giovedì 27 febbraio 2014

[nonsolograndi] Acchiappa la polpetta

scritto da simarillon (Davide)


Acchiappa la Polpetta è un gioco della Asmodee in cui si può giocare da 2 a 4 persone; il gioco è completamente indipendente dalla lingua ed è disponibile la versione con il manuale in italiano. 
Nel gioco quattro cagnolini sono molto affamati: chi riuscirà a recuperare più polpette nel minor tempo possibile per sfamare la loro voracità?


Il gioco … ovvero eccovi le regole
Lo scopo e’ raccogliere le polpette che progressivamente fuoriescono dalla ciotola, queste, infatti, rotolano in maniera imprevedibile sul pavimento (avendo forme sferiche irregolari) e tutti i giocatori devono prenderle il più velocemente possibile, usando la bocca dei loro cuccioli.
Esistono tre differenti modalità di gioco, il ‘Menù’ Goloso’ il ‘Menù Capriccioso’ e il ‘Menù Equilibrato’. Lo scopo nel Menù Goloso è quello di raccogliere il maggior numero di polpette, mentre nel Menù Capriccioso si devono raccogliere le polpette dello stesso colore del cappellino del cucciolo che si sta usando, nel Menù Equilibrato, infine, bisogna raccogliere una polpetta per ogni colore presente nel gioco. Nel primo caso vince il giocatore che raccoglie il maggior numero di polpette, negli altri due casi, vince chi per primo riesce a completare il menù. Nel caso in cui un giocatore prendesse una polpetta che non rispecchia quanto richiesto dal menù in gioco questo deve, immediatamente, toglierla dal suo cucciolo e riposizionarla a terra.
La raccolta delle polpette deve essere fatta gattonando e non aiutandosi mai con le mani, ai cuccioli, infatti, non piace che le polpette vengano toccate! Questa semplice regola rende il tutto più difficile e più coinvolgente. Nel caso una polpetta venga toccata con le mani (e alle prime partite non sarò così improbabile) si dovrà subito riappoggiarla a terra.

I materiali
Tanta, tantissima plastica per questo gioco della Asmodee. Ci sono una grossa ciotola per cani, quattro cuccioli con i loro cappellini in quattro differenti colori (praticamente delle scodelle rovesciate da premere per raccogliere le polpette), 5 polpette per ognuno di questi colori (verde, azzurro, viola, arancione).
La ciotola ha un meccanismo tale per cui il fondo si alza progressivamente una volta che si aziona il bottone giallo con il simbolo della zampina del cane, questo movimento da il via alla fuoriuscita progressiva delle polpette.
Nel complesso direi più che buona la componentistica del gioco.

Considerazioni Personali / Impressioni
Questo gioco è stato pubblicizzato in televisione, allora sarà un pessimo gioco, ecco la prima riflessione che ho fatto quando Lorenzo lo ha chiesto per Natale. Quando Babbo Natale ha lasciato il gioco sotto l’albero e noi abbiamo aperto la scatola (i bambini di oggi hanno il potere di ottenere molto di quello che desiderano …) la nuova riflessione è stata: ma è un gioco oppure un giocattolo? Beh dopo le prime perplessità devo dire che il gioco assolve pienamente il suo dovere, ovvero fa divertite i partecipanti.
L’editore suggerisce come età minima per giocare tre anni; per il tipo di gioco che è penso si possa tranquillamente iniziare a giocarci prima, magari già a due anni con la supervisione di un adulto. Sicuramente è un gioco che non avrà una longevità assoluta nel vostro scaffale, ma, con il giusto coinvolgimento, possono divertirsi bimbi anche un po’ più grandicelli! Un pregio del gioco è quello che i genitori possono, eventualmente, lasciare i bimbi allo sbaraglio da soli durante il gioco, e dedicarsi alle chiacchiere o a qualche rapido filler, lasciando l’autogestione del gioco stesso ai bimbi.
Per giocare al meglio si dovrebbe avere a disposizione molto spazio e magari con non troppi ostacoli, o, ancora meglio, con ostacoli che non rendano pericoloso l’inseguire le polpette.
Il prezzo non è proprio basso, forse un po’ eccessivo per l’uso che se ne farà, se, invece, pensate al divertimento che può regalare il prezzo è ancora alto ma non troppo esoso.

Cosa si impara in questo gioco
Personalmente aggiungo questo paragrafo perché ritengo importante ricordare che, soltanto nel gioco è possibile per l’uomo essere veramente libero. Il gioco costringe alla parità perché a tutti i giocatori sono state impartite le stesse istruzioni, come scriveva Juli Zeh.
Ecco quindi in elenco le cose che Lorenzo ha imparato giocando a Acchiappa la Polpetta (o che avrebbe imparato se non le avesse già imparate da altri giochi)
  • I primissimi concetti di regole, per definire quale deve essere l’obiettivo verso la vittoria, che può essere differente nelle diverse manche di uno stesso gioco;
  • Un gioco di ‘dexterity’ in cui si darà l’importanza ai riflessi per la vittoria del gioco … in una divertente inizializzazione verso questa tipologia di giochi.

Perché giocare con papà ma soprattutto con mamma
Tutti i giochi è bello giocarli con mamma e papà ecco qui i motivi in più per giocarli insieme.
Per il vostro bimbo vedervi gattonare insieme a lui è sicuramente piacevole, dal momento che sarete ‘al suo livello’ e questo per ogni bambino è sicuramente importante. Poi sarà molto divertente anche per mamma e papà gattonare al fianco del proprio bimbo e vedere il suo divertimento nell’acchiappar polpette.

-- Tutti i diritti del gioco appartengono alla casa editrice. Le immagini e regole sono state riprodotte ritenendo che la cosa possa rappresentare una gradita forma di presentazione del gioco e saranno rimosse su semplice richiesta. --


2 commenti:

  1. Mio figlio a due anni... e non vedo l'ora di prendergli il suo primo gioco di società. Questo titolo mi sembra molto interessante e divertente anche per un bambino "così" piccolo. Una domanda: I materiali sono robusti? Si sa i bambini di due anni sono dei veri tester di rosbustezza dei giochi!

    RispondiElimina
  2. Direi che è proprio il gioco ottimale. Divertente per i bimbi, resistente, considera che si devono sbattere le ciotole per terra, e molto colorato. Mio figlio non ha mai avuto la tentazione di mettere in bocca le cose, diciamo che su questo aspetto ci devi fare attenzione dal momento che le polpette possono essere facilmente ingerite, per il resto consigliato. Mi ripeto, sicuramente non economico, sicuramente non troppo longevo, ma altrettanto sicuramente divertente.

    RispondiElimina