sabato 16 agosto 2014

Recensioni Minute - Quarto!

scritto da TeOoh!

Eravamo quattro amici al bar
che volevano cambiare il mondo


Ho ricevuto da voi l'input di recensire qualche astratto durante queste calde settimane centrali di Agosto e, super preso dall'entusiasmo, ho subito iniziato a mettere giù la scaletta. Sfortuna però ha voluto che fossi super malatissimo per quasi una settimana intera, tanto da permettermi (per ora) di registrare e montare solamente Quarto!, gioco per 2 giocatori, della durata di circa 15 minuti, in Italia grazie ad Oliphante.

Mi piacciono moltissimo i giochi astratti e, in particolare, non ho mai nascosto di amare letteralmente questo gioco tanto semplice, ma tanto sorprendente. Ricordo persino quando l'ho conosciuto, ed è stato forse una specie di apri porta verso la passione per i boardgames extra supermercato.


*musica di sottofondo*
Fu nel 2006 durante l'Evento Giochi Sforzeschi a Milano. A quel tempo ero mooolto più interessato a Magic che non al resto, ma la versione super gigante (e per super gigante, intendo che la scacchiera avrà avuto 1 metro e mezzo di lato) ha attratto il mio occhio. Mi sono quindi avvicinato con la Nceschi e abbiamo fatto una partita. Poi una seconda. Alla decima ci siamo staccati e siamo andati a comprarlo tenendoci mano nella mano.
*fade out luci e musica*


Finito il momento amarcord, vado a rientrare nei ranghi con la minutissima: 16 pezzi con ognuno un mix unico di caratteristiche (ad es: alto+bianco+tondo+forato). Ogni turno si prende un pezzo e lo si consegna all'avversario che lo piazzerà a suo piacere sul tavoliere. Il primo giocatore che completa una fila da 4 pezzi con una medesima caratteristica (ad es: tutti e 4 bassi) è il vincitore.

Il regolamento è una bazzeccola, tanto da essere facilmente sottovalutabile. E finalmente, direi, è arrivato un gioco dove un avversario chattante al cellulare subirà sonore sconfitte una dietro l'altra! Il gioco, oltre ad una tattica da perseguire e una strategia a breve termine per valutare se giocare in difesa o in attacco, è infatti pregno di una sfida di attenzione. Non sono inusuali partite in cui si conclude la sfida direttamente al quarto pezzo piazzato!

A livello di materiali, nel video vi mostro la mia versione travel: base magnetica e pezzi piccolini, ma ne esistono anche di dimensione normale che possono tranquillamente trovare spazio anche su di un tavolino della sala per fare chic e... esser sempre pronte per una partita. Tutto in legno, fa la sua porca figura. So che dovrebbe essere uscita da poco anche una nuova edizione in plastica colorata della versione travel, direi più valida per eventi o in presenza di pargoli. Insomma, è facile trovare il Quarto! che fa per sè.

li sentivo chiacchierare han
deciso di cambiare tutto
questo mondo che non va

Ci troviamo qualcosa di negativo? Troviamolo. Diciamo che se il vostro avversario è prono alla paralisi di analisi, allora dovrete implementare la "regola da torneo" che consiste nel lasciare 1 solo minuto per la mossa. Purtroppo è tutto esplicito, quindi a ricezione del pezzo, è teoricamente possibile valutare ciascuna delle posizioni in cui esso sarà piazzato in relazione ad OGNI pezzo rimasto (e che quindi darete all'avversario). Ad essere sincero, spero non esista una persona che abbia la voglia e la costanza di analizzare tutte queste combinazioni (mai trovato alcun avversario bloccato con Quarto!), ma nel caso... è giusto che vi segnali tale possibilità.

Sono qui con quattro amici al bar
che hanno voglia di cambiare il mondo.

Via, sparatevi la recensione video, continuate a tuffarvi in mare anche per me e... link Egyp che non guasta.

mai.

3 commenti:

  1. Hai proprio ragione, un gran bel gioco che provai in versione gigante a qualche "Play" fa.
    Sul genere però preferisco "Quoridor" (solo da due player, in quattro è brutterrimo), ma giusto di una incollatura come direbbero i patiti ippici.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Concordo con te sul fatto che Quoridor in 3 o 4 diventi molto casuale, complice soprattutto il fatto di non poter chiudere in alcuna direzione la plancia di gioco. Diciamo che per me le incollature sono esattamente al contrario: Quarto di un pelo davanti a Quoridor!
      Ps: forse però tra i due riesce ad infilarsi Pylos ;)

      Elimina
  2. Che GIOCO! Un grande classico... sono felice di vederlo intrufolarsi tra i giochi da tavolo.

    RispondiElimina