sabato 17 agosto 2013

Anteprima - Fun Farm

scritto da Fabio (Pinco11)

Oggi vi parlo di un gioco di quelli cicciottosi, colorati e paciocconi, ovvero Fun Farm, ideato da Luca Bellini e prodotto da Post Scriptum (disegni di Erika Signini e Paolo Vallerga), classico titolo destinato ad un pubblico di stampo familiare, con un occhio di riguardo ai più piccoli.
L'editore ha già raccolto, a tre mesi dall'uscita, prevista per Essen un sacco di assensi per edizioni estere, cosicchè già ora, oltre alla collaborazione con Raven che distribuirà il titolo in Italia, ve ne sono altre con Heidelberger e Iello, oltre che accordi per una edizione in russo ed una in cinese!
Di che si tratta? 
Beh, è un giochillo semplice, che punta sulle doti di colpo d'occhio e rapidità dei partecipanti, oltre che su dei materiali accattivanti.
Vediamo più nei dettagli ...


Prototipo
Nella vecchia fattoria ia ia oh ..

Dentro la scatola troveremo sei animali in gomma, ovvero un maiale, una pecora, una capra, un cavallo, una mucca ed un pulcino, quindi un mazzetto di 24 carte, un dado bianco ed un dado nero.
Quanto alle regole preavviso che stanno davvero in una paginetta, per cui siam sul semplice.
L'idea è quella che su ogni carta sia raffigurato uno dei sei animali e, negli angoli, il simbolo dei due dadi (a fondo nero ed a fondo bianco) con un colore sopra.

Ad ogni turno una carta è girata e messa sul tavolo, quindi si tirano i due dadi e se almeno una delle facce uscite mostra un colore indicato da una delle carte sul tavolo, si dovrà al volo prendere l'animale raffigurato. Il più veloce otterrà la carta in questione come premio, mentre in caso di errore dovrà restituirne una di quelle che si era aggiudicato. Con il passare dei turni le carte sul tavolo possono aumentare, mentre la partita ha termine quando il mazzo finisce, vincendo chi avrà più carte ...

Il titolo è preannunciato come un 6+ di età, ma abbasserei il limite comodamente di un annetto almeno (i bimbi di quasi cinque anni di oggi sono sveglietti ...), mentre la durata è prevista intorno al quarto d'ora: il numero di giocatori è da 2 a 10 (ma in effetti il limite sta solo nella quantità di gente che riuscite ad infilare intorno al tavolo ...). Il prezzo, infine, dovrebbe viaggiare sui 25 euro.


Che dire come commento?

Pochi passaggi, solo per segnalare come il gioco sembri godere di materiali davvero azzeccati (salvo la verifica della qualità intrinseca degli stessi), con in particolare degli attraenti animaletti in gomma, di quelli che con dei bambini in casa si farà fatica a tenere nella scatola una volta finita la partita ed una grafica colorata e simpatica.

Quanto alle regole, beh, non si può dire che abbiano scoperto la fusione nucleare, perchè questo tipo di meccanica è noto e ricorrente in molti titoli per bambini e non: ciò premesso molto dell'appeal in questa categoria è legato alla scelta dei componenti ed al pensare ad una dinamica abbastanza facile da coinvolgere tutti al volo, senza tante spiegazioni e qui diciamo che il risultato sembra raggiunto.
Il fatto stesso di aver già stretto così tanti accordi attesta come le aspettative siano di quelle buone ...

Le immagini sono tratte da dal manuale o dal sito della/e casa/e produttrice/i (Post Scriptum) alle quali appartengono tutti i diritti sui giochi di cui si parla. Le immagini e regole sono state riprodotte ritenendo che la cosa possa rappresentare una gradita forma di presentazione del gioco. --

7 commenti:

  1. la capra verde (della scatola e degli esempi) è arancione! =(

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ... quello arancione mi sembra essere il cavallino (vedi la criniera bianca) ...

      Elimina
    2. Riferendosi all'immagine in cui compaiono tutti e sei gli animali in cerchio ed andando per esclusione, la capra sembrerebbe arancione anche a me

      Elimina
  2. il cavallino è rosso! la capra verde è in arancione! =(

    RispondiElimina
  3. Rispondo al volo dalla Germania (non so quando mi potrò ricollegare): come chiaramente scritto nella didascalia, la foto ritrae il prototipo. Nel gioco sarà verde.
    Ciao,
    Mario Sacchi
    Post Scriptum

    RispondiElimina
  4. ah, infatti anche la pecora (che si vede chiaramente essere blu sia dalla copertina che dalla parte trasparente della scatola) nella foto del prototipo è bianca! ;)

    RispondiElimina
  5. mah.... a me sembrano osservazioni di lana...caprina

    RispondiElimina