lunedì 28 ottobre 2013

Anteprima - Nauticus

scritto da Fabio (Pinco11)

Questo Nauticus, titolo (per 2-4 giocatori, indipendente dalla lingua) edito da Kosmos, mi ha subito attratto, a prima vista, sin da quando ne erano in giro solo le immagini della copertina e del fondo della scatola. Se mi chiedete perché vi rispondo che ero prima di tutto incuriosito dagli autori, la celebre coppia Kramer - Kiesling, autrice di decine e decine di titoli, e poi lo ero dal fatto che tra i componenti ritratti campeggiavano una bella ruota a spicchi sul tabellone, che tanto mi ricordava quella dell'ottimo Palaces of Carrara dello scorso anno, nonchè una sacchettata di tessere raffiguranti pezzi di navi.
Il mix quindi allettava, con una coppia di autori famosi, dinamiche da piazzamento tessere che fanno tanto family, la ruota che fa tanto riflessione ed un deja vu ad uno dei titoli che ho preferito della scorsa stagione.

Finalmente l'editore ha fatto trapelare il regolamento, anche se solo in tedesco: mi son messo ad attendere la traduzione ma ho poi scoperto che, alla ricerca di partner esteri ed in considerazione del fatto che il titolo è indipendente dalla lingua, l'editore non ha concesso il permesso di postarlo sul noto BGG. E secondo voi che hanno fatto i geek? E' ovvio: hanno realizzato ben due video esplicativi delle regole ;)
Eccomi quindi qui, visto e rivisto e digerito il tutto, a spiegarvi perchè questo titolo è già con sicurezza verso la cima della mia piccola lista della spesa di Essen ;)

Il tema di fondo, lo avrete capito, è quello marinaro, ovvero siete nei panni di proprietari di cantieri navali presi dalla costruzione, in competizione con gli altri giocatori, di velieri (siamo ai tempi della Lega Anseatica, quindi intorno al XIV secolo) da trasporto e dal loro utilizzo per il commercio di mercanzie varie, il tutto cercando di ottenere da ciò fama e prestigio.

I componenti

Dentro alla scatolozza quadrata (30x30) troveremo prima di tutto una vera manata di tessere (oltre 150) raffiguranti parti di navi (divise tra parti di scafo, vele e pennoni), quindi una manata di tesserine 'merce', diverse monete, un sacchettino di cubetti di legno (pochiiiiiiii) simboleggianti i lavoratori e le schede giocatore (che raffigurano poco più di una griglia quadrettata, rappresentando i magazzini).
Completa il tutto, oltre ad altri componenti 'minori' (schede azione extra, riepilogo punti finali, trippolo primo giocatore, tesserine penalità ...), il tabellone di gioco, il quale ospita poco più della bella rotellona a spicchi di cui parlavo, divisa in otto sezioni, nelle quali nel corso del gioco sono collocate a caso le otto tessere azione.

Come si svolge il tutto

Poteri dirvi, come sempre, che vi rinvio al manuale per maggiori informazioni ma, visto che è in tedesco, evito l'ironia ;) Resto comunque succinto, perché non ha senso andare troppo in profondità senza avere prima effettivamente giocato.
Sappiate che l'idea di fondo è di quelle accattivanti, perchè il titolo si propone come una via di mezzo tra Carrara e Puerto Rico. Il gioco si svolge infatti sulla durata di 4/5 giri (a seconda del numero di giocatori), in ciascuno dei quali sono eseguite sette delle otto azioni possibili: in ogni turno il giocatore al quale sta seleziona una delle sezioni della ruota, contenente una tessera azione ancora non scelta dagli altri e per primo svolge l'azione corrispondente, fruendo, solo lui, del bonus indicato alla base dello spicchio (nota: siccome ad ogni giro il piazzamento è casuale, l'abbinamento azione - bonus non è fisso). Gli altri giocatori possono, alla Puerto Rico, eseguire a loro volta la medesima azione di seguito.
Anche qui è però proposto un twist, ovvero si prevede che se, nell'ambito di un giro, il giocatore ha eseguito tutte e sette le azioni, riceverà sei punti di penalità, se ne ha saltata una la penalità scende a 3 punti, se ne ha saltate due scende a 1 e se ne salta tre non avrà penalità.
Altra particolarità sta nel fatto che il piazzamento casuale incide pure sui costi per l'acquisto di materiali e merci (c'è una coroncina esterna con quattro numeri, che vanno di volta in volta a coincidere con le illustrazioni sulla parte esterna della sezione circolare con l'azione) e che le azioni richiedono in genere denaro o lavoratori per essere svolte (per i lavoratori c'è un 'bonus' variabile).
I bonus primo giocatore: chiarissimi, non è vero?
Le azioni, giusto per elencarle, sono: 1) acquista parti della carena della nave ; 2) acquista vele ; 3) acquista pennoni ; 4) acquista merci ; 5) sposta cibo o merci dal magazzino (dove finiscono quelle acquisite gratuitamente) ; 6) consegna merci ; 7) assegnazione speciale punti ; 8) prendi due monete.
Il gioco finisce al termine del quarto o quinto giro e vengono in quel momento attribuiti punti bonus per le navi complete e per le tessere merce consegnate.

Interessante, ma light!!

Lo premetto subito, visto che nel corso della spiegazione ho citato il mostro sacro Puerto Rico: le sensazioni che restituisce questo Nauticus ricordano il richiamato predecessore, per via del meccanismo delle azioni, fruibili da tutti i giocatori e non solo da chi è di turno (e del bonus che solo lui riceve), ma alla fine ho idea che l'esperienza di gioco sarà assai diversa.
Sottolineo infatti che qui abbiamo solo 4 o 5 giri completi di azioni e che i giocatori sono fortemente disincentivati (vedi le penalità) a compiere tutte e 7 le azioni eseguibili in ogni giro, per cui, pur rimanendo valido il concetto che vi può essere forte interazione indiretta, sotto forma di bastardate tipo "ti scelgo quell'azione proprio quando non hai i mezzi per compierla e ti faccio perdere così un bel giro intero..."  non c'è il tempo fisico (vedi numero azioni eseguite) per pensare che il gioco sarà in grado di ripetere lo stesso muovere sul filo del rasoio tipico di Puerto Rico.


Il calcolo punti per le tessere merce
Partendo come sempre da ciò che restituisce la vista diciamo che la presentazione è più che gradevole, con una grafica curata e con una bella selva di tessere, che danno l'idea di una certa ricchezza di edizione, confermata pure dalla presenza del tabellone centrale, che poteva essere anche sostituito da una semplice 'ruota', magari ricavata su di una classica fustella. Nel contempo il legno è però ridotto all'osso, con addirittura dei cubetti neutri per simboleggiare i lavoratori (piccolo passo indietro).

Quanto al gioco, fatte le premesse di cui sopra, direi che dovremmo avere con lui un classico gestionale light, della classe rivolta ad un pubblico potenzialmente ampio: il numero limitato di azioni da scegliere ed il fatto che sia il giocatore di turno a scegliere riduce i tempi di riflessione e nel contempo azzera anche il tempo di attesa, tenendo praticamente tutti in gioco in ogni momento.
Facile è presagire che molto del gioco starà nel cogliere il momento giusto per mettere fuori tempo gli avversari selezionando una certa azione in un certo ordine e si percepiscono diverse sfumature legate a regole meno evidenti (vedi le penalità, per esempio, ma anche la tessera azione bonus), ma nel contempo il numero 'limitato' di giri (ovvero di ripetizioni di ogni azione) e di cose da fare (in fin dei conti si costruiscono solo navi e si comprano e spediscono merci, per cui non c'è una filiera produttiva completa) impedisce di allargare troppo gli orizzonti. Il rischio presente (si dovrà vedere come poi il tutto gira sul tavolo) è quello che alla fine l'esperienza di gioco possa esaurirsi presto (vedi alla voce longevità).

Alla fine Nauticus, come accennavo, è nella mia lista degli acquisti, perchè gradisco molto inserirvi titoli di medio cabotaggio (alla Hans im Gluck, per capirci) e questo sembra rientrarci bene. Tra i suoi punti attraenti citerei il fatto di proporre diverse implementazioni di meccaniche non facili da collocare bene in un gioco da tavolo 'rapido' e per tutti, come quelle di Puerto Rico, mentre la sua relativa semplicità (è pur sempre un 12+ da 90 minuti a partita ...) potrebbe insinuare dubbi sulla longevità. Vi farò comunque sapere di più, credo, a breve ... ;)

Le immagini sono tratte da dal manuale o dal sito della/e casa/e produttrice/i (Kosmos) alle quali appartengono tutti i diritti sui giochi di cui si parla. Le immagini e regole sono state riprodotte ritenendo che la cosa possa rappresentare una gradita forma di presentazione del gioco. --

14 commenti:

  1. Rientrato da poche ore da Essen ... Alla fine Nauticus l'ho provato e comprato. Ottimo titolo; non nella top 3 della fiera, ma solido ed interessante. Non troppo in là (spero) la recensione ;)

    RispondiElimina
  2. Beh dicci anche gli altri due ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Tra quelli che abbiamo giocato (esclusi quindi gli italiani, che si pensava di provare a Lucca) direi Russian Railroad, Gluck Auf, Nauticus, con un riconoscimento extra per Handler der Karibik per la compattezza ed economicità.

      Elimina
  3. Interessante come variante per gli amanti di Puerto Rico, ma non rischia di essere un doppione e dopo un paio di partite lasciato nello scaffale a prendere polvere?

    Peccato sia solo in tedesco :(

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non contiene testo in lingua. Lo ho acquistato e giocato senza problemi in fiera ;) A breve una prova su strada ...

      Elimina
    2. Immagino tu non abbia provato Concordia che conoscevo già dal prototipo,vero?

      Elimina
    3. Non contiene testo ma senza il manuale per giunta in tedesco mi sa che aspetterò qualche buon'anima lo traduca ;)

      Nella prova su strada che farai saranno raccolte tutte le regole e sotto regole come riassunto? Perché così facendo non mi servirà il manuale e magari se lo trovo al Comics lo prendo.

      Elimina
    4. Il regolamento in inglese lo puoi scaricare da un topic di BGG

      Elimina
    5. Appena trovo un momento di tempo cerco di fare il video delle regole ;)

      Elimina
    6. Ottimo, non vedo l'ora di legere la prova su strada ;)

      Elimina
  4. Fabio ha vinto ma io giocando abbastanza a caso sono arrivato secondo di poco... Fammi poi sapere se Berna riesce a far funzionare la strategia nave da 3 + nave da 4 in futuro...

    RispondiElimina
  5. Riesumo il post, notizie su un manuale ITA ???

    RispondiElimina