giovedì 13 ottobre 2011

Ticket to Ride: India

scritto da Chrys

Il vendutissimo Ticket to Ride della Days of Wonder darà i natali a Ticket to Ride: India una nuova scatola di mappe/varianti aggiuntive, che vanno ad aggiungersi al Map Box di cui vi ho parlato un mesetto fa (Ticket to Ride: Asia).

Anche in questo caso non sarà una nuova scatola base ma un espansione quindi dovrete avere una delle altre scatole base (Ticket to Ride, Ticket to Ride: Europa o Ticket to Ride: Merklin). Questo box sarà disponibile in vendita per dopo Essen (verso novembre) ad un prezzo di vendita di circa 28 euro.


Per chi non lo conoscesse Ticket to Ride è un famoso gioco ferroviario abbastanza rapido ed intuitivo (si gioca in un oretta) ed adatto anche ad un pubblico family per via delle regole molto semplici, pur permettendo strategie differenti e gioco più o meno aggressivo. Personalmente ammetto di apprezzare questo gioco che è anche uno straordinario gateway, soprattutto per far approcciare ai boardgame un pubblico femminile (se uno psicologo sta leggendo vorrei mi spiegasse il motivo).

NELLA SCATOLA
Dentro la scatola di Ticket to Ride: India troveremo 2 "nuove" mappe (sotto le vedete).

In realtà solo la mappa "India" che da il nome al gioco è effettivamente nuova in quanto la variante Svizzera era già uscita 5-6 anni fa in tiratura contenuta (era già difficile trovarla allora ed è da tempo esaurita da cui la ragione per cui è stata riproposta). Nella scatola troveremo anche du mazzi di biglietti destinazione e i due regolamenti.


SWITZERLAND
La mappa Svizzera è nata per essere giocata in 2-3 giocatori usando solo 40 vagoni a testa (personalmente l'ho provata anche in 4 e riducendo i treni a 35 a testa scorre abbastanza liscia). Nacque, un po come anche per la mappa dei paesi nordici, da un esigenza da parte dei fan di una mappa competitiva per pochi giocatori.
Infatti il gioco base per quanto giocabile da 2 in su, mostra un po' il fianco in tre e soprattutto in due: infatti essendo territori ampi capita talvolta che magari in TTR America i deu giocatori si trovino per caso a dover fare obbiettivi uno tutti in zona centro-est e l'altro in centro-ovest. La mappa della Svizzera ha meno percorsi, meno spazio e tratte molto più accavallate, ed è pertanto una mappa molto competitiva anche in due.

In questa variante le carte locomotiva (i jolly) possono essere pescati scoperti come carte normali (quindi anche 2 assieme) ma possono essere usati SOLO nelle gallerie e non più nelle tratte normali (ma come immaginate la Svizzera non è parca di tunnel, e richiede quindi di andare più cauti).

Inoltre sono state aggiunte due tipologie di tratte: città-nazione e nazione-nazione. La svizzera è infatti circondata da quattro paesi e vi sono delle tratte che escono dal confine nazionale e questi obbiettivi richiedono di collegare due nazioni o una città ad una nazione. Come notate a fianco sono inoltre obbiettivi multipli ed ognuno a fine partita può scegliere quale delle 4 frecce far valere.

INDIA
La mappa India è giocabile in 2-4 giocatori e aggiunge anch'essa alcuni elementi nuovi rispetto al gioco base. Troviamo infatti i traghetti (già visti in TTR: Europa) cioè delle tratte che attraversano uno specchio d'acqua e richiedono obbligatoriamente 1-2 giolli per essere completate.

Inoltre a fine partita abbiamo un nuovo bonus che si aggiunge a quello per la tratta più lunga: si tratta del bonus Gran Tour che assegna dei punti extra ai giocatori che riescono a creare dei percorsi circolari, e cioè che hanno le due città di un biglietto destinazione collegate attraverso almeno 2 tragitti distinti e continui che non condividono nessun vagone. Il bonus è proporzionale al numero di obbiettivi che riescono a chiudere con un doppio circuito. Inutile dire che in questo caso la pianificazione dei percorsi appare ancora più importante, nel tentativo di creare combo utili.



LE MIE IMPRESSIONI
Vale quanto detto nel precedente articolo, sebbene tra i due box questo mi sembra il meno interessante (l'altro proponeva anche una nuovissima variante a squadre e componentistica un po' più abbondante). La cosa naturalmente si ribalta nel caso si sia spesso in pochi a giocare... in questo caso TTR: India sembra una scelta interessante per la presenza di due mappe abbastanza compatte e adatte a piccoli gruppi di gioco.

In un mercato che propone talvolta espansioni un po' prive di sostanza questi box da 2 mappe mi sembra abbiano un prezzo abbastanza onesto (soprattutto se considerate che TTR: Switzerland aveva un prezzo di listino di 19 euro da sola e parliamo del lontano 2005).

Ogni mappa presenta alcune varianti interessanto, oltre naturalmente ad una nuova conformazione delle tratte che già di per se rivitalizza enormemente il gioco per gli appassionati (come me) perchè li mette di fronte alla necessità di ricreare da zero delle nuove strategie.

-- Le immagini sono tratte dal sito della casa produttrice (Days of Wonder), alla quale appartengono tutti i diritti sul gioco. Le immagini e regole sono state riprodotte ritenendo che la cosa possa rappresentare una gradita forma di presentazione del gioco e saranno rimosse su semplice richiesta. --

2 commenti:

  1. Personalmente trovo che la DOW con tutte queste espansioni (non solo per TTR, ma mi riferisco anche a Memoir 44 e Small World) stia perdendo un po' di smalto come casa editrice... Queste mappe le ritengo del tutto inutili.

    RispondiElimina
  2. Ho notato anche io un netto cambio nelle produzioni della DoW negli ultimi anni: seppur abbia sempre puntato su produzioni mirate ad un ampio bacino di utenti i primi titoli sono stati dei bei giochi che spiccavano molto, senza contare l'ottima componentistica (Ticket to Ride, Colosseum, Mistery of the Abbey, Small World, Shadows over Camelot, Cleopatra, ecc..). Sono tutti titoli che ho apprezzato molto soprattutto per esser ottimi introduttivi per far avvicinare i neofiti al gioco (regole semplici, bella grafica, giochi divertenti).

    Ultimamente, tolto Cargo Noir che prende il tempo che trova, si è data alle espansioni dei titoli di punta e ai party game (ho parlato da poco sia di Fictionaire che di Gambit7... peraltro giochi ben accettati quando proposti a feste o altro).

    A mio parere stanno allargando molto la base clienti, ed al momento si propongono forse come la più grossa casa americana di family games (FFG è troppo per giocatori hardcore, e la Hasbro produce quasi solo grandi classici).
    Si sono indubbiamente resi conto che le espansioni hanno un rischio basso ed un ritorno alto... e dato il periodo di recessione non gli darei certo torto dal punto di vista commerciale, che di novità per i giocatori che le cercano sono pieni gli scaffali (700 nuovi titoli ad Essen) ma anche le fosse (commercialmente parlando).

    Poi il fatto che le espansioni per Small World siano esaurite in mezzo mondo o che le nuove truppe/scenari/terreni per Memoir 44 siano alla loro quinta o sesta ristampa ci dice che, di fatto, ai giocatori queste cose piacciono e le vogliono (e finchè il cliente vuol comprare, sta certo ce il venditore produce).

    Detto questo il valore di un box come questo dipende dall'uso che se ne fa.. un hardcore gamer che compra 5-6 nuovi giochi al mese li disprezza, ma la famiglia o il giocatore occasionale, con 28 euro si porta a casa due varianti che gli rivoluzionano le partite.
    Ma non solo... io ad esempio non son certo un occasionale (ho oltre 200 giochi e ne ho giocati il triplo) ma TTR è ad anni di distanza è ancora uno dei giochi più giocati, amati e richiesti (soprattutto dalle mie giocatrici) e ci avrò fatto una sessantina di partite (!!!) quindi son ben felice di comprare un box con 2 nuove mappe (faccio felici le mie giocatrici e contemporaneamente ravvivo il gioco per me). Di certo comprerò quindi TTR: Asia (non questo perchè la svizzera la ho già, e poi normalmente giochiamo in tanti).

    RispondiElimina