sabato 13 dicembre 2014

Recensioni Minute - Vudù

scritto da TeOoh!

Ci ho messo una vita a partorire questa recensione.
Perchè il titolo mi era appunto capitato tra le mani sin dalla Play 2014, mi son preso bene già in quella sede, l'ho visto in ludoteca più volte, mi è capitato di rigiocarlo, ma per un motivo o per un altro, ho sempre rinviato il metterlo sotto la videocamera. Poi, proprio quando pensavo che "adesso lo registro" ecco che mi è capitata tra capo e collo la serata alle Terre Selvagge. "Ottimo, così ne ho parlato ancora, ma senza recensirlo. E a distanza così breve... cosa faccio?".

Ringrazio quindi Marco Valtriani che, dopo aver probabilmente percepito in me questo dilemma interiore, me ne ha messo in mano la scatola con un semplice "Era da un po' che cercavo di darti Vudù". Era destino, ed era il momento. Anche, perchè, visto che a Gennaio ne uscirà l'espansione (Ninja vs Pigmei!), va a finire che perdo poi il treno, come si dice nel gergo di Trenord.

Vado quindi a recensire Vudù! di Francesco Giovo e Marco Valtriani, per 3-6 giocatori, edito dalla italica Red Glove. Finalmente, metto chiarezza.

La minutissima è: nel proprio turno un giocatore potrà spendere dadi per acquisire nuove Maledizioni o lanciarne ai suoi avversari. Ciascuna di esse costerà un mix di ingredienti da consumare tra quelli mostrati sulle facce di tali dadi e imporrà al giocatore bersagliato di procedere la partita con modifiche del suo comportamento o posture del corpo. Ogni maledizione lanciata o rotta fornirà preziosi punti vittoria. Chi arriva primo ad 11 è il vincitore.

La grafica e i materiali sono ben studiati per questo party game ad alta interazione extra-tavolo-da-gioco. Carte grandi (a volte risulterà comunque complesso impugnarle) con immagini fumettose, una bambolina Voodoo da passare tra i giocatori e dei dadi personalizzati che non guastano mai.

Il punto di forza di Vudù risiede sicuramente, più che nella tattica di gioco, proprio nell'atteggiamento che i giocatori assumeranno. Se chi siede al tavolo ha voglia di mettersi in gioco, allora troverà un'allettante sfida nel cercare di sostenere quante più maledizioni contemporanee possibile per evitare di darla vinta ai propri avversari. Chiaramente tutto questo fa di Vudù un titolo molto adatto anche alle giornate dimostrative/fiere.
Gli astanti avranno per forza di cose curiosità nel capire cosa stia accadendo attorno a quel tavolo dove nessuno sembra sedersi composto a riflettere, come ci si aspetterebbe da quei "cervelloni che fanno i giochi in scatola".

Come sempre, andiamo a trovare anche qualcosa di negativo? Da questo punto di vista annovero solamente il dover fare una piccola "selezione all'ingresso" per chi giocherà. Ci si deve mettere in gioco, ma soprattutto, in situazioni di ridicolo. Persone permalose o che comunque puntano a vincere come obiettivo primario, non solo non lo troveranno divertente, ma andranno a rovinare anche la partita agli altri rompendo le maledizioni nel momento esatto in cui verranno loro lanciate.
Se la compagnia però è pronta. Allora avrete sicuramente una montagna di situazioni delle quali ridere a fine della partita.

Se vi interessa approfondire, vi lascio al filmato qua sotto, e in ogni caso, vi rimando ad Egyp per l'acquisto.

Buona visione!


3 commenti:

  1. E' uno dei migliori partygame a cui abbia giocato.
    Le risate sono assicurate!

    RispondiElimina
  2. http://www.annalisacolzi.it/il-gioco-per-bambini-che-insegna-a-maledire/

    Che ne pensate? AHAHAHAHAH Sono riusciti a trasformare questo bel gioco in qualcosa per "invocare Satana"... Io non credevo esistesse davvero gente così. :asd:

    RispondiElimina
    Risposte
    1. "Recensione" imperdibile e commenti esilaranti XD

      Elimina