giovedì 24 aprile 2014

[Prime impressioni] Tajemnicze Domostwo (Dixit Polacco)

scritto da polloviparo

In occasione di PLAY 2014, ho avuto modo di provare questo gioco allo stand della UPLAY, che si occuperà della sua edizione e distribuzione italiana (sotto marchio uplay.it edizioni).
Si tratta di Tajemnicze Domostwo, gioco dal nome impronunciabile (che non ricordo come verrà tradotto), per 2-7 giocatori dagli otto anni in su, ideato da Oleksandr Nevskiy, Oleg Sidorenko ed illustrato da Igor Burlakov, Mariusz Gandzel, Karolina Węcka (ho fatto dei copia e incolla altrimenti avrei impiegato giorni a scrivere questi nomi).
Premetto che quando mi sono seduto al tavolo non sapevo assolutamente nulla del gioco in questione.

[nota di Fabio: preavviso che l'articolo è una divertita esposizione delle impressioni della prima partita tratte da persona che NON gradisce il genere al quale appartiene il gioco. Potete quindi immaginarvi quali saranno le conclusioni. Reader discretion is advised ;)]

Com'è iniziato il tutto...

Erano ore che io e gli amici giravamo in cerchio, trovando tutti i tavoli (ovviamente di nostro interesse) occupati, quando alla fine abbiamo visto questo.
Le carte erano li in bella mostra sul tavolo, le illustrazioni decisamente accattivanti evocavano un atmosfera misteriosa, marcatamente accentuata dalla lugubre abitazione rappresentata sulla scatola.
Io: "Ragazzi cosa dite ci sediamo?"
Risposta più o meno corale: "Ma si dai... almeno ci riposiamo un po' e poi non può essere peggiore dell'ultimo gioco che abbiamo fatto..." (Sheepland per i più curiosi :) )
Così ci sediamo e iniziamo a guardarci intorno, visto che non c'era nessuno nelle vicinanze a spiegare il gioco e nessuno di noi aveva una particolare dimestichezza con il polacco.
Faccio una premessa, era dall'inizio della fiera che ad ogni tavolo a cui mi sedevo, la persona atta alla spiegazione del regolamento iniziava più  o meno in questo modo: "Allora, questo è un gioco cooperativo, in cui in pratica i giocatori devono cooperare...."
Ora come molti di voi sapranno e come direbbe puffo brontolone: "Io odiooooo i giochi cooperativi!!!"


Mentre cerchiamo di individuare qualcuno che possa spiegarci il gioco o capace di tradurre il regolamento dal polacco, Gianni, che evidentemente ha un intuito ludico più spiccato del mio, se ne esce così: "A me queste carte ricordano Dixit..."
Ed io: "Ma no dai... vuoi che centri qualcosa con Dixit... è impossibile, comunque l'importante è che non sia il solito cooperativo..."
A forza di guardarci intorno, vediamo passare una ragazza che si trovava prima dietro il bancone e cerchiamo di attirare la sua attenzione: "Scusa, scusa... potresti..."
Ragazza: "Sì arrivo subito!"
Io: "Vai ragazzi è fatta!"
Ragazza: "Ciao a tutti!"
Io: "Ciao, puoi cortesemente spiegarci questo gioco?"
Ragazza: "Certo, io mi sono occupata della traduzione del regolamento!"
Io:" Ah, sai il polacco!"
Ragazza: "No, dall'inglese!"
...
...
Ragazza: "Ok, allora questo è un gioco cooperativo, in cui in pratica i giocatori devono cooperare...."
Io scaraventandomi giù dalla sedia: "Nuooooooooo!!!!"
Ragazza rivolgendosi a quelli rimasti seduti al tavolo: "Scusate, cosa ha fatto il vostro amico?"
Amici: "No è che non gli piacciono i cooperativi ed è tutto il giorno che..."
Ragazza mentre mi risollevo e riprendo la mia posizione al tavolo: "No, ma non ti preoccupare, questo è veloce e poi è particolare!"
Io: "Speriamo... particolare in che senso?"
Ragazza: "Beh, avete presente Dixit?"
Io scaraventandomi nuovamente giù dal tavolo: "Nuoooooooooooooooooo!!!!"

Mentre mi risollevo risiedendomi al tavolo, vedo il ghigno malefico di Gianni che recita chiaramente questa frase: "Te l'avevo detto!"

Ragazza: "Non ti piace Dixit?"
Io: "No, Dixit mi piace e che dopo cooperativi e giochi di mmm.... un po' deludenti, speravo in un qualcosa di più corposo.... Vabbè dai proviamolo..."
Ragazza: "Allora uno di voi deve fare il fantasma! Chi vuole fare il fantasma?"


E a questo punto potrei spiegarvi in due parole quello che è stato spiegato a me.

In pratica l'ambientazione è quella di una casa, infestata da uno spirito che non riesce a darsi pace, in quanto appartenente ad una persona giustiziata ingiustamente, per un crimine non commesso.
Voi siete delle specie di investigatori, convocati nella casa per cercare di risolvere il mistero.
Il fantasma tenterà di darvi degli indizi per farvi capire cosa è successo realmente, guidandovi attraverso oniriche visioni nei vostri sogni.
Avete 7 giorni di tempo, per venirne a capo e rendere giustizia al povero malcapitato.

Bene come si traduce tutto questo in termini di gameplay?

E' presto detto, sul tavolo sono disposti tre gruppi di carte, raffiguranti oggetti, luoghi e personaggi, che altro non sono se non l'arma, il luogo ed il colpevole del reato!
Per ogni investigatore il fantasma forma un mazzetto composto esattamente dalla combinazione di questi tre elementi, ossia un'arma, un luogo ed un colpevole.

Dopodichè ad ogni turno, pesca un tot di carte dal mazzo delle visioni oniriche (che immagino sia in funzione del numero di giocatori, ma non posso garantirvelo) e le distribuisce fra i giocatori, nelle quantità desiderate.
Ora queste carte rappresentano le visioni che appariranno in sogno ai detective e dovrebbero servire a fornire degli indizi utili ad arrivare a scoprire il vero colpevole.
Ogni investigatore dovrà indovinare quindi il proprio tris di carte.

Si parte dall'arma del delitto, una volta indovinata si potrà passare al luogo del delitto, per poi passare al colpevole (la cosa viene registrata su una piccola plancia personale raffigurante il proprio personaggio).
Fin quando non riuscite ad indovinare una categoria non potrete passare a quella successiva, consumando così giorni utili, che ricordo essere soltanto 7.
Una volta indovinati i vari set, trascorsi i sette giorni, i detective dovranno confrontarsi per scoprire chi è il vero colpevole.

E il confronto dovrebbe essere alla fine il motore del gioco che ne caratterizza l'aspetto cooperativo.
In pratica quando il fantasma distribuisce carte, i detective dovrebbero consultarsi e dire cose del tipo: "mah guarda, in base alle carte che ti ha dato secondo me è la stellina ninja!"



Ora sono consapevole del fatto che non essendo un amante dei cooperativi, non sono la persona più indicata per commentare un gioco come questo, però mi permetto di esprimere ugualmente un mio personale giudizio che vi chiedo di prendere come tale, se siete amanti del genere.

In Dixit, che è un gioco che trovo molto simpatico e che io stesso ho acquistato per giocarlo con i miei figli, c'è una certa coerenza logica.
E' il giocatore che si trova a vestire i panni del narratore che deve attribuire un significato alla carta, attingendo liberamente dalla sua fantasia.
Ora per quanto distorta possa essere la mente della persona in questione, un minimo di coerenza ci sarà sempre, anche perchè la cosa è nel suo interesse.
Dixit è un gioco competitivo e il narratore se vuole fare punti deve fare in modo che comunque non tutti "cannino" la carta.

Nel Dixit Polacco (noi ormai lo chiamiamo affettuosamente così) il fantasma deve associare carte dalle illustrazioni più bizzarre ad altre raffiguranti un qualcosa di ben specifico.
Tanto per farvi capire, nella partita di prova per farmi capire che l'arma era un martello, mi sono state date carte raffiguranti dei topi, una scala, una persona che scappava e non mi ricordo cos'altro.
Ora la persona che scappava, poteva ovviamente farlo da qualsiasi arma.
Avrò indovinato l'arma tipo al quarto giorno e quando ho chiesto: "Scusa cosa c'entrano i topi con il martello?!?"
Mi è stato risposto:"Beh il martello serve a schiacciare i topi!"
Io: "...."
Fantasma: "Beh scusa, cos'altro potevo darti... guarda che carte avevo in mano..."

Ed effettivamente riguardando un po' le carte, mi sono reso conto che non c'era nulla che potesse essere associato ad un martello!
Per dovere d'informazione la ragazza del fantasma di turno ha indovinato più di una carta, non so se manifestazione di una forte sintonia di coppia o se frutto di una fantasia palesemente più florida della mia.



Insomma alla fine nessuno ha scoperto il vero colpevole e questo si dannerà per altri 100 anni... o forse meno se i malcapitati detective che si sono seduti al tavolo dopo di noi, sono riusciti laddove noi abbiamo miseramente fallito.

Cos'altro posso aggiungere sul Dixit polacco?

Guardando su bgg, per vedere cosa ne pensavano altri malcapit.... ehm altri giocatori che l'avevano provato, mi sono imbattuto in questo:

"Dixit + Cluedo = very nice game"

Io invece penso che le parole: "cooperativo", "deduzione", "investigativo" e "Dixit" non stiano molto bene insieme... diciamo pure che le reputo un pessimo connubio.

Ripeto, trovo Dixit nel suo genere, un gioco molto divertente ed interessante, ma questo Tajemnicze Domostwo, non mi ha convinto davvero per niente!
Nel nostro gruppo di gioco è stato virtualmente adottato con simpatia e infatti questa sera giochiamo e ho ricevuto da poco un messaggio che recita così: "Devo portare qualcosa per questa sera, tipo il Dixit polacco..."


Peccato, perchè le illustrazioni sono davvero molto belle a partire da quella della scatola che trovo veramente fantastica!
Io personalmente non sento l'esigenza di un clone o di un gioco che condivide le meccaniche di Dixit, ma se questo è il vostro gioco preferito o siete comunque amanti dei giochi cooperativi - deduttivo investigativi, dategli una possibilità, magari scoprirete di non condividere nulla di quanto ho scritto e che "Dixit polacco"... scusate "Tajemnicze Domostwo" è il vostro gioco preferito!

-- Le immagini sono tratte da BGG.  Tutti i diritti appartengono alla Casa editrice e all'Autore. Le immagini sono state riprodotti ritenendo che la cosa possa rappresentare una gradita forma di presentazione del gioco. --

13 commenti:

  1. Ahhhhhhhhhhhhhhh ... non toccatemi il Gioco Polacco .... denominato così da mia moglie dopo la partita di prova alla Play ....
    Noi siamo stati piu fortunati abbiamo fatto la demo con il tipo polacco della Portal che in inglese ci ha spiegato
    un po le regole e ha fatto il fantasma .... quindi primo punto a favore il gioco spiegato da un polacco in inglese
    è stato fruibile dopo pochi minuti , poi facendo lui il fantasma ci ha portati alla vittoria il 7 giorno ( secondo punto a
    favore anche giocato con perfetti sconosciuti risulta divertente e appagante ... non per tutti i giochi è così)
    Caro Pollo seguo sempre i tuoi post avendo gusti molto simili ma in questo caso non concordo con la
    tua visione del gioco , secondo me questo Fillerone ha potenzialità per diventare il re dei Filler e attirare tanti nuovi adepti
    per la nostra passione e quindi va amato anche se non piace :) .
    Pe quanto riguarda il confronto co Dixit io non ci vedo tante similitudini se non nella misura delle carte .... la meccanica è completamente
    diversa e il confronto tra 2 immagini è ben diverso che tra un immagine e una frase ...quindi 3 punto a favore non è un clone di Dixit
    Il regolamento parla di gioco cooperativo ,il mio parere personale è che il ruolo del Fantasma è molto più importante
    degli investigatori e quindi io lo definirei un semi-cooperativo Leader+Gregari (un po come nel ciclismo ... alla fine vince uno ma solo se hai la
    squadra più forte), tra l'atro sfrutta a suo favore l'effetto Leader che è il peggior difetto di tutti i giochi coop... (4 punto a favore )

    Bene mi sono dilungato anche troppo ... concludo dicendo che in qualsaisi Ludoteca che si rispetti il Gioco Polacco dovrebbe esserci ...
    W il Gioco Polacco !!!!!!!!!

    PS :
    Grande Pollo continua così con i tuoi divertenti post ...

    PS2 :
    Non sono un addetto stampa della Portal ...:)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Max, non ti sei affatto dilungato troppo, anzi grazie perchè hai fornito ai lettori un altro punto di vista! Penso sia normale che non si possa essere in sintonia su tutti i giochi e quindi non mi stupisce affatto la divergenza di opinioni. Un amico alcuni giorni fa ha detto "il gioco da tavolo restituisce sensazioni che variano molto da persona a persona, è una cosa molto personale, forse più di un libro..." sagge parole! Il fatto che a tua moglie sia piaciuto molto, conferma in parte quanto avevo presagito, ossia che il target principale sia quello femminile. Magari l'entusiasmo dell'autore sarà stato contagioso e avrà reso il tutto più coinvolgente, ma a me il gioco ha convinto davvero poco.
      Sulla similitudine con Dixit, non me ne volere, ma l'accostamento è stato praticato dalla stessa ragazza che ci ha spiegato il gioco. Dopo averlo giocato ci siamo trasferiti nel tavolo di fianco e ho sentito diversi gruppi dire: "avete provato questo gioco? è tipo Dixit!"
      Insomma grazie per avere espresso la tua opinione, se pur diversa dalla mia, non utilizzando toni da Fanboy!
      Per il resto la mia chiave di lettura vuole essere assolutamente ironica, nulla di personale contro il "Dixit polacco"! :)

      Elimina
    2. Gran pezzo. A quanto detto sul proprio gusto personale e sulla soggettività, aggiungo che mi piace sempre leggere perché un gioco NON piace. Non amo le recensioni che “massacrano” un gioco, specie quelle dei palati fini, che sembrano gongolare nel ruolo del Raspelli del token, ma credo siano più importanti i “non mi piace” che i “mi piace” per farsi un’idea del gioco, sulla sua bontà e se potrà piacere a NOI.
      I “mi piace” di solito vanno molto meno nel dettaglio.
      Nel mio piccolo cerco sempre di raccontare quello che non mi piace (insieme a quello che mi piace, ma anche qui io per primo tendo a cadere nel banale e poco utile: spesso dico che un gioco “mi diverte” o mi ha fatto passare una bella serata, perché se un gioco funziona e diverte è molto più difficile sviscerarne il perchè), cercando di discriminare il difetto dal mio gusto personale.
      Un po’ come le recensioni dei ristoranti o degli hotel su Tripadvisor. Di solito vado subito a leggere le recensioni negative, per capire cosa non funziona e il “tipo di lamentela”. Qualche mese fa ho passato un weekend in Toscana e prima di partire, cercando fra gli agriturismi, ne ho trovato uno interessante. Sono andato a leggere le recensioni negative e ce n’era una che penalizzava l’agriturismo perché non aveva né wifi né tv satellitare. Cose che a me non interessavano per nulla (e poi dovendoci passare solo un weekend…).
      La stessa mancanza di due servizi per una persona rappresentavano un difetto, per un’altra no.
      E’ importante raccontare cosa non piace.
      Come al solito Pollo ci prende un sacco.

      Elimina
  2. Grazie per le tue opinioni. Sapreste dirmi verso che data sara' pubblicato da uplay?
    Grazie mille, ciao!

    RispondiElimina
  3. Da quanto ho visto in fiera il gioco ha avuto un buon riscontro, certo è molto importante stabilire chi fa il fantasma perché se ha una mente particolarmente contorta o non è molto invogliato rende difficile il lavoro dei medium. Un pregio è che arriva (nella versione attuale) a 7 giocatori e la cooperazione è abbastanza forte; ha inoltre una piccola somiglianza con hanabi per quanto riguarda il fantasma che non deve dare alcun suggerimento tranne le carte sogno e quindi deve rimanere impassibile quando vengono effettuate le scelte (cosa non facile) :)

    ciao!

    RispondiElimina
  4. Grande, stasera tutti a giocare al Dixit polacco XD

    RispondiElimina
  5. Anch'io "Mysterium" l'ho comprato a Modena, e solo dopo ho scoperto che le regole lì spiegateci... non sono quelle corrette (o almeno, non quelle definitive):
    http://www.boardgamegeek.com/boardgame/113997/tajemnicze-domostwo

    In particolare, il fantasma si guarda fin da subito tutti i casi da far risolvere, ha sempre 7 carte in mano e può darne più d'una alla stessa persona, e l'ordine di risoluzione è chi-dove-come (e non il viceversa; in particolare ciò rende più difficile la possibilità di "comunicare" con i medium/investigatori mettendo lo stesso sfondo netto e univoco che ogni carta arma ha, visto che la carta/e a tale scopo sarà facilmente già stata impiegata per gli indizi precedenti).
    Ciao

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ehm piccola nota il regolamento presente su BGG non è corretto :). Infatti io mi ero imparato quello (ero uno dei dimostratori) ma poi ci hanno riferito che varie regole erano cambiate tra cui l'ordine che era diventato: come - dove - chi (che a mio avviso a più senso, visto che l'obiettivo finale è trovare chi tra i chi, scusa il gioco di parole).
      Mentre è corretto il fatto che il fantasma ha 7 carte in mano e può darle anche tutte se vuole :)

      Elimina
  6. Ho la strana sensazione che la longevità sia molto bassa: giocando più volte con gli stessi giocatori, il fantasma tenderà ad usare le stesse carte per far capire agli altri le carte in loro possesso e di conseguenza sarà tutto molto più facile. O no?

    RispondiElimina
  7. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  8. Il gioco mi attira molto. Spero venga presto tradotto. In italiano sembra che s'intitolerà "Il Sesto Senso". Peccato che l'illustrazione della scatola sia stata sostituita con un'altra a mio avviso meno efficace. Spero che Uplay ci ripensi.

    RispondiElimina
  9. questo gioco è ucraino e non polacco :) . Portal ha semplicemente fatto la sua versione per la Polonia.

    RispondiElimina
  10. Il gioco è stato messo in vendita da poco. A me è piaciuto moltissimo. E ho apprezzato anche l'immagine della scatola scelta da Uplay (all'inizio criticai tale scelta): quella che si vede nell'articolo ha dei toni un po' troppo sanguigni.

    RispondiElimina