domenica 19 gennaio 2014

Party Game: The Great Persuader

scritta da Bernanapà (anzi no...)

Uno dei prodotti usciti nel 2013 alla dvGiochi è stato questo simpatico party game, mooolto caciarone, dal nome The Great Persuader (Il Grande Persuasore), opera del trio Barlok-Dilik-Tekin, per un pubblico da 3 a 8 giocatori (ma estenibile ad libitum...). Trattasi di gioco di carte, ma essendo l'editore italico, la scritta in italiano campeggia addirittura al primo posto, seguita dall'inglese, francese e tedesco. Ho chiesto a mia figlia (quasi maggiorenne), che ci ha giocato con il suo gruppo si amici, di scriverne la recensione. Ve la propongo, nella sua freschezza, così come me l'ha fatta avere.

Recensioni Dibbì: un mondo oltre il gioco

Sono sempre un po' restia a proporre in giro giochi particolari, diversi dai classici Risiko e Monopoli, ma questo l'ho proprio voluto testare con la mia compagnia di amici.

Missione andata a buon fine: The Great Persuader ha conquistato tutti, tanto che una cara amica l'ha regalato per Natale al suo ragazzo, che quella sera non era presente e non ha potuto giocarci.


Il perché di questo successone? Pochi pezzi, poche regole, tanta libertà di espressione! È uno di quei giochi in cui le componenti maggiori sono l'intraprendenza e la voglia di divertirsi facendo un po' di casino.


Lo scopo, come nella quasi totalità dei giochi da tavolo, è totalizzare più punti possibile. E come si accumulano i punti?
Scommettendo sulle qualità persuaditrici degli altri giocatori!

La situazione è infatti questa: ci sono due persuasori che, a turno, cercheranno di convincere un terzo che sta in mezzo a loro, il cliente, a comprare il proprio prodotto in una clessidra di tempo. 

Il primo, rappresentato dal simbolo del megafono, l'altro dal simbolo del cuore, indispensabili perché i restanti giocatori possano votare chi secondo loro, prima ancora di sentirli parlare, vincerà la sfida.

Ma la domanda fondamentale è: cosa devono tentare di vendere all'ignaro cliente?

E qui entrano in gioco le carte.

Non vi aspettate che gli oggetti in questione siano un vaso cinese o una collana di perle antiche: per cose come queste basta puntare sul valore economico che hanno. 
Qui il venditore dovrà convincere il cliente a comprare le cose più strampalate... 
Ma quanto dovrebbe essere bravo un persuasore per riuscire a vendere l'obbligo di camminare all'indietro per tutta la vita? E quello di doversi alzare all'alba per fare chicchirichì? E farsi scegliere i vestiti dalla mamma tutte le mattine? E sposare un fantasma?


Insomma, le risate sono assicurate!
Abbiamo, per i persuasori, due tipi di carte: le carte rosse e quelle blu; le prime riportano azioni che difficilmente venderete: sono infatti generalmente negative e strampalate; le seconde sono invece oggetti molto interessanti, come vincere al lotto o possedere il mantello dell'invisibilità, che però richiedono una modalità di gioco diversa: i persuasori che fanno uso del mazzo blu devono tentare di vendere il prodotto dell'avversario, convincendo il cliente che il proprio prodotto non sarebbe poi così vantaggioso.

La scelta tra carte blu e carte rosse è regolata da un dado che si tira all'inizio di ogni turno.

E una volta che il cliente stabilisce chi vince tra i due persuasori, si distribuiscono i punti tra chi degli altri aveva puntato su di lui, il giro prosegue in senso orario, e via con i due successivi! Vinca the great persuader!
A noi, come avrete capito, è piaciuto e nel gruppo dei miei amici ha spopolato, grazie alla sua natura da party game che spinge a parlare ed a convincere gli altri, utilizzando bizzarre argomentazioni. 
Prevarrà chi sarà più bravo nelle doti di persuasore, ma anche nella fantasia necessaria per pensare ad assurde giustificazioni e buoni motivi.

Che dite, sembra interessante, no?
Potete trovarlo su Egyp.

-- Si ringrazia l'editore per aver messo a disposizione una copia di review del giocoLe immagini sono tratte dal sito delle casa produttrice (dv Giochi), alle quali appartengono tutti i diritti sul gioco. Le immagini e regole sono state riprodotte ritenendo che la cosa possa rappresentare una gradita forma di presentazione del gioco e saranno rimosse su semplice richiesta. --

2 commenti:

  1. E brava Dibbi'. E bravo anche il Berna che travia la prole fin dalla giovane età.

    RispondiElimina
  2. come grande persuaditrice...(?) ..mi hai persuaso a metterlo in Wish...

    RispondiElimina