lunedì 30 aprile 2012

[Punti di vista] Toto Spiel 2012

scritto da Fabio (Pinco11)

Così come da tradizione, con l'avvicinarsi delle date focali del concorso tedesco Spiel des Jahres (ovvero 'gioco dell'anno'), mi trastullo proponendomi il non facile compito di prevedere quali saranno i favoriti della giuria internazionale (o meglio mooolto tedesca e qualcosa d'altro) che ogni anno attribuisce il più ambito dei premi dedicati al settore dei giochi da tavolo.
Devo dire che, mentre indovinare in generale quali titoli possano rientrare nell'elenco dei 'consigliati', ovvero della decina di titoli che la giuria, pur non ritenendoli tanto meritevoli da poter concorrere per il premio finale, si degna di proporre alle folle di acquirenti come 'tanto apprezzabili da meritare una menzione, per cui guardate un pò di comprarli lo stesso', non è poi così semplice nè indovinare chi rientrerà nella terna dei nominati, nè il vincitore. In particolare dopo l'avvento della duplicazione delle categorie del premio, che ora è attribuito anche al miglior gioco 'per esperti', facendo si che il premio 'base' non possa che andare a titoli 'più semplici' ritengo meno impossibile capire chi possa vincere la prima delle due classi di concorso, mentre non ho davvero idea di chi possa meritare a giusta causa il premio vanilla.

domenica 29 aprile 2012

Due risate ludiche...

Scritto da Chrys
Oggi piccola pausa dalle recensioni e vi propongo invece una splendida vignetta di quel geniale fumettista che è Jhon Kovalic... molti riconosceranno il suo tratto avendolo visto in qualche gioco visto che ha all'attivo circa 50 giochi illustrati (contando tutti i titoli Munchkin come 1 gioco solo, altrimenti quasi raddoppiano).

La sua attività principale è comunque quella di fumettista con lo splendido Dork Tower, fumetto storico che arriva quest'annob al traguardo di 15 anni di vita, tra albi in fumetteria e strisce on-line, tutto incentrato su un gruppo di giocatori (principalmente roleplayers, ma il fumetto tocca anche giochi da tavolo, wargames, videogiochi, e tutta la cultura pop in generale).

sabato 28 aprile 2012

Anteprima - High Noon Saloon

scritto da Iziosbiribizio

Per chi ha sempre sognato di sentirsi chiamare "ehi, Gringo"...per chi il cane non è un animale, ma una parte della pistola... in sostanza, per tutti quelli a cui prudono le mani e non vedono l'ora di aggiungere agli amici qualche buco in più, è uscito un nuovo gioco.
Nel famoso vecchio west, sta l'High Noon Saloon, dove da 2 a 6 pistoleri riempiranno l'aria di piombo, ma in questo caso non si tratterà di inquinamento. Cliff Bohm e Geoff Bottone hanno ideato il gioco, che è edito dalla Slugfest games. Una partita dura circa 45 minuti. Pare tutto ok, ma quanto questo gioco riuscirà a non passare per il clone di BANG? Scopriamolo.

venerdì 27 aprile 2012

Anteprima - Farmerama (il gioco da tavolo)

Scritto da Iziosbiribizio


Nella vecchia fattoria non ci sta lo zio Tobia, ma il povero Uwe Rosenberg, che ormai si trova incatenato al settore agricolo del gioco da tavola. Il creatore di Agricola, Le Havre e molti altri questa volta ha ideato, su commissione della Ravensburger, il gioco da tavolo del famoso browser game Farmerama.
Scopo del gioco è di trovare le stelle, come nell'originale, impegnando da 1 a 4 giocatori per circa un'ora. Come sempre Uwe fornisce una versione in solitaria e delle regole base più altre aggiuntive, da "agricoltore professionista".

giovedì 26 aprile 2012

I Video di TableTop - Boardgame & Celebrities

Scritto da Chrys

Molti di voi forse conosceranno già l'attore Wil Wheaton: gli appassionati di fantascienza lo ricorderanno per il personaggio del Guardiamarina Wesley Crusher in Star Trek Next Generation, altri per la sua interpretazione in Stand By Me, i più geek per la sua partecipazione in Big Bang Theory (in cui interpreta se stesso) e nelle ultime tre stagioni di The Guild, altri ancora per vari ruoli minori (Numb3rs, Leverage, Eureka, ecc.).

In questa veste parliamo di lui soprattutto in qualità di famoso e pubblicamente dichiarato boardgamer (nonchè appassionato di fumetti, anime e molto altro... non a caso è stato scelto nel ruolo di se stesso in Big Bang Theory) ormai da moltissimi anni, al punto che Jhon Kovalich, famoso fumettista nonchè illustartore di munckin e molti altri giochi, lo ha inserito già 7-8 anni nei suoi fumetti come uno dei quattro membri fondatori della League of Extraordinary Gamers (se non lo sapeste gli altri 3 sono Robin William, Vin Diesel e Curt Schilling). Perchè stiamo parlando di lui, mi chiederete?

mercoledì 25 aprile 2012

Kingdom Builder: Nomads

Scritto da Chrys

Dopo Essen abbiamo parlato diffusamente di Kingdom Builder (2-4 giocatori), il gioco essenita di punta marchiato Queen Games che io e Fabio abbiamo avuto modo di provare: il gioco base non ci aveva esaltato particolarmente ma aveva invece riscosso parecchi consensi nella comunità gamer (al punto che per dare una opinione più completa ed equilibrata Fabio ha scritto l'articolo a quattro mani con Poldeold che rientrava invece nella cerchia di chi lo aveva apprezzato).

Oggi torniamo a parlarne in occasione dell'espansione appena uscita in germania è cioè Kingdom Builder: Nomads.


martedì 24 aprile 2012

Anteprima - Dark Minions

scritto da Iziosbiribizio

Avete x anni di tempo per costruire il vostro impero/città, poi quando arriverà l'inverno, orde di famelici goblin, feroci barbari e maleducatissimi nani cercheranno di distruggere tutto. Vi suona familiare? Beh, questa volta i ruoli si invertono.
Dark Minions finalmente lascia la sudata di costruire e difendere a qualcun altro, lasciando solo il gusto di distruggere tutto. Un pò come quando sulla spiaggia guardate un bimbo che costruisce il suo bel castello di sabbia, e con ghigno malefico bramate il momento in cui si assenterà per un attimo...
Alan M. Newman permette quindi a 3-5 giocatori per 45-60 minuti di comandare un'orda di Dark Minions, che si può tradurre in servi (nel senso di sgherri) oscuri, per cui finalmente si potrà essere a capo delle forze del male, per distruggere cittadine medievali e guadagnare Vanquish points (Vps), e ovviamente chi distrugge di più vince.

lunedì 23 aprile 2012

Anteprima - Collapsible D (the final minutes of the Titanic)


Anteprima - Collapsible D (the final minutes of the Titanic) di Nero79

Al Play di Modena quest'anno si è affacciata una nuova realtà editoriale tutta italiana nonostante il nome anglofono e decisamente altisonante di Sir Chester Cobblepot. Dietro questo nome, ritroviamo una coppia nota del panorama ludico, Gianluca Santopietro (Letters from Whitechapel, Wizards of Mickey, Sì oscuro Padrino...) e suo figlio Giacomo Santopietro (Death Note, Objection Justice Duel, Prodigy).


L'idea alla base di questo studio di progettazione giochi è quella di unire (cito a memoria dal loro disclaimer) lo stile inglese alla precisione tedesca mischiando il tutto con la creatività italiana per ottenere giochi con componentistica di alta qualità interamente made in Italy.

domenica 22 aprile 2012

Lancaster: The New Laws (espansione)

News di Chrys.

Sono rimasto un po' perplesso di questa operazione della Queen Games... infatti Lancaster: The New Laws è stata presentata ad Essen 2011 come un espansione per l'ottimo Lancaster, di cui abbiamo già parlato diffusamente, ma mi aspettavo sinceramente qualcosina di più. 

Di fatto però è diventata reperibile solo da poco, come molti altri titoli recenti di Essen... quest'anno le case sono andate quasi tutte in fiera con tirature minime giusto per sfangare Essen (la crisi tocca un po' tutti).

sabato 21 aprile 2012

Recensione - Crooks

Recensione - Crooks di Nero79

Quest'oggi vi parlo di nuovo di un prodotto della linea di giochi di carte della olandese White Goblin Games, (la serie che include Crazy creatures of dr. Doom, Little Devils, Get Nuts ecc...). 
Il titolo in questione è Crooks, gioco di Neil Crowley per 2-4 giocatori, durata media a partita tra i 10 e i 20 minuti, in linea con le caratteristiche da filler dei giochi inclusi in questa serie.
Anni 20, i giocatori, nei panni di pericolosi Maestri del Crimine, setacceranno i più malfamati covi in cerca degli scagnozzi migliori da mandare in giro per la città a rapinare banche, negozi ecc...
Riuscire nell'impresa darà un certo numero di punti vittoria variabili anche in base alle carte giocate (sia nostre che di altri giocatori) e ulteriori punti verranno assegnati se è stata reclutata la maggioranza di scagnozzi di una delle tre gang presenti nel gioco.

venerdì 20 aprile 2012

Torino Comics (& Games) - Report

Scritto da Chrys

Come accennato settimana scorsa ho partecipato a Torino Comics 2012 (13-14-15 aprile) come dimostratore nell'area games, assieme ad altri ragazzi e ragazze di GiocaTorino e avevo piacere di condividere con voi le mie impressioni della manifestazione.

Torino Comics è un evento che è nato inizialmente come legato al solo mondo del fumetto ma la parte ludica si è fatta strada ritagliandosi una fetta sempre maggiore con tornei, eventi e stand dedicati al gioco da tavolo... non sto a dettagliarvi gli eventi perchè l'ho già fatto nell'articolo precedente ma ho notato un forte afflusso ed un interesse notevole per la parte boardgames. 


giovedì 19 aprile 2012

Anteprima/Recensione - Ugg-Tect

Anteprima/Recensione di Nero79

Torno a parlare di una operazione di rebranding della Fantasy Flight Games. Direttamente dal loro sito, scopriamo che sbarcherà finalmente in America proprio grazie a questo editore, un party game del 2009 del nostro amico Walter Obert (Strada Romana, Loch Ness, Histericoach...).
Si tratta del famoso e caciarone Aargh!Tect, rinominato per l'occasione Ugg-Tect probabilmente per venire incontro ai gusti linguistici americani e mantenere il gioco di parole del titolo comprensibile per quel pubblico (in Francia per lo stesso motivo è diventato Aargh!Tecte, mentre in Spagna Trogloditargh).
Indipendentemente dal nome però, l'essenza del gioco non cambia. I giocatori vestiranno i panni di architetti prestorici che, non avendo ancora sviluppato un linguaggio, cercheranno di far costruire ai propri operai le loro opere utilizzando solo suoni gutturali, gesti e clavate sulla testa.

mercoledì 18 aprile 2012

Essen 2012: le anticipazioni

scritto da Fabio

E' passato pochissimo tempo dalla uscita su queste colonne virtuali degli articoli con carrellate di novità legate alla fiera di Norimberga, ma il mondo del gioco da tavolo non si ferma mai e fervono i preparativi per la prossima rassegna di Essen (di ottobre). Le varie case infatti stanno perfezionando in questo periodo le proprie uscite, dandone notizia alla stampa ed agli internet media nella speranza di creare, in questi mesi di attesa, la giusta aspettativa verso i loro titoli. 
Sono così a proporvi il primo articolino di presentazione di novità attese per la prossima fiera: naturalmente, a questa distanza di tempo, si tratta soprattutto di flash, ma so che ai più appassionati tenersi sempre aggiornati fa sempre piacere !

Fun Forge

Esordisco con questa casa relativamente meno conosciuta di altre perchè darà alle stampe una nuova creazione di Antoine Bauza, il quale, dopo il successone planetario di 7 Wonders, è ora al centro dell'attenzione per ogni sua uscita. Vedrà la luce ad ottobre Tokaido, prodotto che ci porta ancora, dopo Takenoko, in Giappone, trasportandoci sul percorso omonimo che collega Kyoto ad Edo: i giocatori (da 2 a 4 per un tempo di gioco contenuto tra la mezz'oretta ed i tre quarti d'ora) sfrutteranno le varie tappe del percorso come occasioni di guadagno e di acquisto di ricordi e souvenir.

martedì 17 aprile 2012

Onirim

Scritto da Iziosbiribizio

Avete mai fatto un sogno in cui state scappando da qualcuno, e per quanto corriate lo sentite sempre dietro di voi? E quando state per essere raggiunti, la paura aumenta, ormai le possibilità di salvezza sono terminate e... puff, vi svegliate. Ma se invece rischiaste di non potervi svegliare? In Onirim può accadere.
Onirim è un gioco di carte in solitario o con un altro giocatore, inventato da Shadi Torbey, ed edito dalla Zman games.
Per 15 minuti potrete perdervi in un labirinto onirico nei panni di un dreamwalker, cercando le oneiric doors, unica via d'uscita verso la libertà, prima che finisca il tempo del sogno.

lunedì 16 aprile 2012

Recensione - Dr. Shark

Recensione di Nero79

Antoine Bauza (7 Wonders, Takenoko, Ghost Sale...) e Bruno Cathala (Cyclades, Mare Nostrum...) sono autori di successo che hanno saputo reinterpretare meccaniche certo non inventate da loro, in maniera elegante e originale, ecco quindi che l'uscita di questo Dr Shark, realizzato dalla coppia per Hurrican (editore famoso soprattutto per Mr. Jack dello stesso Cathala) mi ha incuriosito soprattutto perché non sapevo cosa questi due avrebbero potuto escogitare insieme. Dr. Shark è un gioco per famiglie e giocatori occasionali che si concentra su uno dei sensi dei giocatori che viene utilizzato meno nei giochi da tavolo (vale a dire il tatto).

sabato 14 aprile 2012

Anteprima - Lemonade Stand

scritto da Iziosbiribizio

Grazie a Kickstarter, molti giochi hanno avuto la possibilità di venire alla luce, permettendoci di giocare le idee degli autori che, altrimenti, non avrebbero avuto l'occasione di far pubblicare il loro gioco e questo vale anche per Lemonade Stand (qui il link alla campagna di raccolta fondi, che ha avuto successo), che verrà pubblicato quest'anno dalla Mayday Games.
L'idea di Trevor Cram è quella di farci provare un'esperienza che abbiamo visto più e più volte nei vari cartoon e film americani, ovvero allestire un banco della limonata. Il gioco (che contiene alcune scritte in inglese) permette da 2 a 4 bambini (anche bambini cresciuti eh) di vestire i panni (stretti) di un piccolo imprenditore nel campo della ristorazione (...).

venerdì 13 aprile 2012

Anteprima - The Island

Anteprima di Nero79

Pubblicato originariamente nel 1982 da Parker Brothers con il titolo di Survive!, questo gioco di Julian Courtland-Smith, uno dei miei preferiti da sempre lo dico subito, ha subito negli anni più cambi di look di Batman o Madonna pur restando essenzialmente lo stesso. In questa recensione cercherò di fare una carrellata delle sue trasformazioni cercando di dare un'idea del funzionamento del gioco paragonando anche materiali, regole e appeal delle varie versioni.

giovedì 12 aprile 2012

Torino Comics 2012 - Area Games

Scritto a Chrys.

In questi giorni (13-14-15 aprile) si terrà come ogni anno la nuova edizione di Torino Comics: la fiera nacque molti anni fa ed era inizialmente improntata al solo fumetto, ma con gli anni si sono fatte spazio anche altre attività di stampo più ludico.

Anche quest'anno assieme ai fumetti, ai cosplayers (che devo dire migliorano di anno in anno ^__^) e alle altre attività canoniche ci sarà quindi una Area Games che proporrà attività di vario tipo.

Recensione : The Gang

scritta da Fabio (Pinco11)

Annualmente alla fiera di Lucca si tiene un concorso per giochi inediti, il vincitore del quale si aggiudica il diritto di essere pubblicato in occasione della successiva Lucca Comics, grazie ad un accordo stipulato con la DvGiochi: per quanto nessuno degli entrati nell'albo d'oro abbia poi sfondato in assoluto, vari dei titoli che si sono imposti hanno comunque ottenuto un buon ritorno di immagine ed in alcuni casi anche di vendite, per  cui il premio è comprensibilmente ambito. Ci occupiamo quindi oggi del vincitore dell'edizione 2010 (il cui tema era alleanze ed intrighi), che è stato quindi stampato pochi mesi fa, ossia di Cattura la banda, di Antonello Lotronto, gioco per 2-5 giocatori, indipendente dalla lingua, adatto dagli 8 anni un su, con partite di durata media di 20 minuti, il cui titolo al momento della sua pubblicazione è stato cambiato, schiacciando l'occhio al titolo di punto dell'editore dvGiochi (ossia Bang) in The Gang.
L'idea di fondo è che due gruppi di gangster siano in aperto conflitto nelle tre città di Chicago, Detroit e Los Angeles e che i partecipanti cerchino di inserirsi in queste lotte, guadagnando il maggior prestigio possibile.

mercoledì 11 aprile 2012

Discworld Ankh-Morpork - Prova su strada

scritto da Chrys

Chi mi conosce sa che sono un fan sfegatato di Terry Pratchett del quale possiedo tutto quello che ha scritto ed anche qualcosa di più (?!). Per chi non lo conoscesse si tratta di uno degli scrittori inglesi più tradotti e venduti al mondo con all'attivo decine di romanzi e innumerevoli riconoscimenti (tra cui Carnegie Medal, Cavaliere della Corona per meriti letterari, 4 lauree honoris causa, Ufficiale dell'Impero Britannico per meriti letterari). 

Tutti i suoi romanzi (di cui ne trovate qui un elenco) sono ambientati sul Mondo Disco... si tratta di un'ambientazione fantasy vittoriana pervasa da una fortissima vena comica e surreale, pur mantenendo una solidissima coerenza sia narrativa che di ambientazione. È difficile spiegare a parole la sua capacità di descrivere ed intrattenere: se non l'avete mai letto dategli una possibilità (io personalmente per iniziare suggerirei "A me le Guardie!", "Morty l'apprendista" oppure "Tartarughe Divine", ma va bene un po' tutto).

martedì 10 aprile 2012

Anteprima - Sky Traders

Anteprima - Sky Traders di Nero79
Nonostante il titolo inglese (traducibile come "commercianti dei cieli") e un editore americano di tutto rispetto come Fantasy Flight in partnership con Dust Games, il titolo di cui vi parlo oggi è un gioco di Gioacchino Prestigiacomo, italianissimo neoautore che già aveva parlato di questo progetto a ideag 2011, convivio di inventori di giochi corredato in quella edizione anche da interessanti presentazioni video di giochi in via di sviluppo, in fase di testing o, come per quest'ultimo, in procinto di essere pubblicati.

lunedì 9 aprile 2012

In breve - Castellan

scritto da Fabio (Pinco11)

Ammetto di essermi lasciato spingere, nello scrivere questo articolo, dall'entusiasmo iniziale suscitato dalla componentistica ripresa nelle prime foto di questo gioco trapelate su internet, ma, come si dice, 'anche l'occhio vuole la sua parte'.
Castellan, ideato da Beau Beckett (sinora autore solo di un paio di titoli, tra i quali però il noto wargame 1812: The invasion of Canada), è un titolo in fase di playtesting ed annunziato in uscita nei prossimi mesi dalla Steva Jackson Games (per 2 giocatori, del tutto indipendente dalla lingua, tempo medio a partita una quarantina di minuti). Qui i giocatori entreranno nei panni di altrettanti costruttori di castelli i quali dovranno, con meccaniche da 'piazzamento tessere', costruire una classica fortezza merlata medievale.

domenica 8 aprile 2012

Buona Pasqua!!!



Gioiosi e giocosi auguri di buona Pasqua a tutti !!! 


E non dimenticate, nella gitarella di pasquetta o nel dopo pranzone di Pasqua, per smorzare il sonno da digestione, di portare con voi anche qualche gioco da tavolo, che l'occasione fa l'uomo ... giocatore ;)


sabato 7 aprile 2012

Preview - Cards against umanity

scritto da Fabio (Pinco11)

Parlo oggi di un titolo che appartiene sicuramente alla categoria, molto americana come ispirazione, dei party games, nei quali scopo del gioco è praticamente solo quello di suscitare l'ilarità dei presenti, costituendo il meccanismo che porta alla vittoria o sconfitta un mero pretesto per tenere le persone intorno al tavolo.
Il gioco in questione è Cards Against Humanity, per 4-30 giocatori (tempo medio a partita intorno ai 30 minuti, fortemente dipendente dalla lingua, visto che le carte contengono testo in inglese), gioco di carte nel quale i partecipanti sono chiamati a rispondere a domande 'scottanti' utilizzando le carte a propria disposizione, creando spesso combinazioni imbarazzanti.
Si tratta di un gioco indirizzato, proprio per le tematiche, ad un pubblico adulto (per quanto cercherò di restare sul 'lecito', questo articolo non è quindi indirizzato ai del tutto puri di spirito), che normalmente, sia per le sue meccaniche che per i contenuti, sarebbe rimasto lontano dai mie radar, però il successo ottenuto, consistente sia nella produzione raggiunta con il crowdfunding di Kickstarter (dove ha raccolto 15.000 dollari) sia nella scalata nelle classifiche di vendita di giochi su Amazon.com, dove ha raggiunto la vetta, mi ha interessato. Inoltre gli ideatori, ossia un gruppone di amici a stelle e strisce, hanno scelto di lasciare il pdf del gioco libero per il download sul loro sito, rendendolo così un vero e proprio print and play gratuito, iniziativa che mi ha alfine spinto a parlarvene.

venerdì 6 aprile 2012

[I classici] - Bang!

Scritto da Fabio (Pinco11)

Nella serie di articoli dedicata ai 'classici', ossia a quei giochi (non moltissimi) che continuano, nonostante le centinaia di novità che ogni si presentano sul mercato, ad essere venduti e, soprattutto, ad essere giocati costantemente negli anni dai loro proprietari nelle serate con gli amici, non poteva mancare Bang!, gioco di carte ideato oramai dieci anni fa da Emiliano Sciarra ed edito dalla DvGiochi. Il titolo (per 4-7 giocatori dagli 8 anni in su, tempo medio a partita 30 minuti, lievemente dipendente dalla lingua, in quanto alcune carte contengono testo, che è comunque scritto anche in italiano) mette i giocatori nei panni di altrettanti abitanti di una cittadina che possiamo immaginare come una di quelle dei classici film western (direi però quelli all'italiana, piuttosto che i classici americani), impegnati in una divertente sparatoria tra loro.
Il pubblico al quale è rivolgo il gioco è amplissimo, direi familiare (la grafica non contiene tracce di sangue o immagini violente, per cui direi che non ci sono problemi con i bambini, visto che anche gli spari avvengono a colpi di 'bang' detti a voce), come conferma anche il fatto che, come recita la scatola, ne sono state vendute ad oggi oltre 500.000 copie!

giovedì 5 aprile 2012

Tanto Cuore - Recensione

Scritta da Chrys

Questa è senza dubbio la settimana dei giochi di deck buildig... dopo il confronto Dominion/Thunderstone di pochi giorni fa torniamo oggi a parlare di un gioco di questa categoria, sebbene dalla tematica e dalla provenienza molto diversa. Infatti Tanto Cuore (2-4 giocatori, di Arclight/Japanime Games) è un gioco giapponese.

Il Giappone è un paese noto soprattutto per la grande produzione videoludica di cui per moltissimi anni è stata leader indiscussa (con Sony, Nintendo e Sega) e della quale controlla ancora una grossa fetta. Ma questo ne ha anche fatto un popolo incline a giocare e negli ultimi anni il gioco da tavolo si è diffuso parecchio, sia con localizzazioni dei principali giochi occidentali sia con una produzione propria (in gran parte deck building) di cui però per una serie di motivi ben poco arriva a noi (prima di Essen avevo anche fatto un'articolo con una carrellata dei boardgame giapponesi presentati ad Essen).

mercoledì 4 aprile 2012

Recensione - Kill Dr. Lucky

Recensione - Kill Dr. Lucky di Nero79

Kill Dr. Lucky è un gioco di James Earnst pubblicato originariamente da Cheapass Games nel 1996 e riproposto da Titanic Games e Paizo Publishing qualche anno dopo nella sua versione riveduta e corretta per quanto riguarda regole, grafica e materiali. In questa recensione prenderemo in considerazione proprio quest'ultima versione. Il gioco ha vinto nel 1997 L'Origins Awards come miglior gioco astratto (anche se non è propriamente un astratto). L'idea alla base del gioco è molto simpatica e accattivante. Kill Dr. Lucky è in pratica un prequel non autorizzato del famosissimo Cluedo (Clue in America).

martedì 3 aprile 2012

Anteprima - Nexus Ops

scritto da Iziosbiribizio

Come per i film, a volte anche i giochi hanno la possibilità di avere un remake, ma a differenza delle pellicole cinematografiche solitamente i primi hanno una maggiore fortuna. Infatti la riedizione di un gioco permette di partire da una base solida(le regole) e potersi dedicare a ciò che era stato trascurato prima(i materiali, la grafica), con magari qualche aggiunta extra.
Il gioco (per 2-4 giocatori, tempo medio a partita intorno ai 90 minuti, dipendente dalla lingua, causa presena testo inglese) per la serie "a volte ritornano" che andremo ad analizzare è Nexus Ops,  ideato da Charlie Catino, pubblicato prima dalla Avalon Hill e poi "rimasterizzato" dalla Fantasy Flight Games, di cui tutti conosciamo la fama in termini di grafica e materiali e...costi.
La storia è tipicamente fantascientifica (ma anche piuttosto attuale, leggendo tra le righe): nel 2315 l'umanità dipende dal consumo di una nuova forma di energia, il Rubium, che alimenta tutte le tecnologie del futuro. Ovviamente è molto raro. Un gruppo di esploratori scopre un enorme giacimento su una luna aliena, e decidono di usare l'informazione per garantirsi i fondi per le loro esplorazioni. Come? vendendo l'esclusiva ad altre aziende. Contemporaneamente. Il risultato ovviamente è una lunga battaglia senza esclusione di colpi, allo scopo di rimanere l'ultima organizzazione a poter usufruire del prezioso Rubium.

lunedì 2 aprile 2012

Dominion VS Thunderstone - Confronto

Scritto da polloviparo.


Nel 2008 vede la luce Dominion titolo firmato Donald X Vaccarino, presentato in occasione della fiera di Essen.
Ricordo come fosse oggi, che a pochi giorni dall’evento non si parlava quasi d’altro.
L’hype creatasi attorno a questo titolo era davvero enorme. Tutti erano concordi nel decretarlo vincitore della fiera ancora prima che questa cominciasse.
Le attese a quanto pare non furono smentite e il gioco riscontrò il parere favorevole di molti giocatori, assicurandosi diversi premi e riconoscimenti.
Il deckbuilding era entrato di prepotenza nel mondo dei giochi da tavolo…
Superato un disorientamento iniziale: “Ma si tratta di un gioco da tavolo o di un gioco di carte?”… “Di carte scusa ci sono solo carte!”… “Sì però la scatola è quella di un gioco da tavolo…”  il gioco entrò presto nelle “grazie” di molti giocatori.
Il successo ottenuto, trova riscontro nella pubblicazione di una moltitudine di espansioni che aggiungono carte (e longevità) al set base.
Così, sfruttando un po’ la scia di successo tracciata da Donald X Vaccarino, l’anno successivo (2009) viene pubblicato Thunderstone di Mike Elliott.
Le similitudini fra i due titoli sono subito evidenti, scatola dello stesso formato, tema fantasy, oltre 500 carte e sistema di deckbuilding.
Anche Thunderstone è comunque capace di ritagliarsi la sua fetta di sostenitori e ad oggi può vantare a catalogo l’esistenza di diverse espansioni.

A distanza di qualche anno vedremo di dare una risposta alla domanda che già molti prima di noi si sono posti: “Meglio Dominion o Thunderstone?”

domenica 1 aprile 2012

[nonsolograndi] Recensione - Zebra-Schwein

Recensione di Nero79

Quest'oggi ho pensato di contribuire alla rubrica di Fabio con un gioco appena giunto sugli scaffali tedeschi dei grandi magazzini, destinato, come potete immaginare non solo agli adulti.
Sto parlando di Zebra-Schwein (Zebra-Maiale) un gioco per 3-6 giocatori ideato da Emely e Lukas Brand e pubblicato da Schmidt Spiele. Si tratta di un gioco che ha alla base un'idea semplicissima e che come tale potrebbe piacere molto ai vostri bambini, specialmente se adorano disegnare.