giovedì 7 agosto 2014

[Giochi da ombrellone] Pick a Polar Bear - Recensione

Scritto da Chrys.

Visto che siamo in piena estate parliamo di un giochino leggero per 1-5 giocatori, di quelli super compatti che si possono infilare facilmente in uno zaino per portarlo in spiaggia o in montagna. L'autore è Torsten Landsvogt e i disegni sono di Ari Wong.

Ammetto di averlo acquistato a scatola chiusa, attratto dagli ideogrammi (il mio amore per il giappone mi porta a collezionare giochini giapponesi o cinesi) ma soprattutto per la sua grafica estremamente "kawaii". Chi mi conosce sa bene che non resisto alle grafiche cucciolose e carine. ^__^

Il gioco si è poi rivelato essere un filler carino che rientra a grandi linee nella categoria di giochi rapidi d'abilità e colpo d'occhio tipo Dobble... ma andiamo con ordine.


NELLA SCATOLA
Scatoloina compatta, sarà un 11x11cm, che contiene un mazzo di 96 carte raffiguranti tante foto con l'orso in varie pose: queste sono di qualità ottima, robuste e spesse al punto da essere quasi più cartoncino sottile che carta spessa. La grafica come potete vedere è infinitamente "puccettosa".

La scatola ha al suo interno un robusto inserto in cartone che tiene le carte in posizione e il regolamento multilingua (inglese, tedesco e cinese): si tratta infatti di una edizione "internazionale". 

La scatola comprende anche una mini-espansione di una quindicina di carte che come vedremo aggiunge una seconda meccanica.



COME SI GIOCA
Scopo del gioco è creare una sequenza di fotogrammi raffiguranti il nostro simpatico ed incredibilmente fotogenico orso polare ^__^. Ogni turno viene generata in centro al tavolo una griglia di 5x6 carte: una volta creata ognuno riceve una carta coperta che è il nostro "fotogramma" di partenza. Le carte ininiziali vengono poi girate tutte assieme iniziando così il round.

Giocando tutti in simultanea bisogna arraffare carte "valide" dalla griglia: la carta che si prende deve essere identica all'ultima presa (o a quella di partenza nel caso della prima carta) o differire da questa di un solo particolare. L'orso infatti può essere con/senza occhiali, con la sampa su o giù, con/senza cibo in mano, in autunno o inverno, oppure vicino/lontano all'inquadratura. 

Se ad un certo punto un giocatore ritiene di non poter più prendere carte dalla tavola può, a suo rischio come vedremo, dare lo stop terminando il round.

Quando avviene tutti sei fermano e si verifica la sequenza di chi ha dato lo stop, controllando che effettivamente non potesse prendere altre carte... se si scoprisse che poteva totalizzerà 0 punti, altrimenti si guarda che la sequenza fatta sia valida. Se lo è tiene le carte (valgono 1 punto l'una) più una carta bonus presa dal mazzo, altrimenti anche in questo caso fa 0 punti. Si controllano poi la validità delle sole sequenze degli altri giocatori con lo stesso criterio (naturalmente non avendo dato lo stop non serve verificare che potessero aggiungere o no carte).

Si ripetono round finché non si esaurisce il mazzo, ed il vincitore è quello con più punti/carte.


VERSIONE AVANZATA
Come accennato la scatola contiene anche un'espansione...  si tratta di alcune carte: un mazzetto di carte verdi con su un lato un +2 e sull'altro due caratteristiche (zampa, cibo, occhiali, stagione, ecc.) sull'altro, un mazzetto con una bomba raffiguranti un -2 punti su un lato e -4 sull'altro e una carta gialla col simbolo del "diverso".

Le carte verdi vanno mescolate nel mazzo... se mentre si crea la griglia esce una di queste si interrompe la griglia e si gira la carta verde pescata. Parte quindi una sfida in cui chiunque può scommettere su quanti di quei simboli ci sono nelle varie carte (non devono essere entrambi sulla stessa e ogni simbolo vale 1): gli altri possono rialzare la posta, se vogliono. Quando passano 5 secondi e nessuno rialza si contano i simboli.

Se ce ne sono almeno quanti scommessi vince la carta che vale 2 punti extra a fine gioco. Altrimenti prende la carta bomba (-2) o se ne aveva già una la gira (-4).

Questa variante aggiunge quindi una meccanica nuova, ma soprattutto la piazza nella fase di creazione della griglia, eliminando l'unico "tempo morto" del gioco e costringendo a seguirla con attenzione.

La carta gialla è una seconda variante: ad ogni fine round chi guadagna più carte si prende quella gialla... per il turno successivo nella sequenza potrà usare solo carte con una differenza (non varranno quindi le carte uguali)... questa carta handicap rende più difficile ad un giocatore più allenato ottenere distacchi eccessivi.

VERSIONE PARTY FINO A 8 GIOCATORI
Se volete giocare in tanti, è possibile acquistare una confezione aggiuntiva del gioco o ancora meglio, come suggerisce il regolamento, una scatola di Pick a Polar Seal, sostanzialmente uguale ma raffigurante al posto dell'orso la sua amica foca.


VERSIONE CAMPAGNOLA
Nel manuale è mostrato un altro set di 2 scatoline a tema campagnolo (Pick a Dog e Picka Pig)... essendo il mio cinese decisamente arrugginito non ho capito moltissimo della pubblicità, ma BGG mi è venuto incontro dicendomi che si tratta di una versione precedente di cui questa "polare" è una re-implementazione (stesse regole, ma la variante avanzata con le carte extra dovrebbe essere assente).

CONSIDERAZIONI FINALI
Il gioco è carino ed immediato, e adatto sia a grandi che a piccini (anche se, va detto, non giocabile mescolando età troppo diverse una sconfitta clamorosa dei più piccini, mediamente più lenti a trovare le sequenze).

La durata del gioco è appunto quella del filler e si piazza sui 10-15 minuti.

Si tratta di un gioco leggero, ma presenta una potenziale vena strategica se si ha una buona visione d'insieme... infatti a partire da una carta ce ne sono sicuramente (almeno nella prima metà del round) molte valide, ma non altrettanto convenienti, in quanto alcune possono permettere sequenze facili e lunghe mentre altre portare ad un rapido vicolo cieco che potrebbe anche essere auspicabile per chiudere il round se si vede che gli altri stanno staccando troppo. Diventa quindi importante capire al volo la situazione del round.

Il prezzo del gioco è a mio parere corretto (sui 10 euro) per quello che è il gioco, e addirittura ottimo se teniamo conto della qualità delle carte e del packaging. Come al solito lo trovate in vendita anche su Egyp.it.

Tutte le immagini appartengono all'autore e all'editore o sono presa da BGG (postate da Sir D, Philipper Nouhra) e sono state riprodotte pensando possano essere una gradita forma di promozione. Verranno rimosse immediatamente su semplice richiesta. 

1 commento: