzati dai giocatori per i casi in cui si trovino solo in due, quali siano più adatti per il gioco in famiglia, quali, validi anche per il multigiocatore, diano il meglio di sé alla fine proprio nel testa a testa ...

Vabbé l'avete capito di che si parla .. ;)

sabato 1 marzo 2014

Recensioni Minute - Antike Duellum

scritto da TeOoh!

Ci vorrebbe un bel trailer con una musica un po' epica tipo colpi di tamburo + cori di voci femminili con sequenze veloci di immagini come alba, spade, navi, combattimenti, monumenti per introdurre questo titolo come fosse un film pronto al blockbuster. Vi parlo di Antike Duellum, una sfida per due giocatori della durata di un'ora abbondante, di Mac Gerdts edizioni PD Verlag, che ha adattato e leggermente modificato il suo Antike per enfatizzare appunto la modalità 1vs1.
Romani contro Cartaginesi o Greci contro Persiani: scegliete la battaglia e su che fronte stare e preparatevi al duello.