sabato 30 giugno 2012

[Vetust Games] Il Tesoro del Tempio


Chrys: dopo una lunga assenza causata da impegni di lavoro torna finalmente tra noi MagoCharlie, con i sui articoli sui giochi dei bei tempi andati... vi lascio perciò al suo articolo, ma aspetatevene altri a breve...  ;)

scritto da MagoCharlie
Quest’oggi vi parlo de “Il Tesoro del Tempio”, gioco che molti vedono come “sequel” dell’Isola di Fuoco (qui la recensione) titolo del 1992 della MB. L’autore di questo gioco non è purtroppo segnalato perché frutto di sviluppo interno ad MB.

venerdì 29 giugno 2012

[Prova su strada] Québec

scritto da polloviparo

In occasione dell’ultima edizione di Essen è stato presentato Québec, gioco degli autori canadesi Philippe Beaudoin Pierre Poissant-Marquis, illustrato da Mariusz Gandzel.
Il gioco è per 2-5 giocatori, con una durata di circa 90 minuti.
Parto con il dire che avevo totalmente snobbato questo titolo, in primo luogo per le meccaniche di piazzamento lavoratori e maggioranze, che pur piacendomi molto, ultimamente ritengo siano eccessivamente inflazionate, in seconda battuta per la grafica non particolarmente accattivante.
Venerdì scorso ho avuto modo di fare una partita. Durante la spiegazione delle regole devo ammettere di essere rimasto un po’ sconcertato e ancora dubbioso sulla bontà del gioco, a partita conclusa invece ero decisamente entusiasta.

Pensavo che il genere non avesse più niente da offrire e invece “ecco una ventata d’aria fresca a rinfrescare queste serate afose” :)
Il gioco si è dimostrato decisamente originale e profondo, tanto da far cadere totalmente in secondo piano le carenze estetiche.

giovedì 28 giugno 2012

K2: Broad Peak - Recensione

Scritta da Chrys.

La prima espansione per K2 (vedi la p/review di Fabio) è titolata Broad Peak e presenta due scenari di scalata completamente nuovi ed ispirati a scalate reali (come già i due percorsi nel gioco base). Si tratta naturalmente di una espansione uscita ad essen 2011 e per giocarla serve la scatola base.

In questi scenari scaleremo Broad Peak detto anche K3, una delle 12 montagne più alte al mondo con 8051 metri di altezza. La particolarità di questi scenari è che come vedremo comportano anche delle varianti di gioco abbastanza forti rispetto ai due base, e non solo percorsi diversi di ascesa. Vista la notevole differenza tra i due scenari li analizzeremo separatamente.

Entrambi presentano anche le regole/varianti per la partita in solitario.

ILSA Magazine n.16

News di Chrys

L'altroieri è uscito il numero 12 di ILSA... per chi non la conoscesse si tratta di una rivista gratuita e senza scopi di lucro che tratta di giochi da tavolo a tutto tondo, scritta da appassionati ed è un ottimo punto di riferimento per gli amanti dei boardgame.

Questo numero estivo è a tema "presitoria" e tratta quindi di tutti quei giochi dove i giocatori sono dinosauri, uomini primitivi o cellule che nuotano nel brodo primordiale. In allegato alla rivista troverete un gioco inedito: “Dinos’ Hunters” di Gabriele Baggiani. Tra l'altro al suo interno troverete anche alcuni articoli del buon Faustoxx. ^^

mercoledì 27 giugno 2012

Essen 2012 - Le anticipazioni (VI)

scritto da Fabio (Pinco11)

Procediamo a passo spedito nelle nostre gallerie di immagini. Ho a questo punto la chiara sensazione che tutti si stiano muovendo con grande anticipo, cosa che per noi rappresenta una vera e propria manna, visto che così, almeno, eviteremo il classico 'ingolfamento' da fine agosto, quando in passato si addensavano tutti i comunicati ed i primi manuali ... ;)
 
Ludically

Cristophe Boelinger (noto ai più per Dungeon Twister ed Earth Reborn) si cala nel mondo degli eurogames con Archipelago, titolo annunciato in lavorazione dalla Ludically per quest'autunno.

martedì 26 giugno 2012

Hawaii vs Vanuatu - confronto

scritto da polloviparo.


Oggi metteremo a confronto due titoli presentati in occasione di Essen 2011 che condividono l’ambientazione, si tratta infatti di sistemi insulari situati nell’Oceano Pacifico.
Parliamo ovviamente di Hawaii di Greg Daigle e di Vanuatu di Alain Epron.
In entrambi i casi parliamo di giochi di piazzamento, quindi cercheremo di capire cosa li differenzia ed i punti di forza dell’uno o dell’altro.

Leggendo la sezione meccaniche di Hawaii nella scheda di bgg troviamo le seguenti voci: Action Point Allowance System, Area Movement, Modular Board, Worker Placement; in quella di Vanuatu: Action Point Allowance System, Auction/Bidding, Variable Phase Order.
Come vedete le similitudini sulla carta sono molte.
A dire il vero “Modular board” a mio avviso poteva essere tranquillamente inserito anche in Vanuatu (e anzi forse a maggior ragione), comunque procediamo oltre.

lunedì 25 giugno 2012

Anteprima - Lord of the rings: Nazgul

scritto da Fabio (Pinco11)

Siete sempre stati attratti dal lato oscuro della Forza o siete tra quelli che hanno assistito con orrore alla sconfitta dell'eroe Sauron nella sua ricerca della pacificazione delle Terre di Mezzo, orrendamente dilianiate da innumerevoli guerre promosse dagli aggressivi e violenti umani, elfi e nani  ? Bene, visto che tutto è una 'questione di punti di vista' ecco a voi la attesa (?) possibilità di calarvi nei panni di altrettanti Nazgul (che, per chi non lo sapesse, sono i 'cavalieri oscuri' del Signore degli Anelli, tra i più potenti guerrieri a disposizione di Sauron nella sua lotta contro la compagnia dell'anello.
Il gioco che consente tutto ciò è Lord of the Rings:Nazgul, ideato dalla coppia Kinsella - Tyson ed edito da Wizkids (tempo medio a partita due orette, per 2-5 giocatori, con diversi componenti - carte - in lingua inglese), prodotto uscito da poco sugli scaffali (negli States il calendario produttivo non è settato, come qui da noi, sul mese di ottobre). Le dimaniche proposte da questo titolo sono, curiosamente (dato l'editore), molto orientate nel senso degli eurogames, con aste, maggioranze, azioni che si acquistano, il tutto fuso con l'uso di massicce dose di carte e battaglie, anche qui, però, risolte senza l'uso di dadi. Il titolo è un semicooperativo, ossia tutti collaborano alla vittoria finale dei Nazgul, prevalendo poi, tra i partecipanti, chi avrà ottenuto più punti vittoria (in caso di sconfitta Nazgul, tutti perdono!)
A livello di complessità il titolo è proposto dai 14 anni in su e, considerando anche la durata, direi che non è rivolto ad un pubblico familiare.

domenica 24 giugno 2012

Steam Park (aka Pimp my Park) - Prime immagini

News scritta da Chrys.

Avevamo già parlato del progetto della Cranio Creations in un paio di articoli precedenti (qui e qui) anche se sarebbe più giusto dire accennato visto che anche se il progetto di massima risale ad un paio di anni fa la sua gestazione è molto lunga.

Si tratta di un gestionale di parco divertimenti ideato dalle tre menti ludiche della Cranio (Tucci Sorrentino, Buonfino e Silva)... trattandosi degli autori di Horse Fever e di Dungeon Fighter sono certo che si tratterà di un gestionale decisamente fuori dall'ordinario. 

King of Tokyo - Espansioni Promozionali


Scritto da Chrys.

In questa domenica tranquilla e sonnecchainte vi propongo due piccole chicche per gli amanti di King of Tokyo (che ho finito poi per apprezzare... nella sua ca**oneria è un ottimo filler adatto a tutti).


sabato 23 giugno 2012

Anteprima - Titans of industry

scritto da Iziosbiribizio


E' il 1920, la guerra è finita da un paio d'anni, la ricostruzione porta ad un conseguente incremento della nascita di attività e della crescita economica di persone che sanno dove mettere le mani. In questo caso le persone saranno da 3 a 5, e avranno il compito di gestire il delicato equilibrio che c'è tra soldi, produzione e obiettivi. 7 anni di tempo per costruire il proprio impero industriale. Chi sarà il vincitore?
Questo è il tema di Titans of Industry, ideato da Brian Lewis per la Gozer Games. Si torna quindi all'ambiente finanziario. Se vi era piaciuto Suitcase, ma volete complicare di più la situazione, allora questo gioco potrebbe essere un'ottima scelta. Scopriremo tra breve il perchè.

[Fabio] Il gioco, proposto su kickstarter per il suo finanziamento, è riuscito a raggiungere 'al pelo' la soglia prefissata di 30.000 dollarozzi, superandola di 300 unità, per cui vedrà effettivamente la luce !

venerdì 22 giugno 2012

Recensione - Vegas

Recensione di Nero79

Un altro titolo a sorpresa tra i nominati dello Spiel des Jahres di quest'anno, Vegas è un gioco per 2-5 giocatori di Rüdiger Dorn (Goa, Jambo ecc...), pubblicato da Ravensburger (o meglio dalla sussidiaria Alea).
I giocatori nei panni di assidui scommettitori cercheranno di sbancare i casinò più redditizi sulla base di semplici ma aleatori tiri di dado.

Potrà un gioco così semplice e scanzonato ottenere il titolo di gioco dell'anno? Mah, per ora guardiamo nella scatola...

Torna Agricola in italiano!! - NUOVI COMPONENTI

News scritta da Chrys.

Non ci posso credere... ormai molti avevano perso le speranze (suvvia... solo 8 mesi di ritardo rispetto all'uscita annunciata inizialmente) ed ecco che in questi giorni è apparsa, dopo mille rinvii ed amletici dubbi, la Terza Ristampa in italiano di Agricola, uno dei gestionali più apprezzati al mondo.

Il gioco non ha bisogno di presentazioni, ma se siete nuovi da queste parti vi rimando alla recensione con video-tutorial che avevamo pubblicato alcuni mesi fa.


giovedì 21 giugno 2012

Dixit Journey - Recensione

Scritta da Chrys.

Un anno è passato, l'estate sta arrivando ed eccoci all'immancabile espansione/nuova versione di Dixit. Giustamente il gioco vende e tira da paura, quindi perchè mai non dovrebbero continuare a spingerlo? Ed ecco quindi apparire in tutta la sua "magnificenza" Dixit Journey!

Quest'edizione però a differenza di quanto avviene in Dixit Odissey (che permetteva 12 giocatori e varianti di gioco) qui non ci sono stravolgimenti e si torna (purtroppo) ai classici 6 giocatori, e ai token di cartone per le votazioni.

Le regole del gioco restano assolutamente le stesse ma invece del segnapunti interno alla scatola della prima edizione ci troviamo una plancia simile a quella vista in Odissey, con gli spazi laterali per mettere le carte da votare e meglio identificarle.

mercoledì 20 giugno 2012

Anteprima - Tahiti

scritto da Fabio (Pinco11)

Il recente trend di uscite d'oltreoceano mostra che negli States stanno scoprendo con forza in questo periodo gli eurogames. Non voglio con questo dire che in passato non ci fossero molti appassionati di Catan, Carcassonne e compagnia, ma nel recente ho notato una forte tendenza anche di editori americani ad entrare direttamente in questo mercato, non semplicemente distribuendo edizioni inglesi di titoli di case europee (come ha fatto per anni, per esempio, la Rio Grande, ma producendo autonomamente nuovi titoli. 
In questa logica abbiamo assistito alla recente uscita di Lords of Waterdeep per la Wizards of the Coast, così come la Alderac (anche se è canadese, il mercato principale è quello USA) ha annunciato per Essen ben tre gestionali e la Rio Grande uno.
Non mi stupisco quindi di vedere come stia riscuotendo un buon successo per internet il progetto della Minion Games aperto su Kickstarter per il suo Tahiti, ideato da David Whitcher, titolo che catapulta i giocatori (da 2 a 4, durata un'oretta a partita, indipendente dalla lingua) nei mari delle omonime isolette, facendogli impersonare altrettanti capitribù impegnati nel difficile compito di approvvigionare al meglio i propri villaggi (ehi, non ci sono i mercanti medievali!!!), caricando e scaricando merci (ossia cubetti) dalle loro canoe, impegnate a pagaiare furiosamente tra isola ed isola.
Si tratta di un titolo che si rivolge ad un pubblico ampio, ragionevolmente introduttivo al genere dei pick up and delivery (raccogli e consegna), oltre che al collezione di set.

martedì 19 giugno 2012

Penny Arcade: The Game - Gamers vs. Evil


Scritta da Chrys.

Ed oggi torniamo a parlare dei meccanismi di deck-building con Penny Arcade: The Game - Gamers vs. Evil (2-4 giocatori); come facilmente immaginabile questo gioco è ispirato alle strip comiche online di Penny Arcade, create da Jerry Holkins e Mike Krahulik e che escono regolarmente da ormai 14 anni... si tratta di strisce dedicate principalmente a videogiochi e tecnologia, spesso con un piglio molto dissacrante ed assolutamente politically incorrect.

Naturalmente non serve essere lettori del fumetto per poter godere del gioco, anche se conoscere almeno l'ambiente dei videogiochi aiuta a capire meglio le battute delle carte.

Il gioco è abbastanza interessante... semplice nelle regole (è un ottimo introduttivo al deck-building) ma con delle combinazioni strategiche interessanti e con un paio di twist che lo rendono un po' diverso dai suoi "colleghi" più famosi.

lunedì 18 giugno 2012

Helvetia - Discutiamone insieme : flop o underrated ?

scritto da Fabio (Pinco11)

Ho avuto in questi giorni modo di riproporre sul tavolo Helvetia, titolo che avevo acquistato addirittura ad Essen (qui ne trovate l'anteprima) ma che, complice il fatto che altri redattori avevano scritto piuttosto rapidamente le loro recensioni (qui trovate la prova su strada di Polloviparo e Faustoxx), avevo poi lasciato a lungo sullo scaffale, inutilizzato. Mi sono quindi chiesto i perchè del suo mancato successo (o quantomeno del suo non ingresso nei posti principe delle classifiche di vendita) e propongo qui qualche riflessione.
Parto dall'elenco degli elementi che ne avrebbero dovuto fare il gioco dell'anno per eccellenza (ossia quello che vende di più, non quello che prende l'omonimo premio), ossia l'autore, che è quel Matias Cramer che prima di Helvetia aveva stupito tutti con i suoi Glenmore (qui la recensione) e con Lancaster (ed ecco anche il link al nostro articolo su di esso), il grafico, ossia il ben noto Franz Vohwinkel, il quale ogni anno fa incetta di incarichi importanti sfruttando le sue indubbie doti da figurativo, nonchè l'editore, la Kosmos, dotato del giusto peso in logica tanto di materiali quanto di marketing.
Se a questo aggiungiamo un set di regole che propone alcune interessanti innovazioni (o comunque varianti, rispetto ai temi più classici) ed il tema 'gestionale' di medio peso (con partite tra l'oretta e l'oretta e mezzo), direi che gli ingredienti per un piatto vincente ci sono tutti.
Già, ma perchè allora di Helvetia non ne abbiamo praticamente più sentito parlare (e non è neppure entrato nella lista dei consigliati dello Spiel des Jahre, dove siedono 'calibri' tipo Drecksau ed Indigo) ?

domenica 17 giugno 2012

Anticipazione - Sedition Wars

scritto da Fabio (Pinco11)

Kiskstarter ha dato il via ad una serie di produzioni, soprattutto a stelle e strisce, che stanno letteralmente 'spakkando', con raccolti di centinaia di migliaia di dollari per titoli che, francamente, non so se avrebbero avuto ugual fortuna fuori da quell'ambiente. Starà al tempo dirci se si tratta della classica 'bolla speculativa' destinata a scoppiare o se rappresenterà il futuro di questo settore: fatto sa che alcuni sembrano nuotare benissimo in questo nuovo stagno e tra di essi vi à sicuramente la CoolMiniOrNot, società specializzata in miniature e sul cui sito si trova una rassegna sterminata di esse, scolpite e/o dipinte dagli appassionati che decidono di condividere su di esso le immagini delle proprie creazioni.

sabato 16 giugno 2012

Anteprima - Kulami

scritto da Iziosbiribizio

Sembrerà strano, ma oggi si parla di un gioco astratto. Non trattiamo spesso giochi come Kulami, ma per essere ben completi ogni tanto un gioco astratto come questo è giusto che sia presente nel nostro panorama ludico.
Qual è la caratteristica di questo gioco, oltre al nome che in Italia si presta a un'infinità di giochi di parole? Sono, tanto per rimanere in tema, le palle. In Kulami (mi spiace per il gioco di parole, ma è inevitabile) infatti due giocatori si fronteggeranno posizionando delle sfere colorate, rosse o nere, nel tentativo di conquistare i settori del tavolo di gioco.
E' proprio il tabellone la particolarità del gioco, rappresenta infatti la maggior parte del materiale di gioco.

[Fabio] Ricordo, prima di lasciare ancora la parola a Izio, che Kulami è entrato nell'elenco dei titoli 'consigliati' nel premio spiel des Jahres, per cui questo aspetto può solleticare la curiosità di alcuni lettori in più di quanto la sua astrattezza non potrebbe normalmente riuscire a fare.

venerdì 15 giugno 2012

Essen 2012 - Le anticipazioni (V)

scritto da Fabio (Pinco11)

Vedo che questi brevi flash riscuotono un certo entusiasmo tra i nostri lettori, sempre impazienti di aggiungere nuovi titoli alle loro liste dei desideri ;) per cui proseguo imperterrito nell'elenco, che sembra essere quasi infinito, delle uscite annunciate ..
Oggi partiamo dalla Francia, con la Ludonaute

Ludonaute

Phantom, titolo per due giocatori ideato da Xavier Lardy (esordiente), vedrà i partecipanti assumere gli opposti ruoli dei fantasmi e degli occupanti umani di una villa americana (siamo a Jamestown, Virginia, ai primi del 900), impegnati i primi a cercare di sfrattare gli inquilini in carne ed ossa ed i secondi a liberare la propria dimora. Il tutto avverrà a colpi di carte, ciascuna delle quali idonea a produrre specifici risultati all'interno delle varie locazioni nelle quali si articolerà la casa. 


giovedì 14 giugno 2012

I’m Vlad Prince of Walacchia - Anteprima

scritto da polloviparo.

In arrivo dalla Real Wallachian GamesI’m Vlad – Prince of Walacchia” un gioco di  Cosmin Anghel, illustrato da Eugen Anghel.
A giudicare dal cognome, a meno che non si tratti di una coincidenza alquanto bizzarra, direi che Autore ed illustratore si conoscono molto bene ;)

 Come avrete intuito dal titolo si tratta di un gioco sulla vita di Vlad l’impalatore, personaggio storico che sembra aver ispirato la leggenda di Dracula, come ci conferma l’introduzione di wilkipedia:

“ Vlad III di Valacchia (Sighișoara2 novembre 1431 – Giurgiu16 dicembre 1476) fu voivoda (principe) di Valacchia: nel 1448, dal 1456 al 1462 e infine nel 1476. Figlio di Vlad II Dracul, era noto come Vlad Țepeș (IPA/'tsepeʃ/) (Vlad “l'Impalatore” in rumeno). Negli anni della caduta di Costantinopoli, combatté a più riprese contro l'avanzata dell'Impero ottomano nei Carpazi, provocando le ire del sultanoMaometto II. Entrato in conflitto col Regno d'Ungheria, allora retto da Mattia Corvino, venne imprigionato nel 1462 dal sovrano ungherese e ritornò al potere dopo un decennio come suo vassallo. Venne ucciso in circostanze misteriose nel 1476.
Il voivoda Vlad III fu celebre fonte d'ispirazione per lo scrittore irlandese Bram Stoker per la creazione del suo personaggio più famoso, il conte Dracula, protagonista dell'omonimo romanzo.”

mercoledì 13 giugno 2012

Insieme per l'Emilia: un iniziativa social-ludica

Scritto da Chrys.

Boardgame League e Tana dei Goblin avviano il progetto "Insieme per l'Emilia" una speciale iniziativa che si pone l'obiettivo di focalizzare l'attenzione sulla attualità e le vicende che hanno annichilito la popolazione dell'Emilia e allo stesso tempo di raccogliere dei fondi (nel piccolo del nostro settore) per le vittime.

Il terremoto che ha atterrito la popolazione emiliana a colpito tutti e la Boardgame League insieme con la Tana dei Goblin hanno deciso di operare una raccolta fondi tramite ciò che più rientra nelle loro corde, ovvero il gioco da tavolo, e nello specifico l'attività torneistica.

Tanto Cuore: Expanding the House - Recensione

Scritta da Chrys

Ok... alla fine non ho resistito e mi sono preso anche l'espansione di Tanto Cuore, il gioco di deck building giapponese campione di incassi nelle terre del Sol Levante, di cui avevamo già parlato. In questo breve articolo non starò a spiegare le meccaniche poichè sono esattamente le setsse del gioco base già dettagliatamente spiegate: se non aveste l'etto la prima recensione potete trovarla qui., mentre nell'articolo sottolineerò solo le eventuali differenze.

Anzitutto specifichiamo che Tanto Cuore: Expanding the House (di Arclight/Japanime Games, 2-4-8 giocatori) è sia un espansione che un set base: infatti è possibile anche acquistare direttamente solo questo e giocare tranquillamente senza il base. Se invece possedete entrambi aumenteranno a dismisura le varianti di gioco e le possibili startegie.

martedì 12 giugno 2012

Recensione ed intervista: Targi

scritta da Faustoxx

Tra le novità presentate all'ultima Fiera del giocattolo di Norimberga, avevo adocchiato Targi primo gioco di Andreas Steiger e pubblicato dalla Kosmos nella propria linea di giochi per 2 giocatori.

Purtroppo il gioco è in parte dipendente dalla lingua ed era stato pubblicato solo in tedesco lingua per me, particolarmente ostica. Di solito non impazzisco per i giochi per 2 giocatori, che personalmente li considero un limite, visto che spesso siamo in 5 a giocare (e devo fare la rotazione tra gli amici). Nonostante ciò, ho acquistato una copia del gioco spinto dalle valutazioni molto positive espresse dai gamers su BGG.
La notizia che, a sorpresa, il gioco fosse entrato nella terna finale per il Kennerspiel 2012 mi ha portato ad interessarmene. Mi sono quindi messo in contatto con l'autore, persona realmente squisita, il quale mi ha fornito una bozza del regolamento inglese attualmente in lavorazione e le bozze delle carte tradotte, grazie alle quali ho potuto finalmente giocarlo. E' stato così gentile che ci ha concesso una intervista che trovate in fondo a questo articolo. Mi sono poi applicato anche per tradurre il regolamento (potete scaricarlo qui ed aprirlo come pdf), per rendere il gioco ora fruibile a tutti.

lunedì 11 giugno 2012

[Facce da gioco] Il lento

scritto da Fabio (Pinco11)

Visto il riscontro positivo dei lettori sul precedente articolo dedicato al costruendo bestiario dei giocatori, eccomi al secondo appuntamento, che non poteva non riguardare una delle figure più ricorrenti ai tavoli da gioco, ossia IL LENTO (detto anche analisys paralisys), in quanto tale maschera può essere attribuita, in modo relativistico, semplicemente dal meno rapido dei presenti al tavolo. La realtà è però che in tutti i gruppi (più o meno) c'è sempre un margine di tolleranza e quindi è solo quando l'attesa si prolunga un pò troppo e se essa è dovuta SEMPRE alla stessa persona che si inizia a censurare il 'lentone' che sta riflettendo ere geologiche sulla prossima mossa.

Credo che sia dovuta proprio ad un 'lento' l'invenzione del termine che normalmente viene utilizzato, nel vocabolario geek d'oltreoceano per definire la situazione, ossia analisys paralisys, che, tradotto letteralmente, sta a descrivere la situazione di paralisi del gioco causata dalla eccessiva riflessione richiesta: il concetto è a due facce, perchè se è vero che sottende la presenza di almeno un 'pensatore estremo', dall'altra scarica un pò della colpa al gioco il quale, con la sua complessità e/o presenza di troppe variabili, stimola a tale inusitato pensamento (ed è per questo che credo l'abbia coniata un 'uomo lento' alla ricerca di giustificazioni!).

domenica 10 giugno 2012

Gears of War - Mission Pack 01

Scritta da Chrys.

Un'altra miniespansione con la formula Print on Demand della Fantasy Flight Games (per maggiori informazioni leggi qui)... con questo sistema la FFG ha ormai sfornato numerose espansioni ed era solo quastione di tempo perchè ne arrivasse una anche per l'ottimo Gears of War.

L'espansione questa volta è fatta da un mazzo di carte che comprende 2 nuovi scenari completi, 4 nuove armi uniche, 19 Locust AI cards e 6 nuovi nemici (che usano ai fini del gioco le miniature della scatola base). 

sabato 9 giugno 2012

Anteprima - Courtier

scritto da Iziosbiribizio

E' da poco iniziata la seconda stagione del Trono di spade, caratterizzata da intrighi, tradimenti e segreti. Se anche voi non riuscite a vivere la vita nella tranquillità e nella sincerità e non vedete l'ora di tramare e pugnalare, allora si può parlare di Courtier, edito da AEG (Alderac).
Da 2 a 4 giocatori lotteranno tra loro per entrare nella corte reale, cercando di influenzare, manipolare e garantire favori a chi di dovere, guadagnando punti corrompendo e tramando. Sicuramente è un tema che non conosciamo e di altri tempi, che non troviamo nella vita di tutti i giorni, chissà a cosa si sarà ispirato allora Philip duBarry! Il gioco appartiene al nuovo filone di titoli ambitenti nella loro ideale città di Tempest, che l'editore canadese sfornerà quest'anno, del quale abbiam parlato di recente in un apposito articolo flash.

venerdì 8 giugno 2012

[non solo grandi] Drecksau

[non solo grandi] Drecksau - Recensione di Nero79

Sono uscite da poco le nomination dell'ambito (almeno qui in Germania) Spiel des Jahres 2012. A parte i classificati al podio che si contenderanno il premio, ho sempre un occhio di riguardo per la lista dei consigliati (vale a dire quei giochi che non sono riusciti a raggiungere il podio ma che la giuria ritiene meritevoli). Tra questi Drecksau, manco a dirlo, un gioco di carte che qui ho trovato pure al supermercato.
Incuriosito e spinto anche dal prezzo ridotto, ho deciso di acquistarlo per vedere cosa ci avessero trovato di tanto interessante i giurati dello Spiel di quest'anno.

giovedì 7 giugno 2012

Mice & Mystics - Anteprima


Scritta da Chrys.

La prossima uscita della Plaid Hat (la casa che ha creato l'ottimo Summoner Wars) è stata per me una piacevolissima sorpresa perchè unisce una meccanica accattivante a una componentistica e ad una grafica che sono allo stato dell'arte.

Sto parlando di Mice & Mystics, un gioco per 1-4 giocatori (in alcuni scenari si arriva fino a 6) che si pone l'ambizioso obbiettivo di entrare a gamba tesa nel settore del "dungeon crawler" (stile Descent) ma con un approccio estremamente più narrativo ed interattivo.

A prima vista queste premesse porterebbero a pensare a Le Case della Follia, ma in questo caso abbiamo un approccio completamente diverso.

mercoledì 6 giugno 2012

[Prova su strada] Fürstenfeld

scritto da polloviparo.

Oggi parliamo di Fürstenfeld gioco di Friedemann Friese per 2-5 giocatori pubblicato nel 2010.
La durata della partita, "sulla carta", è di 60 minuti, ma devo ammettere che la partita di prova è durata molto di più, almeno il doppio direi...
Il gioco è passato un po’ in sordina e dopo averlo provato posso capirne anche il perché.
Notate bene che si tratta di "parere a caldo" dopo una sola partita di prova (anche perchè una seconda proprio non ho voglia di farla...)
A livello di ambientazione si tratta di calarsi nei panni di un “imprenditore” che deve gestire al meglio la propria azienda agricola, impegnata nella produzione della birra.
Partiamo quindi subito con un tema di cui dire che si è abusato è dire poco… (mi riferisco all’agricoltura non alla birra ;) )
Per quanto riguarda le meccaniche si tratta fondamentalmente di realizzare campi produttivi e edifici giocando delle carte su una plancia personale, al fine di creare un “motore economico” che ci permetterà di costruire il nostro palazzo.
Il primo a realizzare il palazzo (composto da 6 parti) sarà il vincitore.
Tutto vi sa di “già visto”? Aspettate che vi parli della nuovissima meccanica di “deck building” o “un building” come qualcuno l’ha definito e le cose potranno solo migliorare ;)

martedì 5 giugno 2012

WarAge - Recensione


Scritta da Chrys.

A Torino Comics (a metà aprile) ho avuto finalmente l'occasione di provare per la prima volta WarAge (2-4 Giocatori, District Games), il gioco di carte tutto italiano che segue la recente corrente degli LCG (Living Card Game).

Per chi non lo sapesse i Living Card Game sono giochi di carte privi della componente di acquisto casuale delle carte (tipico di Magic, che comporta poi quotazioni, prezzi stratosferici e via dicendo) ma che al contempo non sono giochi chiusi perchè prevedono l'uscita regolare di espansioni, il cui contenuto è però predeterminato e noto. Le espansioni nei LCG sono naturalmente opzionali e pur ampliando le possibilità di gioco e le strategie è possibile ignorarle.

In questo gioco ogni partecipante con il suo mazzo rappresenta un eroe fantasy, con la sua classe e la sua razza, che si scontra con l'avversario a colpi di attacchi fisici e magie. Le varie carte permettono di equipaggiare il proprio personaggio, con armi, armature, compagni animali, incantesimi, oggetti vari sia mondani che magici, oltre a permettere di lanciare vari effetti immediati (carte flash).

lunedì 4 giugno 2012

Essen 2012 - Le anticipazioni (IV)

scritto da Fabio (Pinco11)

Quest'anno sembra che che un pò tutti abbiano compreso la lezione del 2011, ossia che arrivare troppo a ridosso della fiera per annunciare le proprie novità non sia esattamente un'ottimissima idea, visto che in quel periodo i radar di tutti sono letteralmente ingolfati dalle centinaia di tracce che compaiono sullo schermo. Siamo quindi a maggio e già il flusso di annunci è quindi relativamente consistente, tanto che siamo già arrivati al quinto appuntamento (conto anche l'articolino sulla Alderac) di anticipazioni sulle uscite di ottobre e teniamo conto che spesso seleziono i titoli da inserire ...

Artipia Games

I greci, lo scorso anno sugli scudi grazie al loro titolo ambientato nel mondo del circo, ossia Drum Roll, sono molto attivi: è di poco tempo fa la proposizione sulla piattaforma Indiegogo del loro Briefcase, gioco di carte sul gestionale (che ragionevolmente vedremo disponibile per il pubblico non prenotante ad Essen) e già arrivano le news legate ad Among the stars di Vangelis Bagiartakis (lo scorso anno autore di Souvlaki wars). Per ora si sa che si tratterà di un gioco di carte per 2-4 persone, caratterizzato da dinamiche legate alla scelta simultanea di ruoli - azione, il tutto ambientato in un mondo futuristico.

domenica 3 giugno 2012

Mansions of Madness - 'Til Death Do Us Part & House of Fears



Recensione scritta da Chrys

Avevamo già parlato delle prime due mini espansioni per lo splendido Mansions of Madness (aka Le Case della Follia nell'edizione italiana) ci cui trovate la recensione qui.

Nel fratempo sono uscite due nuove espansioni, entrambe nel formato Print on Demand di cui avevamo già parlato. Si tratta di  'Til Death Do Us Part  e di House of Fears che presentano entrambi tutto il materiale per un nuovo macroscenario con relative varianti.

Ogni box contiene le informazioni introduttive sullo scenario, la schema della mappa con le classiche scelte multiple e il relativo schema di distribuzione di oggetti, ostacoli e indizi. Oltre a questo troviamo tutte le carte necessarie per lo scenario, sia quelle nuove che quelle che già erano presenti nella scatola base (il che accellera anche di molto il set-up, la cui lunghezza è una delle poche pecche del gioco).


sabato 2 giugno 2012

Anteprima - Maharani

scritto da Iziosbiribizio


Se vi vantate spesso con gli amici per i regali alle vostre belle, non fatelo vicino al moghul Shah Jahan... lui a sua moglie ha fatto costruire il Taj Mahal!
Il famosissimo mausoleo è il protagonista del gioco Maharani, in cui i  giocatori (da 2 a 4) si cimenteranno nella ricostruzione dei coloratissimi mosaici mancanti. Il gioco, ideato da Wolfgang Panning, è prodotto dalla Queen Games, presenta meccaniche di piazzamento tessere e ogni partita dura circa 40 minuti. Vediamo cosa contiene la scatola

venerdì 1 giugno 2012

Recensione - Divinare

Recensione - Divinare di Nero79

Londra, 17 novembre 1896: Le strade della città sono quasi deserte, solo pochi passanti si affrettano cercando di raggiungere al più presto il tepore delle loro case. Ma nelle sale private del lussuoso Bloomsbury Hotel si sta svolgendo un torneo mai visto prima. I cinquanta più famosi medium si sono sfidati per determinare chi di loro fosse il migliore. Tra pochi minuti apre il tavolo finale: chi vincerà il premio in sterline messe in palio per il vincitore?

In Divinare, reimplementazione del gioco Oracle Pathways di Brett J. Gillbert, vincitore del Concurs Ciutat de Granollers de creació de jocs è un gioco di deduzione e bluff per 2-4 giocatori pubblicato dalla francese Asmodee.