martedì 14 agosto 2012

Dobble - Recensione


Scritta da Chrys.

Visto che siamo in un periodo vacanziero oggi sarà il turno di un gioco di quelli belli sempre e ciaciaroni, ma particolarmente adatti a pic-nic, grigliate o partite sotto l'ombrellone. 

Sto parlando di Dobble (2-8 giocatori) edito dalla Asmodee e da Asterion nella sua incarnazione italiana.

Dobble è un gioco di colpo d'occhio e velocità, basato su una maccanica in tempo reale ed estremamente portatile e semplice da spiegare.

LA CONFEZIONE
Il gioco è compattissimo e consta di un mazzo di 55 carte dalla forma rotonda ed un piccolo regolamento. Il tutto è contenuto in una comoda scatolina di metallo cilindrica di 9-10 cm di diametro. Per motivi di visibilità a scaffale (o per il piacere di abbattere qualche albero in più) la scatoletta quando lo comprate è contenuta in un box di cartone molto più grande. Le carte sono belle, chiare e molto colorate.

COME SI GIOCA
Su ogni carta vi sono 8 simboli differenti di dimensioni variabili. La particolarità è che ognuna delle 55 carte ha un simbolo (ma solo uno) in comune con qualsiasi altra carta: quindi prendendo due carte a caso tra di loro avremo sempre una sola icona comune.

Nel regolamento troviamo 5 differenti giochi che prevedono sempre di essere i più abili  e veloci nel trovare i simboli in comune tra varie carte; a seguire vi vado a sintetizzare le varie modalità di gioco.

La torre infernale: ad ogni giocatore viene data una carta a caso e al centro del tavolo si mette una pila di carte a faccia in su... al via ogni giocatore cerca l'immagine in comune tra la propria carta e quella centrale e se lo trova lo dice e prende la carta mettendola sopra la propria (diventa la propri nuova carta da confrontare) e scoprendo così una nuova carta in centro. Si prosegue fino a fine amzzo e chi alla fine ha più carte vince. 

Il Pozzo: funziona al contrario del gioco precedente ed ogni giocatore riceve quindi un mazzo e viene messa una carta al centro; quando si trova il simbolo comune tra la propria carta e quella in centro la si scarta mettendola in centro e rivelando così la propria carta successivo. Il primo a finire il proprio mazzo vince.

La patata bollente: qui ognuno riceve una pila di carte ed ogni round prende in mano la prima e la rivela simultaneamente a tutti gli altri tenendola sul palmo a faccia in su; se un giocatore vede un simbolo in comune tra la propria carta e quella di un altro lo dichiara e gli mette la propria carta (o carte se gliene hanno già rifilate questo round) sopra quella dell'avversario. L'ultimo si troverà quindi con in mano tutte le carte avversarie che metterà da parte. Il round si ripete e alla fine vince chi ha meno carte.

Prendile tutte: si creano tanti mazzetti quanti i giocatori più uno centrale... ogni round tutti rivelano la carta di un mazzetto dopodichè tutti cercano di trovare il simbolo in comune tra quella centrale e le carte appena girate (non conta chi gira quale mazzo) e se lo trova la prende. Quando le carte del round son finite si cambia la centrale e si ripete fino a finire i mazzetti. Chi ha arraffato più carte alla fine vince.

Il regalo avvelenato: ognuno parte con 1 carta a faccia su e si mette al centro il mazzo a faccia in su... bisogna trovare un oggetto in comune tra la carta in cima al mazzo centrale e quella di un qualunque avversario e se lo si trova lo si dice e sipiazza la carta centrale sulla sua. Quando finisce il mazzo centrale chi ha meno carte vince.

CONSIDERAZIONI FINALI
Il gioco è molto carino e divertente... il fatto che sia spiegabile in 2 minuti e le varie modalità di gioco lo rendono un ottimo filler adattissimo anche a giocatori occasionali, mentre le dimensione ridotte lo rendono, come già detto, un ottimo "gioco da asporto" per l'estate o le scampagnate.

Anche a livello di spazio occupa pochissimo ed alcune modalità (ad esempio patata bollente) non richiedono nemmeno un piano di gioco.

Come immaginabile una partita dura pochissimi minuti e normalmente si tendono a provare i vari giochi uno dopo l'altro o a fare più partite allo stesso. Se uno volesse lo stesso regolamento prevede una modalità "torneo" con un criterio di assegnazione punti diverso per ogni gioco, in modo da poter alla fine incoronare un vincitore.

Il gioco esiste in italiano (by Asterion) ma se anche voleste prendervelo in altre lingue la dipendenza è nulla (a parte per il manualetto che poi contiene le regole sopra elencate). Trattandosi comunque di un gioco dal costo molto contenuto non vedo perchè non supportare gli editori italiani. ;)

Il gioco è disponibile ad un prezzo di listino di 16,90 euro e come al solito potete anche comperarlo online su Egyp.it dove lo trovate a 15,50 (almeno mentre scrivevo l'aticolo).

Nota: i diritti sui titoli citati spettano alle rispettive case produttrici, sempre indicate nel parlare dei vari giochi. Le immagini sono state tratte dal sito della casa in questione: ai proprietari dei giochi e delle immagini spettano tutti i diritti su di esse: vi è piena disponibilità a rimuovere ogni notizia od immagine su semplice richiesta o ad aggiungere specificazioni o chiarimenti --

3 commenti:

  1. Eccezionale filler che ha sempre riscontrato un successone ogni volta che l'ho proposto!
    Non bisogna però abusarne: rischio di forte mal di testa sia per lo spremi meningi a corto termine sia per le urla che si prodigano man mano che il gioco va avanti.
    Consigliatissimo anche per chi ha figli o nipoti abbastanza piccoli (dai 5 anni in su), anzi a volte sono proprio loro che sorprendono i più grandicelli!!

    RispondiElimina
  2. segnalo che sulla Tana, nella sezione download, vi sono già un paio di varianti in più per utilizzare le carte di dobble

    RispondiElimina
  3. Questo è l'altro gioco (insieme a Mondo Sapiens) in cui mia moglie mi batte regolarmente. A volte però è sufficiente una sola coppia vista per primo e pronunciata con misurata lentezza per provare una notevole soddisfazione, come un tocco morbido a biliardo che scorre con traiettoria precisa e forza centellinata sul panno vellutato. In gruppo la modalità che ci piace meno è "il regalo avvelenato", perché qui le proprie capacità contano poco se tutti gli altri ti sommergono di carte. Quando lo proponiamo, di solito le proviamo tutte e cinque e poi chiediamo quali vogliono bissare.
    I disegni azzurrini sono decisamente i più difficili da notare!
    Ne abbiamo sempre una copia nuova a casa come regalo dell'ultimo minuto ^_^

    RispondiElimina