domenica 6 aprile 2014

[Vetust Games] Splat!

scritto da MagoCharlie


Tu non sai di quale gioco parlo leggendo solo il titolo…poi guardi la foto e qualcosa ti viene in mente…ed in un’attimo ti ricordi del gioco, della plastilina dentro il gioco e della trasposizione TV con Marco Bellavia durante Bim Bum Bam!

Oggi vi parlo di SPLAT! un caro vestust game per bambini degli anni 80.
Uscito in Italia nel 1990 da MB e spinto da un battage pubblicitario abbastanza intenso e una trasposizione in Game Show nei pomeriggi di Italia 1, SPLAT! è un gioco da 2 a 4 giocatori che basa tutto sul cosiddetto “magic moment” e nulla più.
Gioco di sola fortuna tira e muovi che ha nel materiale utilizzato la vera novità.
Si utilizzano quindi come pedine dei pezzetti di plastilina modellati a forma di scarafaggio, cosa che è nuova nel mondo dei giochi da tavolo e che avrà poi un proseguo nel gioco “L’allegra Vendemmia” della Parker e i “Turbo Bruchi” della stessa MB. 


MATERIALI
1 Tabellone
1 Stampa-pedine a forma di scarafaggio
1 Manona “Splat!”
12 Carte “Splat!” (2 per 6 colori diversi)
2 Dadi
4 Barattoli di plastilina in 4 colori

GAMEPLAY
Il gioco è presto detto: lancia i dadi, muovi la pedina e cerca di arrivare per primo alla fine del percorso.
In preparazione ogni giocatore sceglie un colore e si “stampa” 2 pedine con il marchingegno in dotazione, queste 2 pedine vanno messe sullo spazio di partenza; il mazzetto di carte viene mescolato e messo sull’apposito spazio sul tabellone e vengono messi a lato i dadi e la manona “SPLAT!”.

Durante il proprio turno il giocatore lancia i dadi e sposta solo una delle sue pedine sul percorso (si sposta sempre solo quella più lontana dalla casella fine) evitando le caselle occupate da altre pedine o da ex pedine diventate “SPLAT!”.
Il movimento della pedina finisce su una casella colorata (non succede nulla, il turno finisce) o una casella SPLAT!...e qui c’è il “magic moment”

SPLAT!
…ok…incomincia il divertimento!
Il giocatore che ha finito la sua mossa su una casella SPLAT deve girare la prima carta dal mazzo di carte sul tabellone: la carta avrà un colore che indica su quali caselle agisce lo SPLAT!. Armato quindi della manona il giocatore spiaccicherà tutte le pedine che sono attualmente sulle caselle del colore estratto…anche le proprie! Ogni pedina schiacchiata viene “marchiata” con la scritta SPLAT grazie alla forma in rilievo sotto la manona.
Le pedine Splat come detto rimangono sul tabellone e contano come caselle occupate, quindi andando avanti con il gioco il percorso si accorcerà sempre di più rendendo più veloce l’arrivo alla casella finale.

Dopo uno SPLAT, i giocatori che hanno perso delle pedine ne devono rifare subito delle nuove per avere sempre 2 pedine in gioco.

FINE DEL GIOCO
Il primo giocatore che oltrepassa la linea di arrivo con le sue due pedine è il vincitore.

CONCLUSIONI
SPLAT! è un gioco obiettivamente molto divertente e semplice da spiegare e da giocare. Il momento dello Splat è la parte più “gudiriosa” del gioco quando ti fa distruggere le pedine avversarie! 
Il gioco è godibilissimo anche oggi per staccare il cervello e divertirsi un po’ tra amici e in famiglia…ma c’è un però… il problema della plastilina si faceva sentire eccome se non ci giocavi più da mesi! Di fatti era necessaria cambiarla con regolarità per evitare l’effetto “briciole di pongo intorno a noi”.

Scrivendo questa recensione mi è venuta voglia di rigiocarlo con amici, mi dovrò inoltrare nella mia cantina piena di giochi e cercare il pongo in qualche cartoleria…anzi, lo troverò ancora?!?

AH! MI DIMENTICAVO!
Nel gioco vi era anche un simpatico voglio di “WARNING” per non ingerire la plastilina e le indicazioni per rimuovere i rimasugli sul tabellone plastificato o dalle superfici di gioco. Anche se le indicazioni non sono del tutto utili…mi ricordo infatti la ramanzina da parte di mia mamma dopo aver giocato su un tappeto a SPLAT: pur dopo 3 lavaggi in lavanderia, il colore non è mai andato via…anzi, mi sa che stasera controllo…

TAPPETO 0 – SPLAT 1.

Le immagini a corredo dell'articolo sono tratte da BGG. Si ringraziano i rispettivi autori che e hanno messe online e le stesse saranno rimosse su semplice richiesta.

Nessun commento:

Posta un commento