domenica 7 dicembre 2014

[Party Game] Soqquadro

scritto da Bernapapà

Non c'è niente di meglio che apprestarsi alle festività con qualche bel Party Game da proporre nei pomeriggi post-digestivi dei luculiani pasti natalizi. Anche quest'anno ci dà una mano le Cranio Creations, che esce con questo titolo, Soqquadro, ad opera del trio Luciani, Tucci Sorrentino, Tascini. Il nome è tutto un programma, perché l'intento degli autori, oltre a quello di divertire, è proprio quello di creare un piccolo pandemonio nella casa del malcapitato ospitante. Si tratta di un gioco real-time fino a 6 giocatori, ma può espandersi ad libitum, con pochissimo testo nelle carte (in italiano, of course). La meccanica è basata su una sorta di caccia al tesoro, in cui verremo chiamati a cercare oggetti rispondenti alle caratteristiche della carta che ci sarà toccata, il tutto per una ventina di minuti di puro caos. Il più fantasioso ed il più veloce sarà il vincitore, ma dovrà convincere gli altri giocatori che gli oggetti che ha portato rispondono esattamente alle caratteristiche richieste, altrimenti perderà i punti guadagnati! Se vi va di capirne qualcosa di più, seguitemi.



I materiali e le regole

La scatola è di quelle piccole, ma giustamente adeguate allo scopo. Al suo interno troviamo una piccola plancia, double face, dove in entrambi i lati è disegnato un percorso di 16 caselle: nella versione semplice il percorso è tutto bianco, ed è interrotto, ogni 4 passi, da linee marcare con una doppia Q. Nella versione "difficile" del gioco, il percorso è suddiviso in 3 settori colorati: verde, giallo e rosso, con sempre le 3 righe a doppia Q. Il fulcro del gioco sono poi le carte: il mazzo è suddiviso in 3 colori diversi: carte facili (verdi), carte medie (gialle) e carte difficili (rosse). Sul retro delle carte verdi è definita una caratteristica che può essere una lettera o un colore o un aggettivo; nelle gialle sono combinati due aggettivi, mentre nelle rosse troviamo una lettera ed un colore. Ad ogni giocatore viene assegnato un meeple come segnapunti nel percorso.
La meccanica del gioco è estremamente semplice; si gioca in contemporanea: ognuno pesca una carta del colore che vuole e deve trovare un oggetto che risponda alla caratteristica richiesta, considerando che le carte verdi fanno avanzare di un passo, le carte gialle di due passi e le carte rosse di 3 passi: ognuno deve ricordarsi di fare avanzare il proprio meeple. Gli oggetti trovati devono essere messi sulla carta, ritagliandosi ognuno uno spazio sul tavolo o nei dintorni. Nella versione semplice ognuno può pescare la carta del colore che vuole, mentre in quella "difficile" si va a restringere il campo di azione, ossia nel tratto verde si possono pescare tutte le carte; in quella gialla solo le carte gialle e rosse, mentre nel settore rosso solo carte rosse.
Quando il primo giocatore ha superato la prima linea doppia Q, ci si ferma tutti e si gira una carta che dovrà essere cercata da tutti: il primo che trova l'oggetto, si accaparra i punti della carta e poi il gioco prosegue con ognuno le proprie carte da soddisfare. Quando il primo giocatore supera quota 16, la ricerca termina per tutti, ed inizia la "seconda parte" del gioco, Ognuno, infatti, dovrà presentare le carte con gli oggetti corrispondenti, e dovrà convincere tutti che l'oggetto soddisfa veramente la specifica! Ovviamente in questa fase ognuno farà la sua parte, cercando, talvolta, di arrampicarsi sugl specchi per dimostrare l'indimostrabile. Nel caso in cui il nuovo conteggio dei punti sia inferiore alla posizione del meeple, esso sarà retrocesso; nel caso in cui il riconteggio dovesse invece risultare superiore, il meeple viene comunque lasciato al suo posto perché evidentemente il suo proprietario si è dimenticato, nella frenesia del gioco, di farlo avanzare opportunamente. Terminati i conteggi, si stabilisce il vincitore in caso di pareggio si fa un'altra partita ;-).

Le impressioni

Se l'intento era quello di creare confusione, il risultato è stato pienamente raggiunto! Un gioco caciarone all'ennesima potenza! Al termine del gioco ci troveremo un tavolo pieno degli oggetti più disparati, di ogni forma e colore, con tanta gioia del padrone di casa! A proposito: si consiglia di circoscrivere la zona di caccia, onde evitare di proporre le ceneri della bisnonna Ada con l'accoppiata A e GRIGIO! In questo concentrato di confusione troviamo di tutto: dalla fortuna di pescare carte semplici, all'interazione di correre sulla stessa carta o accaparrarsi gli stessi oggetti, senza dimenticare le litigate per convincere il cugino che non può considerare come oggetto caldo la pentola del cotechino, viso che oramai è da un po' che si è freddata! Da queste poche righe quindi credo abbiate intuito la sostanza del gioco: obiettivo principe farsi quattro risate fra amici.
Se questa prospettiva vi interessa, credo che questo gioco possa accompagnare allegramente gli ormai prossimi pomeriggi festivi!

Potete trovare il gioco su Egyp.
Si ringrazia la Cranio Creations per la copia di review concessaci.

Tutti i diritti appartengono agli autori ed alla casa editrice. Le immagini e regole sono state riprodotte ritenendo che la cosa possa rappresentare una gradita forma di presentazione del gioco. --

2 commenti:

  1. Occhio che esiste anche l'app ufficiale del gioco Soqquadro per smartphone e tablet android!
    Con alcune varianti specifiche per la versione mobile.

    RispondiElimina
  2. Mi hanno parlato molto bene di questo gioco. Penso che lo prenderò...

    RispondiElimina